Bulega: "Nessuno sarà mai come Valentino Rossi"

L'astro nascente dello Sky Racing Team VR46 non risparmia le lodi all'indirizzo del 'Dottore' a pochi giorni dal GP d'Italia del Mugello.

bulega-rossi.jpg

Niccolò Bulega è certamente uno degli 'astri nascenti' del Motociclismo italiano nel Mondiale Moto3, campionato in cui è arrivato quest'anno con le credenziali di 'iridato junior' dopo il trionfo dello scorso anno nella stessa classe del CEV.

Emiliano ma residente in Romagna, classe '99, Bulega è 'figlio d'arte' in quanto anche il padre, Davide, è stato pilota negli anni'90 conquistando anche titoli italiani ed europei. Dopo le prime esperienze con le minimoto, nel 2010 corre l'Italiano MiniGP 50cc classificandosi 4° assoluto e poi inizia la sua incetta di titoli: nel 2011 è campione italiano ed europeo MiniGP 50cc con il team RMU, nel 2012 si aggiudica il titolo nazionale della 125 PreGP, nel 2013 è campione italiano Pre GP 250.

Nel 2014 Bulega è entrato a far parte della VR46 Riders Academy, sotto l'ala protettrice di Valentino Rossi, e nel 2015, come detto, ha conquistato l'ambito titolo nel CEV Moto3 con il Team Calvo oltre a collezionare la sua prima wild-card iridata nel Mondiale Moto3 con lo SKY Racing team VR46.

Ed è stato proprio il team del 'Dottore' a mettergli a disposizione una moto per andare ad affrontare quest'anno la prima stagione completa in Moto3, in una line-up a tre che comprende anche i connazionali e 'compagni di Academy' Romano Fenati e Andrea Migno.

JEREZ DE LA FRONTERA, SPAIN - APRIL 24:  Nicolo Bulega of Italy and Sky Racing Team VR46 celebrates under the podium with team the second  place at the end of the Moto3 race during the MotoGp of Spain - Race at Circuito de Jerez on April 24, 2016 in Jerez de la Frontera, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

In un'intervista rilasciata al sito ufficiale del Motomondiale a pochi giorni dal GP d'Italia del Mugello (clicca qui per orari e copertura TV), Nicolò Bulega ha ribadito la sua grande ammirazione per il 'pigmalione' Valentino Rossi, il suo attuale mentore che in molti dicono abbia individuato in lui il suo futuro erede:

"Sì, avevo il numero 46 nel CEV, ma portarlo anche nel Motomondiale forse avrebbe comportato un po' troppa pressione. Per me Valentino è il più grande pilota del mondo, e credo che non ci sarà mai più nessuno come lui"

LE MANS, FRANCE - MAY 06:   Nicolo Bulega of Italy and Sky Racing Team VR46 rounds the bend during the MotoGp of France - Free Practice on May 6, 2016 in Le Mans, France.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

"Valentino l'ho sempre guardato in televisione e ho sempre tifato per lui. Nel mio primo giorno di scuola, quando non lo conoscevo ancora, avevo già il suo zaino. L'ho incontrato per la prima volta al Mugello, nel 2009, quando lo avevo aspettato fuori dal motorhome come un normalissimo fan: dopo due ore di attesa, ero riuscita fare una foto!"

"Dal 2009 poi non l'ho più visto fino al 2013, quando Graziano me l'ha presentato, e poi da lì abbiamo iniziato a vederci sempre, visto che sono anche entrato a far parte della sua Academy."

JEREZ DE LA FRONTERA, SPAIN - APRIL 24:  Nicolo Bulega of Italy and Sky Racing Team VR46 prepares to start on the  grid during the Moto3 race during the MotoGp of Spain - Race at Circuito de Jerez on April 24, 2016 in Jerez de la Frontera, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Nella prima gara del Qatar di quest'anno, Bulega ha conquistato subito un 6° posto dopo aver battagliato a lungo nel gruppo dei primi, tanto che il suo distacco finale vincitore, Niccolò Antonelli, fu comunque di soli 625 millesimi:

"In Qatar non ero arrabbiato, però non ero neanche felicissimo perché potevo giocarmi la vittoria subito alla prima gara ma alla fine sono arrivato solamente 6°. Quando sei lì, se hai la vittoria così a portata di mano, vuoi sempre arrivarci."

JEREZ DE LA FRONTERA, SPAIN - APRIL 24:  Nicolo Bulega of Italy and Sky Racing Team VR46 celebrates on the podium the second  place at the end of the Moto3 race during the MotoGp of Spain - Race at Circuito de Jerez on April 24, 2016 in Jerez de la Frontera, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Il vero GP da ricordare per Bulega in questo 2016 - almeno fino ad ora - è certamente quello di Jerez de La Frontera. Nel GP di Spagna Bulega ha infatti prima firmato la sua prima pole position in qualifica e poi è andato a cogliere il suo primo podio in gara, un 2° posto alle spalle del capo-classifica del Mondiale Brad Binder:

"Non mi aspettavo di ottenere la pole position, e soprattutto non mi aspettavo di arrivare al podio. e' stata un'emozione forte, perchè alla fine ce l'abbiamo fatta anche noi a conquistare un podio nel Mondiale, e per me e tutta la mia famiglia è stato un sogno."

JEREZ DE LA FRONTERA, SPAIN - APRIL 23:  Valentino Rossi of Italy and Movistar Yamaha MotoGP (l) speaks with Nicolo Bulega of Italy and Sky Racing Team VR46  during the press conference at the end of the qualifying practice during the MotoGp of Spain - Qualifying at Circuito de Jerez on April 23, 2016 in Jerez de la Frontera, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Lo steso Valentino Rossi in passato non ha risparmiato parole di elogio nei confronti del giovane Bulega. Questa una sua considerazione di qualche giorno fa sul suo 'protetto':

"Sappiamo che ha un grande talento, ma solo dopo che arrivi nel Motomondiale capisci quando sia difficile. Molto più difficile di quanto uno si aspetta. Lui è aggressivo ma non troppo, può fare cose speciali ma senza esagerare. Abbiamo iniziato a seguirlo proprio per questo, e poi basta guardarlo in pista per capire quanto è veloce. Ma oltre al talento nella guida delle moto c'è anche la sua attitudine, la sua determinazione nel cercare la vittoria."

JEREZ DE LA FRONTERA, SPAIN - APRIL 23:  Nicolo Bulega of Italy and Sky Racing Team VR46  heads down a straight during the MotoGp of Spain - Qualifying at Circuito de Jerez on April 23, 2016 in Jerez de la Frontera, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: