Kymco: pronta una naked 600 motorizzata Kawasaki?

Dopo la partnership che ha portato alla realizzazione degli scooter J300 e J125, Kymco e Kawasaki sembrano pronti a una nuova collaborazione: in arrivo una naked di media cilindrata commercializzata con il marchio taiwanese?

kymco_naked-2.jpg

La partnership tra Kymco e Kawasaki sembra prossima a conoscere nuovi sviluppi. La collaborazione tra il colosso giapponese e la società con sede a Kaohsiung ha già dato i suoi frutti con la realizzazione congiunta di J300 e J125, scooter marchiati con il brand di Akashi ma che sfruttano il solido know-how nel campo dei commuter urbani proprio del brand taiwanese.

Dai disegni ufficiali diramati da Bennets.co.uk si evince come Kymco sarebbe pronta a fare il grande salto nel mondo delle moto "grosse", usufruendo proprio della stretta collaborazione con Kawasaki Heavy Industries: il costruttore asiatico sembra infatti intenzionato a immettere sul mercato una naked di media cilindrata che, sfruttando le sinergie con il colosso del Sol Levante, adotterebbe il propulsore da 650 cc della Kawasaki ER-6.

Guardando i disegni risulta chiaro come il bicilindrico parallelo adottato da questa naked sia quello della popolare verdona, così come l'impianto di scarico e il forcellone, anch'essi apparentemente presi in prestito dalla nuda giapponese. La vera novità sta invece nello chassis: il telaio non è il consueto doppio trave perimetrale adottato dalla cugina nipponica, ma un inedito tubolare a traliccio. Potenza e peso dovrebbero plausibilmente essere simili a quelli della Kawa, quindi circa 70 cv per 210 kg in ordine di marcia.

kawasaki-er6-jpg.jpg

Se per Kawasaki la ER-6 è una entry level, per Kymco una motocicletta di media cilindrata andrebbe a posizionarsi al top della gamma: a questo proposito si rivela molto interessante uno sguardo alla componentistica. Evidente è infatti un upgrade rispetto alla naked di Akashi: forcelle upside-down e pinze freno radiali hanno infatti scalzato le soluzioni tecniche più tradizionali (ed economiche) adottate sulla moto giapponese, accompagnate da un design piuttosto spigoloso ed aggressivo.

C'è addirittura chi avanza la possibilità che la moto che vedete nei bozzetti possa essere la futura generazione di ER-6: in tal caso, verrebbe brandizzata Kawasaki e venduta nella rete del marchio in verde, ma prodotta negli stabilimenti Kymco (casa che Bennetts riporta erroneamente come coreana). Effettivamente, alcuni richiami stilistici alle forme della Z1000 e l'adozione dei dischi a margherita -sovente adottati dalle verdone- potrebbero avvallare questa ipotesi: tuttavia sembra più plausibile che sarà il marchio taiwanese a comparire sul serbatoio di questa ancor misteriosa nuda.

Non è ancora chiara la destinazione commerciale del modello: cilindrata ed equipaggiamento fanno però pensare a un mezzo che strizza l'occhio al mercato europeo, e che non si limiterà ad essere venduto nel solo continente asiatico.

E' pronto l'ingresso di Kymco tra i costruttori di moto "vere"?

bike-social-kymco4.jpg

  • shares
  • Mail