MotoGP: Phillip Island GP speciale per il Team Repsol Honda

MotoGP 2012 - GP di Sepang

Domenica prossima di corre a Phillip Island il Gran Premio d'Autralia, penultimo round del Mondiale MotoGP 2012. Una gara particolarmente importante per il Team Repsol Honda. Dani Pedrosa, forte di cinque vittorie conquistate nelle ultime sei gare, cercherà il poker (quarta vittoria consecutiva) che gli consentirebbe di ridurre ulteriormente il distacco dal Lorenzo che guida la classifica con 23 punti di vantaggio, quando mancano due gare da disputare e 50 punti ancora da assegnare

Il pilota spagnolo Repsol Honda arriva in Australia, sulla pista dove ha celebrato i suoi due titoli mondiali in 250 (2004 e 2005), con un solo obiettivo: mantenere l’ottimo stato di forma e finire davanti al connazionale anche nella penultima gara della stagione. Gara particolarmente importante anche per Casey Stoner che vorrebbe lasciare le corse in moto con la sesta vittoria consecutiva sul circuito di casa.

I Promotori del Gran Premio di Australia si stanno preparando ad accogliere Casey Stoner con tutti gli onori. Giovedì mattina la curva 3 del tracciato di Phillip Island, che Casey interpreta come nessun altro ed è una della sue curve preferite, verrà nominata “Stoner Corner”, mentre sabato alle 9:15 e domenica alle 15:20 il cinque volte Campione del Mondo Mick Doohan completerà un giro di pista in sella alla Honda RC213V di Casey.

MotoGP 2012 - GP di Sepang
MotoGP 2012 - GP di Sepang
MotoGP 2012 - GP di Sepang
MotoGP 2012 - GP di Sepang
MotoGP 2012 - GP di Sepang
MotoGP 2012 - GP di Sepang
MotoGP 2012 - GP di Sepang
MotoGP 2012 - GP di Sepang

"Phillip Island è un circuito stupendo, soprattutto con le MotoGP. - ha detto Dani Pedrosa - Il tracciato è divertente e si derapa molto. Speriamo di avere la fortuna dalla nostra parte e che la moto funzioni bene anche qui. Ho dei bellissimi ricordi a Phillip Island, legati soprattutto alle stagioni 2004 e 2005. Sono molto motivato e punto a fare una bella gara”.

Infine il commento del pilota di casa: "Mi dispiace perché nelle ultime due gare abbiamo faticato molto con la messa a punto della moto. A Phillip Island, di solito, siamo sempre stati in grado di trovare un buon ritmo, ma quest'anno non mi aspetto che i tempi arrivino facilmente. Per fortuna la pista gira a sinistra e normalmente quando è così abbiamo molti meno problemi di chattering. Inoltre non ci sono troppe curve strette e questo mi permetterà di fare meno sforzo sulla gamba destra. Ancora sono lontano dall’essere completamente recuperato fisicamente e ho bisogno di tempo per tornare al 100 per cento. Non so cosa aspettarmi da questo fine settimana, io farò il massimo e staremo a vedere cosa succederà."

  • shares
  • Mail
37 commenti Aggiorna
Ordina: