MadMax: la moto a turbina distrutta in uno schianto a 370 km/h

La Madmax, moto a turbina erede della più celebre Y2K, è andata distrutta negli scorsi giorni durante un tentativo di record. Il pilota è ricoverato in condizioni stabili all'ospedale di Leeds, dopo lo schianto avvenuto a 370 km/h

Il destino è stato infausto per la MadMax, l'esagerata motocicletta motorizzata con una turbina Rolls-Royce da elicottero. L'erede della più celebre Y2K, della quale vi avevamo parlato qualche tempo fa, è andata distrutta in uno schianto ad altissima velocità negli scorsi giorni, durante un tentativo di record.

A giudicare da un comunicato del team, fortunatamente pare che il pilota e proprietario Zef Eisenberg sia in condizioni tutto sommato buone, nonostante il terribile botto avvenuto a una velocità di 370 km/h. Questo uno stralcio del post apparso sulla pagina Facebook del progetto MadMax:

Questo week-end siamo andati là con l'intenzione di battere un record, ma è finita con una moto distrutta e ossa rotte. Dopo uno schianto a 370 km/h con una decelerazione di -9 g, Zef ha riportato molte fratture ma è stabile all'ospedale di Leeds, dopo essere stato ivi elitrasportato in soli 30 minuti. Zef è grato per tutto il supporto ricevuto, quello del personale medico e del Team MadMax. Zef tornerà..."

madmax_turbine-bike-1.jpg

Il potentissimo mezzo -si parla di circa 560 cv, erogati dal turboalbero RR- pare invece spacciato, visto che il team Madmax ha pubblicato un video che ha tutta l'aria di essere un addio.

In queste situazioni, comunque, del mezzo meccanico ci importa poco: con le potenze e le velocità in gioco è già un miracolo che Zef sia ancora tra noi, e gli facciamo i nostri più sinceri auguri di pronta guarigione. Siamo sicuri che tra un po' lo rivedremo in sella a una delle sue mostruose creature: ma con calma, perchè questa volta, Zef, non c'è fretta. In bocca al lupo!

madmax_turbine-bike-3.jpg

  • shares
  • Mail