"Passioni Tricolori", la Ducati festeggia assieme alle Frecce della PAN

Tre eccellenze italiane -Ducati, Lamborghini e le Frecce Tricolori- si sono riunite a Rivolto (UD) per un gemellaggio celebrativo. Dopo il volo addestrativo della Pattuglia Acrobatica Nazionale, Dall'Igna e Dovizioso hanno provato l'ebbrezza di volare sull'Aermacchi MB339 della PAN

RIVOLTO (UD) - Maverick Viñales non è l'unico ad essere stato rapito dal fascino dei jet militari. Dopo che al 21enne pilota Suzuki, fresco vincitore del GP di Silverstone, è stata data lo scorso anno la possibilità di salire su un F-18 Hornet dell'Ejercito del Aire, è stata la volta di Andrea Dovizioso e Gigi Dall'Igna.

Presso la Base Aerea di Rivolto (UD), casa del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico "Frecce Tricolori", ha avuto luogo "Passioni Tricolori", una sorta di gemellaggio volto a celebrare tre eccellenze italiane. Oltre ai "padroni di casa" erano infatti presenti anche due delegazioni di Ducati e Lamborghini: a rappresentare il marchio di Borgo Panigale c'erano niente meno che Andrea Dovizioso, il collaudatore di lusso Michele Pirro e il vulcanico ingegnere Gigi Dall'Igna, padre dell'odierna Desmosedici.


Minimo comune denominatore dell'iniziativa, i motori e l'orgoglio italiano: le Rosse Bolognesi, il marchio automobilistico del Toro e la PAN sono, nei rispettivi campi, eccellenze azzurre che si distinguono a livello mondiale.

L'evento, organizzato dall'Aeronautica Militare in collaborazione con il direttore sportivo di Ducati Corse Paolo Ciabatti (grande appassionato di aviazione), si è svolto nella giornata di ieri: invitata a presenziare anche Lamborghini, marchio anch'esso in orbita Volkswagen-Audi, che oltre alle Huracan GT3 e Super Trofeo ha portato anche una versione denominata "Avio" della medesima, espressamente dedicata all'Aeronautica Militare Italiana.


Mentre le Frecce Tricolori svolgevano il loro consueto volo addestrativo giornaliero, ad aspettarle a terra non c'erano solo le due fiammanti Desmosedici reduci dal week-end di Misano, ma anche l'A.D. di Ducati Claudio Domenicali e il suo omologo alla Lamborghini Stefano Domenicali, oltre che il Capo di Stato Maggiore dell'AMI il Gen. Enzo Vecciarelli.

Nel pomeriggio, al Dovi e a Dall'Igna è stata data addirittura la possibilità di compiere un volo acrobatico con gli assi della PAN: Andrea e Gigi si sono quindi calati nell'abitacolo dell'Aermacchi MB339 per decollare da "passaggeri" assieme alle Frecce.

ducati_freccetricolori-3-jpg.jpg

Mentre Gigi Dall'Igna è sembrato trovarsi davvero a suo agio sul jet dell'Aermacchi, Dovizioso pare aver accusato un po' le devastanti sollecitazioni subite durante le evoluzioni in volo: Andrea si è divertito, ma un po' di malessere causato dalla forza G sembra essersi fatto sentire.

"Quando va su in stallo e si ferma è spettacolare! Si è vero le virate, si sentono molto, ti senti pesantissimo...ma quando vai su su su, ti fermi e torni giù....ahhh, stupendo! Bello, bellissimo, mi ha anche spiegato un sacco di cose durante il volo... però tanta nausea. Sono proprio arrivato al limite!"

Il momento più bello? "Quando sei di nuovo a terra!" ha dichiarato il Dovi, ridacchiando.

ducati_freccetricolori-10-jpg.jpg

Le Frecce

Le Frecce Tricolori si sono formate nel 1961 presso l'Aeroporto di Rivolto in provincia di Udine, in seguito alla decisione dell'Aeronatica Militare di costituire una Pattuglia Acrobatica Nazionale fissa e stabile. Dopo i primi due anni con gli F-86 Sabre il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico -questa la denominazione ufficiale- è passato nel 1963 a un velivolo di produzione italiana, il Fiat G.91.

Nel 1982 arriva invece il nuovo addestratore prodotto dall'Aermacchi, il jet monomotore MB339. Colorato con la classica livrea blu attraversata da una striscia tricolore, è l'aeroplano con cui ancora è equipaggiata la PAN: a distanza di 34 anni dalla sua introduzione rimane ancora uno dei migliori velivoli acrobatici del Mondo, capace di evoluzioni impossibili per altri addestratori. Spinto da un turbogetto Rolls-Royce Viper prodotto su licenza in Italia, il piccolo 339 riesce a superare i 900 km/h.

Unanimemente riconosciute a livello mondiale come una delle migliori pattuglie acrobatiche militari del Mondo, le Frecce Tricolori fanno la parte delle star in ogni Airshow a cui partecipano, come il recente Zeltweg Airpower16 svoltosi all'inizio di settembre nelle immediate vicinanze del circuito del Red Bull Ring.

ducati_freccetricolori-6-jpg.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 60 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO