SBK Magny Cours, Gara1: vince Sylvain Guintoli in sella alla Ducati 1098! Biaggi subito a terra: Melandri e Sykes sul podio riaprono il Mondiale.

Superbike 2012 - Silverstone - Gare

Colpi di scena ed emozioni a go-go in questa fantastica Superbike 2012. Tutto deve esser ancora deciso, tre piloti e tre Case possono ancora vincere il titolo iridato. Ma sicuramente questa 25a edizione del mondiale delle derivate di serie sarà ricordata come una delle più rocambolesche. E soprattutto un'edizione in cui il meteo, come anche quest'oggi, ci ha messo lo zampino.

Onore al francese Sylvain Guintoli, che in sella alla sua Ducati 1098, giunta alla sua sua ultima gara (l'anno prossimo verrà sostituita dalla 1199 Panigale) va a vincere sotto la pioggia la sua terza gara stagionale, dopo le affermzioni di Monza e Silverstone. Sul podio i due pretendenti al titolo, Melandri e Sykes, che vedono ora il loro distacco in classifica più che dimezzato dal Corsaro.

Max Biaggi infatti mantiene ancora la leadership rispettivamente con 14,5 e 18,5 punti di vantaggio. Questo significa che per aggiudicarsi la sua sesta stella deve arrivare almeno 6° in Gara2. Incolpevole nella caduta in apertura, l'anteriore della sua RSV4 gli si è chiuso senza preavviso. La pista dà, la pista toglie. Appuntamento alle 15:30 per Gara2, per conoscere il nome del Campione 2012, qui in diretta su Motoblog!

Cronaca Gara1

giro 23: Sylvain Guintoli vince la sua terza gara della stagione. 2° Melandri, 3° Sykes.

giro 21: la Ducati 1098r, giunta all'ultima gara della sua onorata carriera, è saldamente al comando di Gara1 e incrementa il suo vantaggio

giro 19: continua a guadagnare metri importanti l'alfiere di casa Ducati

giro 17: Tom Sykes si allontana, mentre Guintoli forza il ritmo

giro 16: Sylvain mago della pioggia, ma Melandri non demorde e passa Sykes

giro 15: tifo in visibilio, Guintoli s'inserisce nalla lotta tra i due

giro 14: Sykes guida ora la corsa ma Melandri lo vede

giro 13: Rea a terra quando aveva oltre 10" di vantaggio sugli inseguitori

giro 11: Melandri rompe gli indugi e passa Guintoli, portandosi al 3° posto

giro 9: brutto volo per Leon Camier, sulla ghiaia con la sua Suzuki

giro 7: la CBR di Rea lancia degli avvisi al pilota, Sykes gli si avvicina

giro 6: Checa continua a forzare, ma un high-side lo tradisce mentre era 3°

giro 4: grande staccata del funambolo Johnny Rea, che si porta al comando

giro 3: dopo esser rimasto attardato allo start, Melandri vede Biaggi out e si mette a tirare, superando 4 piloti in una sola curva

giro 2: mentre era 4° in pieno recupero, Max perde l'anteriore e abbandona la gara

giro 1: scatta bene Sykes, ma ottima la partenza di Biaggi, subito 5° dopo esser partito in 10a posizione

Ordine d'arrivo Gara1

1. Sylvain Guintoli (PATA Racing Team) Ducati 1098R 44'06.299
2. Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 44'12.426
3. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 44'22.894
4. Maxime Berger (Red Devils Roma) Ducati 1098R 44'28.156
5. Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 44'31.448
6. Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia GoldBet) BMW S1000 RR 44'39.077
7. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 44'40.610
8. Davide Giugliano (Althea Racing) Ducati 1098R 44'53.568
9. Claudio Corti (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 44'56.019
10. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 44'56.491
11. Norino Brignola (Grillini Progea Superbike Team) BMW S1000 RR 44'07.829
12. Michel Fabrizio (BMW Motorrad Italia GoldBet) BMW S1000 RR 44'30.357
13. Jonathan Rea (Honda World Superbike Team) Honda CBR1000RR 45'54.249
RT. Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 17'30.576
RT. Carlos Checa (Althea Racing) Ducati 1098R 13'28.550
RT. Hiroshi Aoyama (Honda World Superbike Team) Honda CBR1000RR 24'38.833
RT. Lorenzo Zanetti (PATA Racing Team) Ducati 1098R 9'56.432
RT. Max Biaggi (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 3'53.814
RT. Chaz Davies (ParkinGO MTC Racing) Aprilia RSV4 Factory 2'00.448

Pronti per il via!


Pista bagnata a Magny Cours, ma ormai è tutto pronto. Forse già alla fine di Gara1 conosceremo il nome del Campione del Mondo 2012. Il Corsaro Max Biaggi può vantare un margine importante in classifica nei confronti di Marco Melandri e Tom Sykes, ma la SBK ci ha insegnato che in queste corse tutto può succedere ad ogni tornata. Ecco perchè seguiremo con voi, giro dopo giro, tutta la gara in diretta!

  • shares
  • Mail
59 commenti Aggiorna
Ordina: