MotoGP Argentina 2016: il Motomondiale vola in Sud America

Dopo la notte di Losail, ci prepara per Rio Hondo, il GP delle verità

lg4_8727-middle.jpg

Per il terzo anno consecutivo la MotoGP torna in Argentina, sul circuito di Termas de Río Hondo che ospiterà la seconda tappa di questo Motomondiale che pare essersi già infiammato (soprattutto fuori pista...) alla prima gara del Qatar. La carne al fuoco sembra essere già tanta, e la prova sudamericana forse riuscirà a dare un po' di quelle risposte che il round qataro non è riuscito a dare, in virtù delle sue peculiarità. Il GP sudamericano sarà una sorta di cartina tornasole delle forze in campo, e permetterà di valutare più accuratamente gli equilibri che andranno profilandosi in questo 2016.

MotoGP Argentina 2016 - Yamaha


In casa Yamaha, nonostante lo stato di grazia della M1 e di Lorenzo, la situazione è tutt'altro che tranquilla: i battibecchi via stampa tra il campione spagnolo e Valentino Rossi, le incomprensioni in pista e la tensione "politica" tra Iwata e Jorge concernente la questione del rinnovo contrattuale, fanno pensare tutt'altro che a un clima sereno nei box della casa giapponese. Alle procastinazioni nella firma del contratto tra la Yamaha e il maiorchino, vero dominatore dei test precampionato e della prima gara della stagione, fa da contraltare un apparente idillio tra Rossi e i giapponesi, con l'italiano che, nonostante prestazioni per ora leggermente inferiori a quelle del compagno di squadra, sembra essere stato eletto vera e propria bandiera di Iwata, con un rinnovo contrattuale risoltosi già ad inizio campionato che preannuncia un finale di carriera tutto in blu per il camponissimo pesarese.

Rio Hondo pare essere inoltre un circuito piuttosto gradito a Valentino, che l'anno scorso in Argentina ha dato una grande dimostrazione di potenza vincendo la gara su Andrea Dovizioso secondo al traguardo; non si può invece dire la stessa cosa di Lorenzo che invece nelle due passate edizioni non è riuscito ad andare oltre un terzo e un quinto piazzamento. Non è quindi da escludere che, nonostante un inizio campionato a completo appannaggio del pentacampione spagnolo, il GP sudamericano possa ribaltare le carte all'interno della stessa Yamaha e dare uno scossone agli equilibri del box capitanato da Massimo Meregalli.

MotoGP Argentina 2016 - Ducati


A confermarsi in Argentina sono chiamate sicuramente le Ducati, con un Dovizioso autore di una stupenda seconda posizione nella notte araba e un Andrea Iannone "sprecone" a causa della caduta nelle prime tornate ma velocissimo sulla nuova Desmosedici: l'anno scorso entrambe le moto di Borgo Panigale hanno concluso la gara latina nelle prime 4 posizioni, e lo stato di forma che la D16 sembra mostrare in questo inizio campionato fa pensare che Dovi e The Maniac abbiano tutte le possibilità di giocarsi le prime posizioni anche in Argentina.

2016-qatar-motogp-losail-20.jpg

MotoGP Argentina 2016 - Honda


Grande attesa anche per le Honda, e soprattutto per i due ufficiali del Team Repsol HRC, apparsi leggermente in difficoltà in questo inizio stagionale: non che il terzo posto di Marquez in Qatar sia di per se un cattivo risultato, ma certo che Marc ci ha abituati ad essere praticamente sempre in lotta per la vittoria e a una maggiore incisività, che invece in queste prime battute del 2016 non è riuscito a mostrare per una mancanza di feeling con la sua RC213.

Spanish rider Marc Marquez of Repsol Honda Team (L) and Italian rider Valentino Rossi of Movistar Yamaha MotoGP compete during the Qatar Moto Grand Prix race on March 20, 2016 at the Losail International Circuit in the Qatari capital Doha.  / AFP / KARIM JAAFAR        (Photo credit should read KARIM JAAFAR/AFP/Getty Images)

Discorso pressochè identico per l'ormai veterano Dani Pedrosa, che dopo il forfait del 2015 a causa dell'intervento chirurgico all'avambraccio, non è riuscito a fare meglio del 5° posto a Losail con quasi 15 secondi di distacco dal leader Lorenzo. Anche la Suzuki, che con soprattutto con Viñales aveva stupito per le ottime prestazioni prima della gara tanto da sembrare la vera sorpresa del 2016, dovrà recuperare il deludente risultato finale del Qatar, certamente non in linea con le ambizioni pre-gara del pilota spagnolo e del Team Suzuki Ecstar.

MotoGP Argentina 2016 - Pramac


Purtroppo lo squadrone italiano sarà privato, in Argentina come a Losail, di Danilo Petrucci, ancora convalescente dopo l'infortunio alla mano che non gli aveva permesso di prendere parte alla prima gara. La disavventura di Petrux, che ci auguriamo di vedere prestissimo in pista, ci darà però modo di vedere nuovamente in azione, in sella alla Ducati Octo Pramac Yakhnich, il tester Michele Pirro, ormai presenza fissa in gara quando c'è da sostituire uno dei piloti titolari Ducati: l'enorme esperienza di Michele sulla D16 riuscirà certamente a rendere meno amara la mancanza di Petrucci sulla griglia di partenza. Gli interrogativi a cui il GP d'Argentina potrà rispondere e le tematiche in gioco sono tante, lasciamo a che a parlare sia la pista augurandoci soprattutto di vedere una bella gara, perchè i presupposti ci sono davvero tutti!

MotoGP Argentina 2016 - Aprilia Racing


Dopo il positivo debutto a Losail della nuova Aprilia RS-GP (13a con Alvaro Bautista) il Team Aprilia Racing Gresini si presenta in Argentina con novità interessanti e con un unico obbiettivo: girare con costanza per conoscere la nuova moto e ottenere il massimo possibile in gara.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO