Tacita aggiorna la gamma 2016

Novità tecniche ed estetiche per le moto elettriche della casa piemontese: interessati i modelli Rally, Enduro, Motard e Diabolika.

La torinese Tacita, battagliero produttore di moto elettriche, ha annunciato l'introduzione di alcuni significativi affinamenti per la sua gamma di modelli 2016, aggiornamenti 'trasversali' di carattere sia tecnico che estetico che promettono di apportare un miglioramento tangibile ai suoi prodotti. Nel particolare, gli aggiornamenti riguardano i modelli Rally, Enduro, Motard e la Urban-Scrambler Diabolika, mentre resta invariata la Cross.

La prima di queste novità riguarda i nuovi caricabatterie: una pratica e compatta sacca morbida, facile da fissare e smontare sul nuovo portapacchi posteriore (con sole quattro viti) ospita infatti al suo interno il nuovo caricabatterie con la possibilità di ricarica da qualsiasi presa (saranno inoltre rese disponibili delle borse morbide laterali da coordinare con la sacca).

cruscotto-tacita.jpg

La seconda è l'adozione del sistema di trasmissione dati Can Bus, una tecnologia molto diffusa nell’automotive high-end (tra le moto, in particolare, con BMW Motorrad) che diminuisce il peso e aumenta la qualità della trasmissione dei dati. Questo ha imposto anche l'arrivo di un nuovo cruscotto, che offre le info necessarie per la mobilità (consumo medio, consumo istantaneo, autonomia residua, stato di carica della batteria etc,) e ha una retroilluminazione azzurra, a richiamare il suo DNA elettrico.

Per i modelli con quattro batterie viene inoltre introdotta una inedita carenatura posteriore in kevlar-carbon, con sella più lunga di 4cm e più larga per il passeggero (disponibile come opzione anche la sella al gel). Questi modelli, che ospitano nel codino due batterie supplementari, potranno così avvalersi di materiale che offre il giusto bilanciamento tra flessibilità, resistenza e leggerezza con un design ulteriormente affinato. Allungata anche la sella, ora più lunga di 4 cm e più larga nella zona passeggero.

rally-sx-front.jpg

Altra novità è la 'Modalità Riserva' che si attiva all'approssimarsi del 20% di carica residua allungando il chilometraggio a scapito della velocità per raggiungere una stazione di ricarica o la propria T-Station. Quest'ultima è il carrello portamoto di Tacita, equipaggiato con pannelli fotovoltaici per ricaricare la moto a energia solare (e che può fungere da power supply per campi base in zone non servite da reti elettriche.

L'ultima novità riguardante Tacita non riguarda invece le sue moto, ma il suo business, con la distribuzione dei modelli che si espande in Germania, Gran Bretagna ed Olanda. Maggiori informazioni sono disponibili tramite il sito web ufficiale dell'azienda piemontese.

diabolika-03.jpg

  • shares
  • Mail