MotoGP: Valentino Rossi, niente appello al TAS

Anche se il Motomondiale 2015 si è concluso da ormai un mese, c'era ancora una coda legale che teneva la curiosità accesa sul campionato MotoGP più elettrizzante della storia. A mettere la parola fine è stato uno dei protagonisti principali, Valentino Rossi.

Valentino Rossi e Carmelo Ezpeleta

Il mondiale MotoGP 2015 è finito. Sulle piste questo era avvenuto l'8 Novembre, a Valencia, dove Jorge Lorenzo si è laureato campione ma, per la giustizia sportiva, il sigillo definitivo è arrivato solo oggi, ad opera di Valentino Rossi.

Il pesarese ha infatti ritirato il suo appello presentato alla Corte Arbitrale dello Sport (CAS) contro la penalizzazione di tre punti inflittagli dai Commissari FIM in occasione del GP della Malesia del 25 Ottobre, quello dell'ormai celeberrimo contatto tra il pilota di Tavullia e Marc Marquez.

2015-valentino-rossi-test-valencia.jpg

Nel ricorso presentato dal numero 46 era contenuta la richiesta di annullamento della pena o la riduzione della stessa da tre punti ad uno, in modo da evitare di dover partire dal fondo dello schieramento nella gara successiva, l'ultima del mondiale 2015.

L'istanza era stata rigettata, ma il ricorso era stato comunque portato avanti dall'arbitrato. Con la decisione di oggi, dove Rossi annuncia di voler ritirare l'appello, la decisione della FIM assume valore definitivo. Tutto il circus della MotoGP può così concentrarsi sulla stagione 2016, il cui prossimo capitolo saranno i test di alcune squadre a Jerez, il 21 ed il 22 Dicembre prossimi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: