MotoGP Jerez, pagelle. Gode solo il “Dottor” Rossi. Lorenzo e Marquez si … “attaccano” alle gomme

I voti ai protagonisti del GP di Spagna della MotoGP 2016, vinto da Valentino Rossi davanti agli idoli locali e nemici Jorge Lorenzo e Marc Marquez

Winner Movistar Yamaha MotoGP's Italian rider Valentino Rossi kisses his trophy past third placed Repsol Honda Team's Spanish rider Marc Marquez on the podium of the MotoGP race during the Spanish Moto Grand Prix at the Jerez racetrack in Jerez de la Frontera on April 24, 2016. / AFP / JORGE GUERRERO        (Photo credit should read JORGE GUERRERO/AFP/Getty Images)

LA GARA: assolo. Voto 8- Non è certo la corsa da spellarsi le mani. Ma è sempre così quando c’è, come c’è stato a Jerez, un dominatore assoluto. Tanto di cappello, però, a Rossi, capace di fare l’ O di Giotto… nella tana dei … lupi. Come ogni scarafone è bello a mamma sua così ogni gara è bella se a vincere è il proprio idolo. Vanno tutti più piano? Michelin ha imposto gomme oltremodo dure, per evitare guai peggiori… Lagnarsi – per gli sconfitti - non vale. Olio di gomiti e … ripartire!

ROSSI: lezione. Voto 10 Il 9 volte campione del mondo della Yamaha (voto 10) torna in cattedra: trionfo in gara, pole, giro veloce. Centro n° 113, 20 anni dopo la prima vittoria iridata di Brno in 125, non è poco. La gomma? Aiuta chi la sa … “interpretare”. Ma il problema c’è: oggi a me domani a te. Imbrogli Michelin pro Vale? Stupidaggini.

LORENZO: incupito. Voto 7- Il maiorchino esce da Jerez a testa bassa quale sconfitto numero uno. L’attacco in pista va a vuoto, come quello del dopo corsa accusando Michelin per la gomma che “slitta anche nel dritto”. Jorge dice spesso mezze verità ma sbaglia altrettanto spesso sulle cause. La colpa è solo sua (non solo per la gestione gomme) e del suo team. Cq, meglio secondo che a terra. Riscossa immediata?

MARQUEZ: passista. Voto 8 + Con la Honda (voto 6-) da quasi disastro Marc evita il … “disastro” accontentandosi di guidare in difesa e di salire sul gradino più basso del podio. E’ la conferma del Marquez edizione 2016: meno show, meno botti (a terra), più punti in classifica. Così si può vincere il titolo. Ma solo se Honda recupera presto il gap.

2016-motogp-jerez-gara-40.jpg

PEDROSA: gregario. Voto 5 Cambiano stagioni e gare ma Mr Dani resta un signor pilota dietro … i veri big. Un exploit ogni morto di papa non può bastare a un pilota ufficiale HRC. Il piccolo gap di Jerez nei confronti del capitano non rispecchia il fossato fra i due. Valigia pronta?

VINALES: delusione. Voto 5- E’ oggi la star del mercato, conteso a suon di montagne di dollari (o euri). Ma in pista a Jierez delude le aspettative. Un’altra “vittima” della inaudita campagna contrattuale di primavera?

IANNONE: salvatore…. A metà. Voto 5+ Week end in chiaroscuro per l’Andrea abruzzese della Ducati (Voto 6-) che recupera (solo in parte) la partenza da dietro per le qualifiche “No”. Settimo posto a oltre 26 secondi di gap fa storcere il naso. Faccia (Ducati) salvata, per un pelo. I fa per dire. Troppi pensieri da … contratti?

DOVIZIOSO: jellato tris. Voto nc L’Andrea forlivese della Ducati stavolta non viene centrato dai piloti (da Iannone in Argentina e da Pedrosa in Texas) ma da guai tecnici: pompa acqua ko, con liquidi finiti sulla gomma posteriore. Sempre jella è, per tre volte consecutive. Anche se in corsa il primo era abissalmente più avanti. E pure il secondo, il terzo …. Ducati, nebbia in val Padana? Aspettando l’era Jorge…

ALEIX ESPARGARO E LAVERTY: crescendo. Voto 7+ Piloti diversi con moto diverse in situazioni diverse fra loro ma entrambi coriacei e in costante crescita. Non è poco.

CRUTCHLOW, SMITH, BRADL: nebbia. Voto 3 Tre piloti accomunati in una discesa senza freni. Che succede?

JEREZ DE LA FRONTERA, SPAIN - APRIL 24: Andrea Iannone of Italy and Ducati Team prepares to start on the grid during the MotoGP race during the MotoGp of Spain - Race at Circuito de Jerez on April 24, 2016 in Jerez de la Frontera, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: