Kawasaki ER-6 2017: aggiornamento o nuovo modello?

Novità in vista, per Kawasaki, che ad Intermot dovrebbe presentare la sua nuova piattaforma media a due cilindri: sarà una ER-6 rivista in ottica Euro4 o crescerà di cubatura per diventare ER-7?

er-6n_concept_kawasaki_2017.jpg

Al pari degli altri costruttori, Kawasaki sta adeguando la sua gamma alle normative Euro4, che dovranno essere rispettate, a partire dal I Gennaio 2017, da tutti i nuovi modelli immessi sul mercato, salvo particolari deroghe, comunque temporanee.

Il brand di Akashi ha scelto di partire dal top di gamma, vale a dire dalla supersportiva ZX-10R, protagonista del campionato mondiale Superbike (questi gli orari tv della gara di Magny-Cours)per aggiornare la propria line-up e presto toccherà anche alla media bicilindrica del marchio in verde, la ER-6, declinata nelle versioni N ed F, oltre che piattaforma per la adventure-tourer Versys 650.

kawasaki-er-6n-2016-3.jpg

Ma è proprio la ER-6 ad essere sotto i riflettori, dal momento che il prossimo sarà il decimo anno di presenza del modello sul mercato, un traguardo importante che potrebbe essere celebrato con qualcosa in più della semplice riedizione in chiave nuove normative anti-inquinamento per il due cilindri parallelo di 649 cc.

Pur essendo nel campo delle mere speculazioni, informazioni provenienti da un insider, il quale ha mostrato anche il primo bozzetto della moto del 2007,  indicano che sarebbe in arrivo una evoluzione dell'elettronica di bordo, con la presenza, in particolare, di ride-by-wire, almeno due mappe motore, oltre ad un possibile traction control, cosa che rappresenterebbe una novità in questo segmento.

C'è poi una voce più esotica, secondo la quale la media di Kawasaki dovrebbe veder crescere la sua cilindrata,che si avvicinerebbe alla soglia dei 700cc, strada già intrapresa da Yamaha con la MT-07, concorrente della Er-6. In questo caso però, si tratterebbe inevitabilmente di un modello completamente nuovo.

A quel punto però, avrebbe senso chiamare la moto ER-7, posizionandola nell'intorno dei 7000 € come prezzo, per non discostarsi troppo dalla quotazione della attuale seiemmezzo e non andarsi a sovrapporre alla cugina maggiore, la Z800, sebbene il target due mezzi sia differente.

Per il momento ad Akashi hanno le bocche cucite, sia su questo modello che sugli altri in imminente arrivo, ma il silenzio è destinato a durare molto poco, dal momento che le carte delle case inizieranno a scoprirsi la prossima con Intermot (5-9 Ottobre), per poi esserlo completamente ad EICMA (8-13 Novembre).

  • shares
  • Mail