Iannone 8° a Brno: "Un vero un peccato"

Il pilota di Vasto comanda il GP della Repubblica Ceca fino a 7 giri dalla fine, poi si arrende all'usura delle gomme: "Avevamo un potenziale alto"

ducati-motogp-2016-brno-6.jpg

La pioggia ha fortemente condizionato il GP della Repubblica Ceca della MotoGP, ma Andrea Iannone (Ducati Team) non ha certamente sfigurato nella vivace gara della premier class all'Automotodrom di Brno.

Scattato bene al via dalla prima fila, il pilota abruzzese ha condotto la gara per lunghi tratti in un terzetto Ducati composto anche dal compagno di box Andrea Dovizioso e dal britannico Scott Redding (Octo Pramac Ducati). Iannone è rimasto al comando della gara fino al 15° giro, quando ha iniziato ad accusare problemi alla gomma anteriore e ha dovuto cedere il passo a Cal Crutchlow (LCR Honda), poi vincitore della corsa.

ducati-motogp-2016-brno-9.jpg

Il pilota di Vasto ha proseguito caparbiamente la sua gara nonostante una gomma anteriore ormai esausta, chiudendo con un ottavo posto. Queste le sue considerazioni finali:

“Mi dispiace per come è andata la gara perché credo che anche oggi avessimo un potenziale molto alto. Sono partito senza spingere più di tanto per cercare di salvaguardare le gomme il più possibile e infatti sono arrivato a sette giri dalla fine ancora in testa e solo a quel punto la gomma anteriore ha cominciato a evidenziare dei problemi."

"Altri piloti come Dovi, Scott e Jorge li hanno invece avuti prima, forse perché loro hanno spinto forte fin da subito, mentre io avevo un buon margine e quindi riuscivo a guidare bene senza forzare ed ero comunque veloce. E’ davvero un peccato che non sia finita come volevamo.”

ducati-motogp-2016-brno-1.jpg

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: