Lorenzo: "Solo Rossi può abbassare la tensione"

Intervistato dal Mundo Deportivo, il Campione del Mondo della MotoGP 2015 attacca il compagno di colori: "Ha modificato la realtà..."

MADRID, SPAIN - NOVEMBER 23: Jorge Lorenzo attends 'El Hormiguero' TV Show  on November 23, 2015 in Madrid, Spain.  (Photo by Alberto Alcocer/Getty Images)

Anche a distanza di qualche settimana, non si sono ancora placate le discussioni in merito al finale di stagione del Mondiale MotoGP 2015, con Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) che ha conquistato il titolo con il sorpasso in classifica sul team-mate Valentino Rossi solo nell'ultimo round di Valencia, anche in virtù della discussa e contestata penalizzazione del pesarese dopo la precedente collisione con Marc Marquez (Honda Repsol) a Sepang.

Nel corso di una lunga intervista al Mundo Deportivo (di cui riportiamo alcuni brani), il maiorchino ha infatti parlato della sua incredibile stagione tornando anche sulle velenose polemiche che hanno caratterizzato l'ultima parte della lotta al titolo.

Yamaha Team's Spanish rider Jorge Lorenzo rides during the first MotoGP free practice session ahead of the Aragon Grand Prix at the Motorland racetrack in Alcaniz on September 25, 2015. AFP PHOTO/ JAIME REINA        (Photo credit should read JAIME REINA/AFP/Getty Images)

Riguardo al significato che il titolo 2015 ha avuto per lui - quinto in carriera dopo i due in 250 del 2006 e 2007 e i due in MotoGP nel 2010 e 2012 - il maiorchino ha innanzitutto spiegato:

"Nonostante una carriera con tanti successi, ho anche avuto molti momenti difficili, infortuni e scarso rendimento, diversi anni con più momenti brutti che belli. Per questo, aver coronato il mio sogno, che era quello di essere di nuovo campione del mondo, è incredibile. [...] In nessuna delle precedenti 17 gare ero stato davanti in campionato, anche se dopo Brno eravamo a pari punti con Rossi con più vittorie. E fino all'ultima curva dell'ultimo giro dell'ultima gara abbiamo dovuto lottare per i punti necessari per vincere il campionato. Non avremmo potuto avere un finale più drammatico e mozzafiato, e questo gli da un sapore ancora migliore."

PHILLIP ISLAND, AUSTRALIA - OCTOBER 15:  Jorge Lorenzo of Movistar Yamaha MotoGP and Spain talks during a MotoGP press conference ahead of the 2015 MotoGP of Australia at Phillip Island Grand Prix Circuit on October 15, 2015 in Phillip Island, Australia.  (Photo by Cameron Spencer/Getty Images)

Dopo l'apparizione all'evento pre-EICMA di Yamaha a Milano, quando Lorenzo e Rossi si sono ritrovati faccia-a-faccia dopo Valencia senza però degnarsi di uno sguardo, sono in molti a sollevare dubbi sulla coesistenza dei due nel team Yamaha nella prossima stagione. Lorenzo non se ne preoccupa:

"Noi non lavoriamo insieme: siamo nello stesso team, ma ognuno di noi ha la sua squadra personale. Anche se le moto sono uguali, lavorando sul materiale poi le moto cambiano, i meccanici sono diversi, e ciascuno di noi cerca di vincere. Non solo contro l'altro, ma contro tutti. Non è come il calcio."

"Il nostro rapporto era stato buono fino a dopo Phillip Island. In condizioni normali, le cose si sarebbero inasprite comunque perché eravamo in lotta per il titolo, ma finito il campionato si sarebbero calmate. Riguardo ciò che è successo a Sepang, lui ha i suoi argomenti e le sue teorie, ci vorrà un po' di tempo prima che il nostro rapporto torni a com'era prima di quella gara. Da parte mia, non ho nessun problema con nessun pilota, niente rancori o cose simili. Io cerco di andare d'accordo con tutti, rispettando tutti i piloti in pista e fuori."

VALENCIA, SPAIN - NOVEMBER 08: Jorge Lorenzo of Spain and Movistar Yamaha MotoGP leads Marc Marquez of Spain and Repsol Honda Team during the MotoGP race during the MotoGP of Valencia - Race at Ricardo Tormo Circuit on November 8, 2015 in Valencia, Spain. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

In riferimento al presunto 'biscotto' tra piloti spagnoli per favorirlo nella rincorsa al titolo - una tesi sostenuta tutt'altro che velatamente dagli ambienti vicini al 'Dottore' - Lorenzo si è così difeso:

"Basta vedere come sono andate le cose nelle ultime 5 o 6 corse. Se questa teoria fosse vera, Marquez non sarebbe caduto ad Aragon, né mi avrebbe sorpassato a Phillip Island. Sappiamo che l'influenza di Rossi sui media e sui tifosi è molto grande, e così molte persone credono alla sua teoria. Un atleta con un'influenza così grande sulla stampa può arrivare a modificare la realtà, che è proprio ciò che è successo."

"Sia Marquez che io siamo stati attaccati in Italia per l'influenza di queste affermazioni di Valentino sui media, che difendono questa teoria e influiscono sulle persone che li leggono o li vedono."

"Qui [in Spagna] mi sono sentito molto difeso, ma non solo io. Anche Marc è stato difeso, come giusto, perché evidentemente non ha fatto nulla di sbagliato. Ha cercato di fare la sua corsa in Malesia ed è stato Valentino che, invece, ha fatto qualcosa al di fuori del regolamento. E a Valencia diversi piloti italiani hanno detto che avrebbero aiutato Valentino, e non vengono deliberatamente attaccati per questo. In Italia però si attacca Marquez perché, presumibilmente, avrebbe fatto lo stesso con me."

MISANO ADRIATICO, ITALY - SEPTEMBER 11:  Jorge Lorenzo of Spain and Movistar Yamaha MotoGP rounds the bend during the MotoGP of San Marino - Free Practice at Misano World Circuit on September 11, 2015 in Misano Adriatico, Italy.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

E riguardo al clima velenoso e 'calcistico' che si è respirato in MotoGP per via di questi ultimi avvenimenti del 2015, con particolare riferimento ai fischi ricevuti a Valencia nonostante avesse appena vinto il titolo 'in casa', Lorenzo ha aggiunto:

"Non era il paese che fischiava, erano tifosi rivali. E' come quando il Real Madrid va a giocare al Camp Nou, Rossi ha molti fans in Spagna, che hanno fischiato i loro rivali. No, non mi piace, vorrei che le cose tornassero a com'erano sette anni fa."

"Solo Rossi potrebbe far abbassare la tensione, con un messaggio di distensione ai suoi tifosi, ma non so se è disposto a farlo".

ALCANIZ, SPAIN - SEPTEMBER 27:  Jorge Lorenzo of Spain and Movistar Yamaha MotoGP celebrates the victory on the podium at the end of the MotoGP race during the MotoGP of Spain - Race at Motorland Aragon Circuit on September 27, 2015 in Alcaniz, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

MotoGP Valencia 2015: il trionfo di Jorge Lorenzo

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: