Davies: "Battaglia divertente, ora puntiamo a vincere"

Secondo posto grazie al veloce pilota gallese per il team Aruba.it Racing - Ducati nella Gara-1 di Phillip Island, Davide Giugliano ai piedi del podio.



chaz-davies-2016.jpg

Se il buongiorno si vede dal mattino, il team Aruba.it Racing - Ducati può davvero aspettarsi una grande stagione nel Mondiale Superbike 2016.

Nella Gara-1 del primo round stagionale di Phillip Island, per la prima volta disputata al sabato, il team ufficiale di Borgo Panigale ha infatti dato spettacolo con entrambi i suoi alfieri combattendo sempre per le posizioni da podio, con Chaz Davies che alla fine ha dovuto arrendersi per 63 millesimi a uno scatenato Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) nella lotta per la vittoria e Davide Giugliano che ha mancato per pochissimo l'ultimo gradino del podio a favore di Michael Van der Mark (Honda Racing).

giugliano-sykes.jpg

Dopo una Superpole molto combattuta, con Giugliano e Davies rispettivamente in seconda e nona posizione, la prima gara sullo spettacolare tracciato australiano è stata davvero combattutissima fino agli ultimi metri, come dimostrato dai risicatissimi distacchi (Giugliano ha chiuso a meno di 7 decimi e mezzo dal vincitore).

Grazie a un'ottima partenza, Davies ha risalito rapidamente posizioni in Gara-1 raggiungere il gruppo dei primi per andare a insidiare la leadership di Rea nelle ultime tornate. All’ultimo giro il gallese ha tentato l’affondo a tre curve dal traguardo, guadagnando la prima posizione per poi essere però ripassato dal Campione del Mondo nella curva successiva.

ducati-aruba-sbk-2016-australia-2.jpg

Anche se la vittoria gli è sfuggita davvero per un soffio, Chaz Davies si è dichiarato soddisfatto di quanto fatto in pista e pronto a rilanciare la sfida per la Gara-2 di domani (clicca qui per orari e copertura TV):

“È stata una battaglia divertente, con tanti sorpassi duri ma corretti. Avevo pianificato il sorpasso su Rea alla curva 10, ma lui ha allargato la sua traiettoria leggermente e sono stato costretto a stringere un po’ troppo in ingresso, senza riuscire a chiudere perfettamente la curva. Ero già al limite con la gomma anteriore ed ho dovuto mollare i freni, così è riuscito a sorpassarmi nuovamente."

"Sono comunque molto contento, rispetto allo scorso anno abbiamo fatto grandi passi avanti dal punto di vista dell’elettronica e nelle fasi finali di gara ero molto più a mio agio. Il duello con Rea avrebbe potuto tranquillamente avere un esito opposto, ed ora penserò ad una nuova strategia insieme alla mia squadra. L’obiettivo per domani è la vittoria”.

ducati-aruba-sbk-2016-australia-8.jpg

Dopo un eccellente qualifica e un buon inizio della corsa, Davide Giugliano è rimasto per tutta la corsa nel gruppetto di testa salvo poi accomodarsi ai piedi del podio. A parte questo, la sua analisi della corsa è stata comunque positiva:

“È stata una gara molto bella, sia per noi piloti che per il pubblico. Questa pista non era associata a dei bei ricordi per me, visto che un anno fa mi ero infortunato proprio qui nei test pre-stagione. Oggi invece ho mancato di un soffio la pole position ed ho lottato per il podio fino all’ultimo. Per me si è trattato innanzitutto di un buon rientro a sette mesi da un grave infortunio. Il podio era alla portata, peccato solo per un errore alla curva 4 che mi ha distanziato leggermente dal gruppo a pochi giri dalla fine."

"Insieme alla squadra, abbiamo lavorato duramente in questi mesi per trovare un assetto che mi permettesse di essere veloce per tutta la gara, e fare il giro veloce all’ultimo passaggio rappresenta una bella conferma. Abbiamo fatto un passo avanti, dobbiamo continuare in questa direzione e migliorare ancora per essere più competitivi domani”.


ducati-aruba-sbk-2016-australia-4.jpg

Anche Stefano Cecconi, Team Principal e Amministratore Delegato di Aruba, ha espresso soddisfazione per quanto raccolto dalla squadra bolognese nel sabato di Phillip Island:

“Ci siamo giocati sia la Superpole che Gara 1 sul filo dei millesimi. È stato sicuramente un buon inizio di stagione, con una battaglia entusiasmante e corretta che ci ha tenuti col fiato sospeso fino alla bandiera a scacchi e conferma sia il livello della squadra che la qualità del lavoro svolto durante l’inverno. Ma non ci accontentiamo, e punteremo ancora più in alto domani”.

1-0243_p01_giugliano_action.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO