XTR Rocket, l'inno di Pepo Rosell alle tricilindriche inglesi

Pepo Rosell ha voluto rievocare la leggenda delle tricilindriche inglesi Triumph e BSA con la sua nuova special, una Triumph Legend TT 900 che non a caso ha voluto chiamare "Rocket"

Correva la fine degli anni '60 quando BSA, allora proprietaria del marchio Triumph, lanciò sul mercato la Rocket 3, una tricilindrica gemella dell'altrettanto mitica Triumph Trident.

Il tricilindrico da 750 cc, realizzato da quella che oggi è la casa di Hinckley (che però allora aveva sede a Meriden, nele West Midlands) diventò ben presto una vera e propria icona del motorismo d'Oltremanica, abituato sino ad allora a grossi monocilindrici e parallel twin di vecchia concezione: potente e caratterizzato da un sound entusiasmante, il nuovo propulsore che accomunava la Trident e la Rocket non bastò a risollevare le sorti gruppo, che nonostante le buone vendite (oltre 27.000 esemplari di entrambe) diede forfait nel 1972.

Nonostante la sua breve vita, la BSA Rocket 3 è considerata una delle più iconiche moto mai prodotte nel Regno Unito: i suoi cultori sono molti ancora oggi, e non solo nella madrepatria.

Tra questi c'è anche Pepo Rosell, che ormai voi lettori di Motoblog dovreste conoscere bene. Il customizzatore francese (accasatosi però in terra spagnola, a Madrid) ha voluto omaggiare a modo suo questo mito del motociclismo britannico, realizzando questa special tricilindrica che si aggiunge alla lunga lista delle sue stupende creature su due ruote.

Dopo la bellissima Don Luis, la BMW R100 Racer di cui vi abbiamo parlato qualche settimana fa, è arrivato il momento di presentarvi l'ultima nata di casa XTR: la Rocket.

Nata dalle ceneri di una vecchia Triumph Legend TT del 2000, la special di Pepo ne eredita prima di tutto il propulsore: si tratta del tricilindrico da 900 cc alimentato a carburatori, lo stesso che equipaggiava anche la Thunderbird 900.

Come sull'antenata degli anni '60, anche questa erede moderna monta quindi un motore made in Triumph: un vero e proprio tributo al'ultima delle classiche BSA.

Lo stile è quello tipico di Pepo Rosell, che ha reso così popolare il marchio XTR: una ciclistica sopraffina, abbinata a classicheggianti forme retrò e a una colorazione squisitamente vintage.

Oltre al propulsore, anche parte della componentistica arriva da Hinckley: la forcella anteriore Ohlins è quella di una Triumph Daytona 675R, così come le ruote forgiate e parte dell'impianto frenante Brembo. Anche il parafango anteriore in fibra di carbonio, inoltre, arriva dalla supersportiva tricilindrica della casa inglese.

Anche l'impianto di scarico, che termina in un silenziatore artigianale Supermario, è made in Triumph: si tratta di quello, opportunamente riadattato, di una Speed Triple. Altre componenti, come ad esempio la pompa frizione, arrivano invece da una Ducati 1098.

Il mono-ammortizzatore posteriore è un YSS, mentre il forcellone posteriore è quello modificato della Legend TT. Modificato anche il telaio della tricilindrica Triumph, che è stato rinforzato per sopportare un utilizzo più sportivo.

Il serbatoio, equipaggiato con il tappo che proviene da una Laverda d'epoca, è quello di una Suzuki Bandit, mentre il piccolo contagiri Motogadget è praticamente il solo componente della strumentazione. La livrea bicolore bianco-rossa, realizzata da Pintumoto, è spezzata dalle tabelle portanumero gialle. Il numero 2, che richiama quello portato in gara da Randy Mamola quando correva con la Cagiva, è invece in nero.

Il telaietto posteriore, che sorregge il piccolo codino che punta all'insù, consiste in una piastra d'acciaio alleggerita tramite fori che rendono il tutto molto racing.

Per completare il lavoro, Pepo è intervenuto anche sul motore: i condotti del tricilindrico, sia quelli di scarico che quelli di aspirazione, sono stati lavorati, mentre ai tre carburatori sono stati abbinati dei filtri DNA.

Infine, per migliorare la risposta di questo triple a ogni movimento del polso destro, è stato installato un comando del gas rapido Domino.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 106 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO