MotoGP Austin 2016: a Marquez la Pole, ma Lorenzo e Rossi sono vicini

Il portacolori Honda: "fatico con la gomma nuova". Lorenzo e Rossi puntano su un passo gara molto buono

03 Austin 7, 8, 9 y 10 de abril de 2016; circuito COTA, Texas; Motogp; mgp; motogp
Primo nelle libere, primo nelle qualifiche. Marc Marquez conquista le prove ufficiali di qualificazione sul circuito di Austin in Texas, e domani scatterà dalla prima casella.

Tutto facile? Mica tanto. Già perchè se sul risultato finale non vi erano poi cosi tanti dubbi - al netto delle variabili di una gara di moto - è il distacco sugli avversari che rende aperta ed interessante la questione, in vista della gara di domani. Già, perchè Marquez ci aveva abituato fin troppo bene in questi quattro turni di prove libere, con vantaggi nell'ordine dei 2-5 decimi sul secondo.

Ma quando il gioco si è fatto determinante, quel secondo - leggasi Jorge Lorenzo - ha tirato fuori la zampata del campione del mondo, avvicinandosi fortemente alla pole position. 2'03.188 il riferimento cronometrico di Marquez, 2'03.257 il crono del maiorchino: solo 69 millesimi il distacco tra i due.

Sembra quindi un paradosso vedere un Lorenzo in parco chiuso quasi più soddisfatto di Marquez. Eppure la situazione è questa. "69 millesimi dalla pole. Dove bisogna migliorare? la verità è che abbiamo lavorato bene, dobbiamo migliorare gli ultimi ritagli di elettronica." ha detto Lorenzo "Sono contento, nelle fp4 era scivolosa la pista, ora ha migliorato tanto. Abbiamo fatto un grande lavoro come setting. Domani dobbiamo finire la gara e nel podio e prendere i punti prima di arrivare nelle piste buone per noi".

austin_day1_045.jpg

Di meno parole il portacolori Honda: "Sono Contento di come sta andando, mi sento abbastanza forte, sopratutto sul passo. Le due Yamaha non sono più vicine, ma con lo pneumatico nuovo non mi sento al 100% quindi va bene cosi. Proviamo a lavorare cosi, poi vediamo il tempo come andrà domani".

Lorenzo e Marquez sono quindi i due grandi contendenti in vista della gara di domani, senza dimenticarci di Valentino Rossi che, seppur staccato di 456 millesimi dalla vetta, è riuscito ad agguantare la prima fila, forte anche di un passo non dissimile da quello di Jorge Lorenzo "Sono soddisfatto sopratutto del lavoro di oggi. già da questa mattina abbiamo migliorato molto, e sopratutto ho un buon passo. Sono terzo con lo stesso passo di Jorge quindi era importante partire in prima fila. Sono contento perchè ho fatto un buon giro. Avrei voluto fare un filo meglio in termini di tempo, ma 2'03.6 è buono. Comunque era fondamentale fare la prima fila".

Chi mastica amaro è evidentemente la Ducati che piazza Andrea Iannone in quarta posizione, ad aprire la prima fila. L'abruzzese chiude con un ritardo di 725 millesimi ma domani dovrà retrocedere di tre posizioni, conseguenza dell'incidente all'ultima curva di Rio Hondo. Ne beneficerà quindi Maverick Vinales, oggi quinto a un secondo con la sua Suzuki, Cal Crutchlow e proprio Andrea Dovizioso che accusa un ritardo di 1.151 secondi dalla vetta.

Solamente ottavo Daniel Pedrosa, a conferma dei tanti problemi - sopratutto a frenare la moto - in questo fine settimana al CotA. Nono Aleix Espargaro davanti ad un Redding su cui ci si poteva attendere un qualcosa in più dopo le belle prove libere disputate.

austin_day1_038.jpg

MotoGP Austin Q2: classifica


1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 336.3 2'03.188
2 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 334.2 2'03.257 0.069 / 0.069
3 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 338.5 2'03.644 0.456 / 0.387
4 29 Andrea IANNONE ITA Ducati Team Ducati 342.3 2'03.913 0.725 / 0.269
5 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 336.3 2'04.247 1.059 / 0.334
6 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 333.7 2'04.265 1.077 / 0.018
7 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 342.8 2'04.339 1.151 / 0.074
8 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 337.9 2'04.379 1.191 / 0.040
9 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 332.1 2'04.408 1.220 / 0.029
10 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati 338.4 2'04.485 1.297 / 0.077
11 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 338.4 2'04.988 1.800 / 0.503
12 76 Loris BAZ FRA Avintia Racing Ducati 333.5 2'05.159 1.971 / 0.171

MotoGP Austin Q1: classifica


1 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 333.2 2'04.740
2 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 330.2 2'04.849 0.109 / 0.109
3 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 334.6 2'04.867 0.127 / 0.018
4 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati 338.4 2'04.944 0.204 / 0.077
5 50 Eugene LAVERTY IRL Aspar Team MotoGP Ducati 337.2 2'05.425 0.685 / 0.481
6 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 328.2 2'05.625 0.885 / 0.200
7 51 Michele PIRRO ITA OCTO Pramac Yakhnich Ducati 337.8 2'05.702 0.962 / 0.077
8 68 Yonny HERNANDEZ COL Aspar Team MotoGP Ducati 333.4 2'06.029 1.289 / 0.327
9 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 334.4 2'06.049 1.309 / 0.020
10 53 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 331.6 2'06.562 1.822 / 0.513
43 Jack MILLER AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda

MotoGP Austin 2016: Lorenzo e Rossi in scia a Marquez nelle FP4


03 Austin 7, 8, 9 y 10 de abril de 2016; circuito COTA, Texas; Motogp; mgp; motogp
Due Yamaha

in caccia della Honda di Marc Marquez. Il problema - per Iwata ovviamente - è che Marquez in questa pista ha finora dominato ogni singolo turno di prove libere e difficilmente si farà rubare le qualifiche. 2'04.309 il riferimento cronometrico del 'cabroncito' che oltretutto conferma la sua forma eccelsa anche in condizioni un poco particolari.

Già perchè la pioggia che ha rovinato il turno di qualificazione della Moto3 è cessata, lasciando la pista leggermente umida e meno gammata nelle fasi iniziali. Eppure Marquez ha continuato a tenere la vetta della classifica. Seconda e terza come detto la Yamaha. Jorge Lorenzo si prende la medaglia d'argento simbolica, nonostante l'attesa dei primi minuti ai box.

Ciò che ha un poco colpito è la tranquillità che mostrava il campione del mondo, nonostante la forza di Marquez. Terzo invece Valentino Rossi che ha utilizzato la gomma media con carcassa più dura sia a destra che a sinistra (in maniera asimmetrica).

Sia Rossi che Lorenzo sono stati più lenti di mezzo secondo: +0.558 per Jorge, appena tre millesimi peggio il dottore. Quarto è uno splendido Scott Redding che continua a mostrare il suo affiatamento con la Ducati Gp15 del team Pramac, a 8 decimi pieni.

La quinta piazza, appannaggio di Andrea Dovizioso, va ad oltre un secondo, uno e due decimi per la precisione. Sesto è Vinales che, cosi come Pedrosa - settimo - sembra ancora non esser riuscito a risolvere qualche piccolo problemino in staccata. E' ottavo invece Andrea Iannone (+1.438), a precedere Hector Barbera e Cal Crutchlow.

MotoGP Austin 2016, FP4: classifica


1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 335.6 2'04.309
2 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 332.6 2'04.867 0.558 / 0.558
3 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 334.5 2'04.870 0.561 / 0.003
4 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati 334.5 2'05.193 0.884 / 0.323
5 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 340.4 2'05.559 1.250 / 0.366
6 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 335.1 2'05.630 1.321 / 0.071
7 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 336.9 2'05.669 1.360 / 0.039
8 29 Andrea IANNONE ITA Ducati Team Ducati 340.6 2'05.747 1.438 / 0.078
9 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati 335.4 2'05.947 1.638 / 0.200
10 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 332.1 2'05.986 1.677 / 0.039
11 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 329.7 2'06.028 1.719 / 0.042
12 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 335.6 2'06.032 1.723 / 0.004
13 51 Michele PIRRO ITA OCTO Pramac Yakhnich Ducati 337.2 2'06.120 1.811 / 0.088
14 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 329.8 2'06.177 1.868 / 0.057
15 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 333.9 2'06.196 1.887 / 0.019
16 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 332.2 2'06.736 2.427 / 0.540
17 76 Loris BAZ FRA Avintia Racing Ducati 331.0 2'06.954 2.645 / 0.218
18 50 Eugene LAVERTY IRL Aspar Team MotoGP Ducati 339.1 2'07.169 2.860 / 0.215
19 68 Yonny HERNANDEZ COL Aspar Team MotoGP Ducati 330.2 2'07.196 2.887 / 0.027
20 53 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 329.0 2'07.863 3.554 / 0.667
21 43 Jack MILLER AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 329.3 2'09.520 5.211 / 1.657

MotoGP Austin 2016: ancora Marquez nelle FP3. Ma Iannone è 2° in scia


austin_fp_024.jpg

Ancora lui, sempre lui. Marc Marquez continua a dominare sul CotA di Austin, ed anche in questa terza sessione di prove libere realizza il miglior tempo in 2'03.741. Il fatto che non sia una sorpresa, mostra il livello del portacolori Honda. Attenzione però, perchè Andrea Iannone, secondo in classifica, è molto vicino allo spagnolo.

Sono 196 i millesimi che dividono i due piloti. D'altro canto, l'abruzzese aveva mostrato un buon livello di competitività fin da ieri, ed anche nelle dichiarazioni ufficiali aveva professato ottimismo. Terza posizione per Jorge Lorenzo che però mantiene praticamente il distacco paventato ieri, con 590 millesimi di ritardo dal tempo di Marquez.

Buono il quarto posto di Maverick Vinales che si ritrova staccato di appena 5 millesimi dalla Yamaha del maiorchino. Come sempre, le FP3 hanno regalato nei minuti finali tutto un corollario di caschi rossi, con tutti i piloti intenti a cercare di rientrare nella Top10 che permette l'accesso diretto in Q2. Quinto è quindi Cal Crutchlow, che chiude in 2'04.408, a 667 millesimi dal vertice, seguito da Valentino Rossi, sesto a 709 millesimi dalla vetta.

Settimo Daniel Pedrosa che sta cercando di rimettere sui giusti binari un fine settimana iniziato in maniera complicata. La Ducati chiude la Top ten che accede direttamente alla seconda fase delle qualifiche con tutte e tre le specifiche in pista: GP14.2 con Loris Baz, la Desmosedici con Andrea Dovizioso ed infine, in decima piazza, la Gp15 con Scott Redding.

Da sottolineare, scorrendo la classifica, anche la 17esima posizione di Jack Miller , sceso in pista nonostante le lastre abbiano evidenziato una frattura al piede.

Austin, MotoGP FP3: classifica


1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 336.1 2'03.741
2 29 Andrea IANNONE ITA Ducati Team Ducati 339.3 2'03.937 0.196 / 0.196
3 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 331.7 2'04.331 0.590 / 0.394
4 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 332.8 2'04.336 0.595 / 0.005
5 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 331.2 2'04.408 0.667 / 0.072
6 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 334.1 2'04.450 0.709 / 0.042
7 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 336.6 2'04.524 0.783 / 0.074
8 76 Loris BAZ FRA Avintia Racing Ducati 329.9 2'04.576 0.835 / 0.052
9 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 338.6 2'04.741 1.000 / 0.165
10 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati 333.4 2'04.769 1.028 / 0.028
11 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 333.4 2'04.783 1.042 / 0.014
12 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 329.6 2'05.061 1.320 / 0.278
13 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati 333.4 2'05.207 1.466 / 0.146
14 51 Michele PIRRO ITA OCTO Pramac Yakhnich Ducati 336.0 2'05.288 1.547 / 0.081
15 68 Yonny HERNANDEZ COL Aspar Team MotoGP Ducati 336.4 2'05.378 1.637 / 0.090
16 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 327.4 2'05.616 1.875 / 0.238
17 43 Jack MILLER AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 333.1 2'05.684 1.943 / 0.068
18 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 333.7 2'05.962 2.221 / 0.278
19 50 Eugene LAVERTY IRL Aspar Team MotoGP Ducati 335.7 2'06.179 2.438 / 0.217
20 53 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 327.1 2'06.444 2.703 / 0.265
21 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 331.6 2'06.488 2.747 / 0.044

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: