MotoGP: Assen gara in difesa per Ducati

Team e piloti Ducati ad Assen, pista tradizionalmente poco favorevole alla casa di Borgo Panigale, per mettere alle spalle il non felice week-end di gara di Barcellona.

ducati-motogp-barcellona-2016-day1-2.jpg

Il Ducati Team è giunto ad Assen dove, per la prima volta nella storia del Motomondiale, vedrà disputare le gare alla domenica (questi gli orari tv), contrariamente a quanto avvenuto fino all'anno scorso, quando si correva al sabato.

La squadra di Borgo Panigale si presenta sul circuito Van Drenthe con il record della massima velocità raggiunta mai ottenuta da una MotoGP (319,8 km/h) sul breve rettilineo (560 metri) della pista olandese, risultato ottenuto da Andrea Iannone, nel 2015.

ducati-motogp-mugello-2016-2.jpg

Per il pilota di Vasto ed il suo compagno Andrea Dovizioso, il quale festeggerà le 150 gare in top class, l'imperativo sarà invertire una tendenza che vede il tracciato di Assen poco favorevole alle moto della casa bolognese.

Se per il forlivese, quello che sarà l'ottavo appuntamento della stagione 2016, non è tradizionalmente una delle piste preferite, discorso diverso per Iannone, a cui il circuito Van Drenthe piace molto. Di seguito le dichiarazioni dei due piloti.

ducati-motogp-mugello-2016-4.jpg

Andrea Dovizioso: “Il test di lunedì a Barcellona dopo la gara è stato importante perché abbiamo potuto lavorare per migliorare la Desmosedici GP. In questo momento siamo competitivi ma ci manca ancora qualcosa per tornare davanti e giocarci il podio. Credo che ad Assen potremo andare meglio perché la pista ha più grip e il calo della gomma durante la gara non dovrebbe essere così pronunciato come in Spagna. Anche se non è una delle mie piste preferite sono fiducioso in un buon risultato, ma quest’anno far pronostici prima della gara è sempre difficile, visto che non sappiamo ancora come si comporteranno qui le gomme che porterà Michelin.”

Andrea Iannone: “Nel lunedì di test dopo la gara di Barcellona, ci siamo concentrati sul lavoro con le mescole nuove che la Michelin ha portato e devo dire che si sono rivelate prove interessanti. La casa francese continua a migliorare le performance delle gomme, dimostrando sempre molta reattività. Il mio feeling con la Desmosedici GP è buono e in Olanda ho vinto in Moto2 nel 2010: Assen è un circuito che mi piace molto, anche se negli anni precedenti si è rivelata una pista piuttosto ostica per Ducati.”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail