Magpul Ronin 1125R, Buell so cool!

Poker di nuove livree per la Magpul Ronin, muscolosa special basata sulla Buell 1125. Tutti e quattro gli esemplari andranno all'asta quest'anno, con base a 40.000$

Se c'è una cosa che non si può proprio criticare alle Buell è certamente la mancanza di carattere. Le eccentriche - e sfortunate - motociclette del brand americano si sono infatti sempre distinte per le loro soluzioni tecniche anacronistiche e per il design sfacciato, ma evidentemente c'è anche qualcuno a cui le folli creature di East Troy non devono sembrare abbastanza vistose. E' il caso di Magpul, produttore statunitense di armi da fuoco il cui debutto nel mondo delle moto si è strettamente intrecciato con le disavventure finanziarie del marchio di Erik Buell.

magpul_ronin_special-1.jpg

Magpul ha infatti temporaneamente accantonato i fucili per dedicarsi alla creazione di un oggetto forse meno letale ma altrettanto temibile: la Ronin, special basata sulla Buell 1125 e motorizzata dall'originale bicilindrico Rotax che equipaggia la maximoto statunitense. Della naked a stelle e strisce, a dire il vero, rimane poco oltre a motore e telaio: il forcellone e i cerchioni sono quelli della 1125 stock, ma tutto il resto della componentistica è stato progettato e prodotto dalla Magpul.

Alla maestosa sospensione anteriore girder che incorpora anche il radiatore dell'olio, si aggiungono tutte le nuove sovrastrutture, la sella e il gruppo ottico anteriore formato da due elementi sovrapposti. Nel tripudio di parti speciali di cui è dotata questa Ronin si distinguono anche il telaietto posteriore, il nuovo impianto di scarico e l'intensivo l'utilizzo di LED, che si possono ritrovare nel fanalino di coda e negli indicatori di direzione.

magpul_ronin_special-3.jpg

Delle 47 moto previste per la produzione, sino ad ora sembra ne siano state costruite 30: il customizer americano ha appena annunciato la disponibilità di 4 ulteriori pezzi, caratterizzati da colorazioni decisamente audaci e caldamente sconsigliate se la vostra intenzione è quella di passare inosservati (ma in sella ad una Ronin sarebbe comunque un'impresa piuttosto ardua). Due di queste, la #4 e la #3, sono firmate Scot Levafor, che ha donato loro una livrea "fumettistica" ispirata alla street art.

magpul_ronin_special-4.jpg

Le altre due, gli esemplari #2 e #5 realizzati rispettivamente da Samuel Lee Turner e Jason Thielke, riprendono invece la tradizione giapponese, con richiami più o meno velati alla cultura del Sol Levante. Tutte e 4 le special verranno battute all'asta quest'anno, con una base di partenza di 40.000$. Se siete disposti a spendere più di 35.000 euro e avete molta voglia di farvi notare, potrebbe essere la vostra occasione...

  • shares
  • Mail