Moto Guzzi V9 Bobber e Roamer 2016 [Foto e video]

La Moto Guzzi V9 è stata la vedette dell'EICMA 2015 per la casa di Mandello del Lario. tutti i dettagli delle due versioni: 'Roamer' e 'Bobber'...

Dopo averla anticipata lo scorso Novembre al Salone EICMA 2015 di Milano (vedi la pagina successiva di questo post), Moto Guzzi ha rilasciato nuove informazioni e immagini ufficiali della suo nuova V9, che viene proposta nelle due declinazioni 'Roamer' e 'Bobber' spinte entrambe dall'ultimo bicilindrico 850cc (alesaggio e corsa rispettivamente di 84 e 77 mm) 'Made in Mandello'.

Il nuovo motore è naturalmente un bicilindrico trasversale a V di 90° raffreddato ad aria e olio - schema che contraddistingue tutta l’attuale produzione - con un inedito basamento in alluminio irrigidito nei punti nevralgici, una nuova coppa dell’olio e un albero motore ricalibrato nelle inerzie per restituire vivacità e il giusto freno motore. Nella parte alta del motore, la termodinamica è completamente nuova: teste, pistoni e cilindri in alluminio sono studiati per sfruttare al meglio le caratteristiche del propulsore. La distribuzione è comandata da un sistema ad aste e bilancieri e adotta 2 valvole per cilindro mentre l’alimentazione si affida a un sistema d’iniezione elettronica monocorpo Marelli. Nuova anche la centralina elettronica così come il cambio a 6 marce.

mg-v9-ambient-15.jpg

Il nuovo bicilindrico 850 Moto Guzzi è omologato Euro 4 ed è accreditato dalla casa dell'aquila di 62 Nm di coppia a 3.000 giri/min e di una potenza massima di 55 CV a 6.250 giri/min. È disponibile anche in versione depotenziata, in linea con le limitazioni della patente A2.

Oltre che dal propulsore, la V9 Roamer e la V9 Bobber sono accomunate grande cura delle finiture e della componentistica, dall'affascinante serbatoio a goccia da 15 litri e da diversi particolari quali i parafanghi in metallo, fianchetti, leve, pedane e tappo benzina in alluminio

mg-v9-ambient-7.jpg

La V9 Roamer è introdotta come 'la custom italiana dedicata ai cittadini del mondo'. Il Centro Stile del Gruppo Piaggio ne ha sviluppato il design, anche grazie agli input forniti dal PADC (Piaggio Advanced Design Center) situato a Pasadena (California). Il comfort a bordo è garantito da una posizione di guida comoda e decontratta, con una sella lunga con imbottiture, impreziosita dal logo Moto Guzzi cucito con filo grigio e un’altezza da terra di soli 785 mm. I cerchi sono da 19” davanti e da 16” dietro, il peso in ordine di marcia di 199 kg.

La declinazione di V9 Bobber vanta una certa sportività grazie al suo look 'total black' opaco. In linea con lo stile che le da il nome, la V9 Bobber rinuncia infatto a qualsiasi cromatura e verniciatura brillante con l’unica concessione di alcuni richiami grafici in giallo o in rosso opaco. I cerchi sono entrambi da 16 pollici e calzano pneumatici dalle spalle maggiorate (anteriore 130/90; posteriore 150/80). La V9 Bobber differisce dalla Roamer anche per la posizione di guida più raccolta e sportiva, garantita dal manubrio basso 'drag bar' verniciato nero e dalla sella ribassata. La distanza dal suolo di quest’ultima si attesta a soli 780 mm, il peso complessivo è di 199 kg in ordine di marcia.

039-v9-bobber-e-roamer.jpg

La ciclistica delle nuove V9 sfrutta un nuovo telaio a doppia culla scomponibile in tubi d’acciaio. All'anteriore troviamo fazzoletti di rinforzo nella zona del cannotto di sterzo e inedite quote di inclinazione e avancorsa, per ottenere una perfetta combinazione tra maneggevolezza, stabilità e precisione. Al reparto sospensioni troviamo una forcella a steli tradizionali con 130 mm di escursione e una nuova coppia di ammortizzatori regolabili nel precarico molla. L’impianto frenante adotta all’avantreno una nuova pompa e una pinza Brembo a 4 pistoncini contrapposti che lavora su un disco in acciaio da 320 mm; al retrotreno è presente un disco da 260 mm e una pinza flottante a due pistoncini, messa in funzione da una pompa con serbatoio integrato.

In termini di equipaggiamento, le due V9 vantano una ricca dotazione di sistemi elettronici: di serie è un evoluto ABS a due canali e l’ormai noto MGCT (Moto Guzzi Controllo di Trazione), integrato con la gestione elettronica del motore, regolabile in due differenti livelli di intervento e disinseribile. Di serie sono anche l’antifurto immobilizer e la presa USB situata sotto il cannotto di sterzo, utile per la ricarica di device esterni. Coerentemente con lo stile delle due V9, la nuova strumentazione elettronica è formata da un unico quadrante circolare.

029-v9-bobber-e-roamer.jpg

Come optional è disponibile la piattaforma MG-MP, l’innovativo sistema multimediale capace di connettere la moto allo smartphone e conseguentemente alla Rete. Con questa applicazione, scaricabile gratuitamente da App Store e Google Play, lo smartphone (iPhone o Android) diviene un vero e proprio sofisticato computer di bordo multifunzione e l’anello di connessione tra veicolo e Internet. La connessione wireless consente di visualizzare simultaneamente sullo schermo dello smartphone una serie di informazioni del veicolo, in modo da avere costantemente sempre sotto controllo i parametri di viaggio.

Per le due V9 è inoltre stata approntata un'ampia gamma di accessori originali, che si può consultare sul sito ufficiale del leggendario costruttore lariano.

Moto Guzzi V9 Roamer: scheda tecnica


(tra parentesi i dati di V9 Bobber)

022-v9-roamer.jpg

MOTORE
Tipo: bicilindrico a V di 90°, 4 tempi, 2 valvole per cilindro
Raffreddamento: ad aria e olio
Cilindrata: 853 cc
Alesaggio e corsa: 84 x 77 mm
Rapporto di compressione: 10,5 : 1

Potenza massima: 40,44 kW (55 CV) a 6.250 giri/min
Coppia: 62 Nm a 3.000 giri/min
Alimentazione: iniezione elettronica monocorpo Marelli MIU, gestione integrata di controllo di trazione su 2 livelli
Avviamento: elettrico
Impianto di scarico: in acciaio inox, del tipo 2 in 2 catalizzato a 3 vie con doppia sonda Lambda
Omologazione: Euro 4

TRASMISSIONE
Cambio: 6 marce con ultimo rapporto di overdrive
Valore rapporti cambio:
1^ 16/39 = 1 : 2,437
2^ 18/32 = 1 : 1,778
3^ 21/28 = 1 : 1,333
4^ 24/26 = 1 : 1,083
5^ 25/24 = 1 : 0,96
6^ 28/24 = 1 : 0,857

Trasmissione primaria: a denti elicoidali (rapporto 21/25 = 1: 1.190)
Trasmissione finale: doppio giunto di cardano e doppia coppia conica fissa (rapporto 8/33 = 1 : 4,125)
Frizione: monodisco Ø 170 mm con parastrappi integrato

012-v9-roamer-1.jpg


CICLISTICA
Telaio: tubolare a doppia culla scomponibile in acciaio ALS
Interasse: 1465 mm
Avancorsa: 125,1 mm (116,1 mm)
Inclinazione cannotto di sterzo: 26,4°
Angolo di sterzo: 38°
Sospensione anteriore: forcella tradizionale, Ø 40 mm
Escursione ruota anteriore: 130 mm
Sospensione posteriore: forcellone con doppio ammortizzatore regolabile nel precarico molla
Escursione ruota posteriore: 97 mm
Freno anteriore: disco flottante in acciaio inox, Ø 320 mm, pinza Brembo a 4 pistoncini contrapposti
Freno posteriore: disco fisso in acciaio inox, Ø 260 mm, pinza flottante a 2 pistoncini
Ruote: in lega d’alluminio
Cerchio anteriore: 2,50” x 19” (3,50” x 16”)
Cerchio posteriore: 4,00” x 16”
Pneumatico anteriore: 100/90 - 19” (130/90 - 16”)
Pneumatico posteriore: 150/80 - 16” (150/80 B 16”)

IMPIANTO ELETTRICO
Tensione impianto: 12 V
Batteria: 12 V – 18 Ah

DIMENSIONI
Lunghezza: 2240 mm (2185 mm)
Larghezza : 865 mm (840 mm)
Altezza : 1165 mm (1160 mm)
Altezza sella: 785 mm (780 mm)
Peso in ordine di marcia*: 199 Kg

Capacità serbatoio carburante: 15 litri
Di cui di riserva: 4 litri

* Peso con moto pronta all’uso, con tutti i liquidi di esercizio, senza carburante

mg-v9-lake-5.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 208 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO