Stoner pronto a regalare un'altra vittoria alla Ducati

Loris Capirossi

Messa definitivamente da parte la gara del Mugello, i team hanno avuto giusto il tempo di fare le valigie per prepararsi alla trasferta di Barcellona sul circuito del Catalunya, prossima tappa del motomondiale questo weekend.
Tra chi già aspetta questa gara con forti propositi di rivincita c'è ovviamente il Ducati Malboro Team, che dopo la vittoria di Rossi sulla pista toscana ha visto il vantaggio del suo pupillo Casey Stoner assottigliarsi a soli 9 punti.
Ma gli uomini in rosso non sembrano essere troppo preoccupati, a cominciare proprio da Stoner.
E proprio da lui partiamo per sondare gli animi vista della gara spagnola.

Casey: "Al Mugello abbiamo imparato diverse cose che ci serviranno per Barcellona. Come sempre cercheremo di trarre il massimo da qualsiasi situazione ci troveremo davanti. Finora abbiamo fatto un ottimo lavoro e questo mi permette di affrontare ogni gara in maniera più serena e più fiduciosa nelle mie possibilità. Barcellona è stata una delle mie piste preferite fino a quando l'asfalto si è rovinato e non è più stato lo stesso. Dal 2001 al 2003 era fantastico, dal 2004 in poi era diventato troppo ruvido e lo hanno rifatto completamente, ma non bene come prima, e le F1 hanno peggiorato la situazione".

"Il disegno del tracciato è impegnativo ma con sezioni molto belle e curve molto veloci. La prima parte non è difficile, non fa la differenza, la parte centrale comincia ad essere veramente tosta e le ultime curve sono addirittura cruciali, specialmente le ultime a due destrorse. E' una pista tecnica quindi speriamo sia un'altra di quelle che vanno bene per noi. La Ducati vi ha ottenuto la sua prima vittoria e chiaramente sarebbe bello ripetersi, ma l'obiettivo rimane sempre quello di lavorare al massimo per ottenere il miglior risultato possibile".


Capirossi e Stoner ai box

Decisamente molto più ottimista anche il compagno dell'autraliano, il nostro Loris Capirossi, che nonostante un avvio di stagione difficile non ha certo intenzione di rassegnsrsi, specialmente ora che il nuovo motore sta ricreando il feeling tra lui e la Desmosedici: "Non vedo l'ora che arrivi la prossima gara perchè spero di trovare bel tempo che ci permetta di continuare a lavorare sul nuovo motore. Le nuove specifiche vanno bene per me, mi danno un'erogazione più lineare che è migliore per il mio stile. Il mio angolo di piega in curva è maggiore rispetto agli altri piloti quindi ho bisogno di un'erogazione più morbida quando apro il gas in uscita. Al Mugello abbiamo fatto dei passi in avanti e abbiamo cominciato a migliorare il mio feeling con l'anteriore, che è cruciale per il mio stile di guida, ma dobbiamo ancora progredire in quel punto. L'anno scorso a Barcellona abbiamo avuto un fine settimana difficile, anche prima della caduta in gara, ma penso che questa volta sarà diverso. Amo questa pista, con la Ducati ho vinto nel 2003 ed il tracciato è bellissimo con tanti curvoni veloci dove hai bisogno avere un'ottima aderenza posteriore".

Più abbottonato infine Livio Suppo, direttore del Progetto Ducati MotoGP: "Barcellona sarà un'altra grande sfida e noi lavoreremo come sempre per fare del nostro meglio. Una cosa da tenere in considerazione è il fatto che l'anno scorso praticamente non vi abbiamo gareggiato (sia Capirossi sia Gibernau si sono infortunati in un incidente alla prima curva e non hanno successivamente preso parte alla seconda partenza) e di conseguenza non abbiamo dati recenti riguardanti le gomme. Tuttavia Casey al Mugello ha dato ancora una volta prova di saper gestire molto bene la pressione quindi andiamo in Spagna con spirito positivo. Loris lì quattro anni fa ha vinto la nostra prima gara e adesso speriamo di avere abbastanza tempo per lavorare sulle nuove specifiche del motore che ha usato la prima volta in Italia".

via | Ducati

  • shares
  • Mail
48 commenti Aggiorna
Ordina: