MotoGP, Pol Espargarò: "Nel 2017 punterò alla Top 10"

Il 25enne spagnolo prepara la stagione 2017 in MotoGP da nuovo pilota ufficiale KTM: "La nostra moto è selvaggia, fin troppo!"

Conclusa l'esperienza con il team Yamaha Tech3 dopo tre stagioni, lo spagnolo Pol Espargarò si prepara ad affrontare il prossimo campionato del mondo della MotoGP da pilota ufficiale KTM con la consapevolezza che, vista la gioventù del progetto, si tratterà di un'annata in cui lui e il suo nuovo team avranno molto da imparare.

L'ex-iridato della Moto2 ha già avuto modo di iniziare a prendere familiarità con la sua nuova RC16 GP in occasione del test post-gara di Valencia, abbastanza per farsi una prima idea sul prototipo austriaco in vista dei primi e più importanti test di quest'anno (clicca qui per il calendario completo).

2017-ktm-espargaro.jpg

In un'intervista rilasciata allo spagnolo AS, il 25enne di Granollers ha fatto il punto della situazione in vista di quella che sarà la sua quarta stagione nella Premier Class. Riguardo alla sua nuova moto, il minore dei fratelli Espargarò ha spiegato:

"E' molto selvaggia, fin troppo! Al momento si tratta di una moto molto nuova, e quindi molto "vergine"... La squadra sta lavorando moltissimo, siamo tutti desiderosi di migliorare la nostra velocità, ma abbiamo bisogno di tempo. Si tratta di un processo lungo, ma si può essere ottimisti."

"Non mi piace esprimere desideri perché spesso non si avverano... Una cosa che posso dire è che la moto è in rapida evoluzione e alla fine della stagione potrebbe anche puntare alla Top 10."

2017-ktm-pol-espargaro.jpg

"L'unico inconveniente è che stiamo iniziando un percorso con KTM, perché la moto è nuovissima e quindi, per ora, non siamo nella Top 10. Il tempo che ci servirà per arrivare là davanti sarà lungo, sempre che ci riusciremo, perché al momento non possiamo saperlo con certezza."

"La moto ha molti aspetti positivi e altri meno. E' abbastanza selvaggia, troppo, e richiede un grosso sforzo fisico soprattutto in uscita-curva; si muove molto e non solo in percorrenza. Il telaio deve essere migliorato e ci sono nuove parti da provare. Il motore invece è incredibile, ha un sacco di potenza, ma dobbiamo ancora lavorare sull'elettronica per riuscire a trarne il massimo vantaggio."

VALENCIA, SPAIN - NOVEMBER 15:  Pol Espargaro of Spain and Red Bull KTM Factory Racing rounds the bend during the MotoGp Tests In Valencia at Ricardo Tormo Circuit on November 15, 2016 in Valencia, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Come in Tech3, il suo compagno di box sarà il britannico Bradley Smith, al momento ancora alle prese con il recupero dai malanni fisici ma che dovrebbe comunque tornare in pista per il test di Sepang, a fine mese. Così Espargarò:

"È lui che non riesce a sbarazzarsi di me! Era stato lui il primo a firmare per la Yamaha e lo stesso è accaduto con la KTM. Sono il suo incubo, o la sua ombra (ride)! Siamo in ottimi rapporti comunque: abbiamo la stessa età, condividiamo le stesse passioni e abbiamo pure vinto la 8 Ore di Suzuka insieme!"

VALENCIA, SPAIN - NOVEMBER 16:  Pol Espargaro of Spain and Red Bull KTM Factory Racing heads down a straight during the MotoGp Tests In Valencia at Ricardo Tormo Circuit on November 16, 2016 in Valencia, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

E per quanto riguarda i suoi pronostici per la nuova stagione, lo spagnolo ha confermato di ritenere il connazionale e Campione del Mondo in carica Marc Marquez (Honda Repsol) il naturale favorito per il titolo della MotoGP 2017:

"Sì, soprattutto quest'anno, perché penso che la Honda abbia imparato molto dall'anno scorso e iniziarà la stagione con una buona base, senza bisogno di inventarsi nulla."

"Staremo a vedere cosa farà Maverick Viñales con la Yamaha. Sono convinto che farà molto bene. Si tratta di un pilota fantastico con un enorme talento, che si adatta bene alla Yamaha. Jorge Lorenzo con la Ducati resta, al momento, un'incognita. Nel test di Valencia ha fatto bene, ma non benissimo: vedremo cosa sarà in grado di fare in futuro, anche se la sua guida è incredibile e farà certamente esplodere la Ducati."

"Vinales potrebbe essere il suo principale rivale [di Marquez] perché è giovane, ha talento e ha una moto molto veloce. Al momento non vedo Valentino Rossi al suo livello."

2017-ktm-pol-espargaro-motogp.jpg

  • shares
  • Mail