Cagiva Elefant by Dragoni Moto

Una datata endurona trasformata in una modaiola scrambler: questo il progetto di Dragoni Moto, che con questo restyling ha voluto donare una seconda vita a uno dei modelli più famosi e apprezzati di casa Cagiva

"Elefant" è un nome che chi è già entrato negli "anta" ed è appassionato di moto ricorderà certamente con nostalgia. L'indimenticata endurona, prodotta dalla Cagiva a partire dal 1984, evoca sin dal pachidermico appellativo la Golden Age dei mitici raid africani e la leggendaria doppietta di strong>Edi Orioli alla Parigi-Dakar in sella alla bicilindrica da fuoristrada di Claudio Castiglioni.

Prodotta in varie cilindrate che spaziavano da 125 a oltre 900 cc, la Elefant era dotata, nelle sue versioni a quattro tempi, del celeberrimo Desmodue raffreddato ad aria di casa Ducati. Il semplice ma robusto bicilindrico, ricco di coppia ai bassi regimi e pastoso nell'erogazione, fece in parte la fortuna di questa endurona: all'epoca la casa di Borgo Panigale era di proprietà del marchio varesino, e il cuore desmodromico della Elefant è solo un esempio delle sinergie realizzate in quegli anni dall'asse Bologna-Varese.

cagiva-elefant-by-dragoni-moto-2.jpg

La special che vedete in questa gallery ha come base proprio la endurona di casa Cagiva: ne è però una reinterpretazione radicale, poichè la gloriosa ma datata cavalcatrice di dune è stata declinata da Dragoni Moto in senso decisamente meno "raid" e più scrambler: impossibile non percepire, dietro a questo restyling, il concetto di base che ha recentemente dato vita a icone quali la nuova Ducati Scrambler (che, corsi e ricorsi della storia, con questa Elefant condivide il motore -ovviamente evoluto).

cagiva-elefant-by-dragoni-moto-4.jpg

Via RocketGarage

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: