Dakar 2016 - Tappa 3: penalità e pioggia, Benavides primo

Era chiamato a riscattarsi dopo il prologo ed una prima tappa non esaltanti e Joan Barreda, nella terza tappa della Dakar 2016 non si è fatto attendere. Un imprevisto lo ha però privato della vittoria.

Con Marc Coma che ha appeso il casco al chiodo per diventare direttore tecnico della Dakar, il ruolo di favorito per le moto è divenuto di diritto di chi, negli anni del dominio del pilota di Avià, è stato uno dei suoi avversari più forti, Joan Barreda.

Un po' in ombra nel prologo e nella seconda tappa (la prima è stata cancellata per maltempo), nella terza frazione ha sfruttato la sua Honda, trovatasi particolarmente a suo agio sul percorso che ha condotto i partecipanti da Termas de Rio Hondo a Jujuy, caratterizzato, così come dall'inizio, da condizioni meteo che definire variabili è un eufemismo.

Benavides

Primo al termine del percorso, Barreda è stato però penalizzato di un minuto per eccesso di velocità nel trasferimento come, tra i top rider, anche Pablo Quintanilla. La sorpresa ha rovinato la festa della casa dell'ala dorata che, sulla base dei tempi, aveva piazzato tre moto ai primi tre posti.

Classifica di tappa quindi in parte rivoluzionata, con vittoria assegnata al pilota di casa, Kevin Benavides, con 26 secondi di vantaggio su Paulo Goncalves e 27 su Meo il quale, insieme a Svitko (+31”), salva così una giornata a rischio grossa delusione per KTM.

Generated by IJG JPEG Library

Quinto posto, nonostante la penalità, Barreda, a 34 secondi, con Quintanilla scivolato in settima posizione a livello di piazzamento di tappa. Tra gli altri piloti che sono incorsi in penalità, Pain(+1'), Garcia Pedrero (+2'), Metge (+30”) ed il nostro Alessandro Botturi (+3'), ancora dolorante al polso dopo la caduta di ieri.

Soltanto trentaseiesimo di tappa il vincitore di tappa 2, Toby Price, in grossa difficoltà sul tracciato odierno e finito a 7'41” dal vincitore, pur non essendo incorso in alcuna penalità. Migliore degli italiani Ceci, 26° a 5'35”, seguito da Cerutti, 28°, a 6'10”.

benavides.jpg

Nella generale guida Svitko, con 34” su Benavides, 46” su Barreda, 54” su Goncalves e 56” su Duclos. Walkner è sesto a 1'33”, Quintanilla settimo a 3'24”, quindi Faria (+3'43”) e Price (+4'49”). Chiude la top ten Garcia Pedrero, a 6'19”.

Va così in archivio una tappa che ha evidenziato, oltre alle difficoltà imposte dal meteo, cosa a cui non c'è rimedio, nuovi dubbi sui lunghi trasferimenti, che espongono con troppa facilità i piloti al superamento dei limiti imposti. In fondo, la Dakar la vince chi chi mette meno tempo a percorrere il percorso di gara, più che una competizione di regolarità in senso stretto.

Riepilogo tappe

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO