Moto3 Jerez 2016: Nicolò Bulega: "E' un sogno che si avvera"

"Sono davvero felice di questo risultato. Arrivare a Jerez e fare la pole position è un risultato incredibile" ha commentato il rookie italiano

bulega.jpg

E' arrivata la prima pista conosciuta, è arrivata la prima pole position. Nicolò Bulega a Jerez de la Frontera, lo scorso anno, aveva posto le basi per la vittoria del Mundialito.

Quest'anno ha mostrato - ancora di più - il suo talento. Chiaro, una pole position non fa primavera, ma è un ulteriore indizio del talento del team Sky VR46. Una soddisfazione giunta proprio nel giorno del ritorno al Palo del proprio "mentore", quel Valentino Rossi tornato davanti a tutti dopo Assen dello scorso anno.

La soddisfazione all'interno della compagine nero-azzurra è forte, a partire dal team manager, Pablo Nieto:
"E' stata una grande qualifica e siamo molto soddisfatti della pole position di Bulega. La prima pole in carriera è un momento speciale e Nicolò ha fatto davvero un ottimo lavoro sino ad ora in questa stagione.

Scatterà domani dalla prima casella della griglia di partenza e siamo molto fiduciosi per la gara. Romano ha faticato a trovare il giusto feeling sul giro secco, partirà dalla terza fila e ha un buon passo per la gara. Andrea non è al 100% della condizione fisica, ma può lottare per i punti domani".

Quasi stralunato quanto felice il giovanissimo Bulega:
"Sono davvero felice di questo risultato. Arrivare a Jerez, una pista che conosco bene e che mi piace, alla prima gara europea del mondiale e fare la pole position è un risultato incredibile.

bulega_2.jpg

Un sogno che si avvera. Voglio ringraziare tutto il team e la mia famiglia per il gran lavoro fatto in queste gare, per l'impegno e la passione. Avevo un ottimo feeling con la moto, sono riuscito a spingere al massimo e non vedo l'ora di scendere in pista per la gara".

Più arretrato Romano Fenati. Il veterano del team, vincitore ad Austin con una grande gara ed una grande rimonta, ha chiuso solamente in nona posizione le qualifiche
"Non è stata la qualifica che mi aspettavo: rispetto a ieri ho faticato a trovare il giusto feeling con la moto. Non sono riuscito a spingere nel mio tentativo e partirò dalla terza fila. Sarà una gara lunga, su una pista che mi piace e sono motivato a dare il massimo".

fenati.jpg

Diciassettesimo Andrea Migno, che deve lottare con il dolore al polso:
"Sarà una gara all'attacco domani: il dolore al polso mi ha impedito di spingere a fondo e non sono riuscito ad essere performante sul giro lanciato. Nel complesso il feeling è buono e cercherò di recuperare più posizioni possibili in gara".​

  • shares
  • Mail