Silverstone, Lorenzo: "Non avevo il ritmo di Rossi"

Il maiorchino della Yamaha, quarto nel GP di Gran Bretagna, analizza la gara che lo ha visto perdere 12 punti in classifica da Valentino Rossi.

yamaha-motogp-silverstone-motogp-2015-2.jpg

Uno dei grandi sconfitti del GP di Gran Bretagna di ieri è stato sicuramente Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP), arrivato a Silverstone con l'obiettivo di staccare in classifica il compagno di box Valentino Rossi, agganciato in vetta nel precedente round di Brno, e invece ricacciato dal pesarese a 12 punti di distacco grazie alla sua sontuosa vittoria sul bagnato.

La pioggia è infatti stata la variabile che più di ogni altra ha influito sul rendimento del maiorchino in gara. Nelle libere del venerdì e nelle qualifiche del sabato (chiuse con il secondo tempo), Lorenzo aveva infatti dimostrato di essere ben più in forma del compagno di box sull'ascitto, ma lo spagnolo non è poi riuscito ad interpretare in modo efficace le bizzose condizioni meteo della domenica: durante la corsa, nulla ha potuto per aggregarsi al 'treno' dei primi fuggitivi, lo stesso Rossi e il pole man Marc Marquez (Honda Repsol).

yfr_150830174323870_26.jpg

Ripensando alle prime e concitate fasi di gara - che lo avevano visto comandare la corsa nei primi giri dopo il secondo start - il fuoriclasse maiorchino ha osservato:

"Al primo start con le slick la situazione era molto pericolosa, quindi sono stato contento quando ha iniziato a piovere di più perché abbiamo potuto partire con il pneumatico pioggia. Il feeling dei primi tre o quattro giri era buono, stavo guidando bene, ma poi gli altri piloti hanno iniziato ad andare più veloci di me. Valentino e Marquez mi hanno passato, mi sono ritrovato in terza posizione e continuavo a perdere tempo in ogni giro. Avevano un ritmo migliore di me nella fase iniziale della gara, non ho potuto fare nulla per seguirli."

yamaha-motogp-silverstone-motogp-2015-6.jpg

Una volta rinunciato a inseguire Rossi e Marquez, Lorenzo ha avuto di che faticare per difenedere la terza posizione, senza successo:

"Improvvisamente, entrando in chicane, ho quasi fatto un brutto incidente con Espargarò che ha fatto una manovra incomprensibile: è stato un miracolo se sono rimasto sulla moto. Ero molto arrabbiato, ma per fortuna sono rimasto in pista e così ho cercato di mantenere la terza posizione. Tuttavia, Petrucci, Dovizioso e Pedrosa mi hanno poi superato."

yamaha-motogp-silverstone-motogp-2015-16.jpg

Verso la fine del Gran Premio, dopo la caduta di Marc Marquez, Lorenzo sembrava sul punto di tornare in lotta per il podio, ma il suo tentativo di rimonta era destinato a fallire anche per alcuni problemi con il casco:

"Più tardi sono riuscito a riprendermi, mi sono sentito meglio, e superato Dani. Negli ultimi giri sono arrivato vicino a Dovizioso, che ha commesso degli errori, ma poi ha cominciato a fare più freddo e a piovere di più. Ho perso completamente la mia visione perché la visiera era molta annebbiata, ho dovuto rallentare e ho perso la possibilità di prendere il terzo posto. E' stato un peccato, ma sotto la pioggia non ho avuto lo stesso ritmo di Valentino e Marquez".

motogp-2015-silverstone-inghilterra-9.jpg

  • shares
  • Mail