BMW R NineT Pure 2017: dati e prezzo

Nomen omen: la RNineT si mostra nella sua versione più pura, distinguendosi dalla sorellastra semi carenata. Presente all'Intermot di Colonia


La scelta di BMW di aprirsi ad un mondo come quello della RNineT ha comportato per la casa tedesca tutta una serie di soluzioni e di scelte estetiche - al netto di una comunione tecnica - figlie di quello che è il momento storico del mondo delle moto, e che la stessa BMW, dal punto di vista ingegneristico automobilistico, ha sempre realizzato. Già perchè il concetto di modularità applicato a declinazioni differenti (se non addirittura a modelli distinti) non è un concetto inusuale per il mondo delle quattro ruote. Con la RNineT, BMW aveva unito due mondi: la modularità si certo, ma anche la volontà unica di poter personalizzare "artigianalmente di serie" il proprio modello.

bmw-r-ninet-pure-2017-035.jpg

La RNineT non è stato un semplice esercizio di stile, ma anzi, dal 2013 ad oggi è stato un vero e proprio successo al netto delle vendite. L'idea di quella Naked dura e pura, senza troppi fronzoli piacque fin da subito, cosi in Germania deve essersi aperto un vero e proprio mondo. La Scrambler dell'ultimo salone Eicma ne è stata quasi un'antesignana dopo la precorritrice "base". Ora che lo sdoganamento è compiuto, ecco la Racer semicarenata, e la Pure, il cui nome ne definisce i tratti.

BMW R NineT Pure: design


bmw-r-ninet-pure-2017-003.jpg

Nomen omen dunque per la Pure. Già perchè in questo caso, BMW Motorrad ad Intermot ha portato una declinazione nuda e cruda del suo modello che nacque per celebrare i 90 anni della casa. Ed è indubbio come questa versione sia decisamente simile all'"originale": una roadster purista che vive di strade extraurbane e colline. Lo stile è chiaro, netto, senza troppi giri o mix particolari. Oseremmo dire ridotto all'essenziale. Ma a colpire è la cura nei dettagli, come le pedane o la pistra di sterzo in alluminio fucinato e anodizzato al naturale: un piccolo capolavoro per gli occhi. Il serbatoio ed il parafango della ruota anteriore si mostrano in un colore piuttosto scuro, un verdone che ufficialmente viene definito dalla casa catalanograu pastello. Questi si combina con il nero della ciclistica e della catena cinematica per voler offrire una moto che debba regalare, fin dal primo sguardo, uno stile decisamente Puro.

BMW RNineT Pure: tecnica


bmw-r-ninet-pure-2017-022.jpg

Come per la sorella Racer, la Pure condivide la tecnica votata ad un mondo semplice, concettualmente facle, senza troppe particolarità e senza troppi fronzoli. Puro insomma. Ed allora, anche qui è ben in vista il Boxer con raffreddamento aria/olio dalla cilindrata di 1170cc con 110 cavalli di potenza massima, che vibra, scalcia, tira forte in maniera ruvida ma sincera, ed un cambio a sei rapporti. Come per la sorella Racer, chiaramente il motore è stato configurato Euro 4 grazie ad una nuova mappatura, un sistema di carburante con filtro ai carboni attivi per lo sfiato del serbatoio.

Il comando delle quattro valvole avviene attraverso due alberi a camme in testa per cilindro (il classico DOHC), l'impianto di scarico in acciaio inossidabile con terminale posto sulla parte sinistra. Dal punto di vista ciclistico, sempre presente il telaio modulare a doppia trave, con i tre elementi del telaio anteriore, posteriore e del telaietto per il passeggero smontabile e "customizzabile", idea questa nata fin dalla prima RNineT. Per quanto concerne le sospensioni, anche qui, come per la Racer, abbiamo all'anteriore una classica telescopica, mentre al posteriore rimane il BMW Paralever che lavora in combinazione con un ammortizzatore centrale. Ruote fucinate in lega a cinque raggi con misure anteriore 3,5 x 17” e posteriore 5,5 x 17” montano davanti uno pneumatico 120/70 ZR 17 e dietro 180/55 ZR 17.

A frenare la Racer ci pensano le pinze a quattro pistoncini con dischi freno a pinza flottante dal diametro di 320 millimetri, coadiuvati da un impianto ABS. Come optional presente anche l'ASC, l'Automatic Stability Control.

Prezzo BMW R NineT Pure 2017


Per la R nineT pure il prezzo è di Euro 13.300. Tutti i prezzi dei nuovi modelli saranno da intendere chiavi in mano con primo tagliando di manutenzione incluso, come su tutto il resto della gamma.

Highlights BMW RNineT Pure


bmw-r-ninet-pure-2017-012.jpg

Highlight della BMW R nineT Racer e della R nineT Pure:
• Potente motore boxer dalla cilindrata di 1170 cm3 e la potenza di 81 kW
(110 CV) che soddisfa le norme Euro 4.
• Telaio dalla costruzione modulare che lascia spazio al customizing, la
personalizzazione secondo le preferenze individuali.
• Ruote fucinate in lega a cinque raggi, anteriore 3,5 x 17" e posteriore
5,5 x 17", (optional: ruote a raggi).
• Anteriormente freno a doppio disco da 320 millimetri.
• ABS di serie.
• ASC (Automatic Stability control) offerto come optional.
• Impianto di scarico in acciaio inossidabile del tipo 2-in-1 spazzolato nella Pure.
• Numerosi dettagli pregiati, come la piastra di sterzo e le pedane in
alluminio fucinato, anodizzato al naturale.
• R nineT Pure in catalanograu pastello come modello Roadster classico e
purista.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO