Casey Stoner: "Deluso per non aver sostituito Pedrosa"

Il fuoriclasse australiano, due volte iridato in MotoGP e ritirato a fine 2012, si concede in un'intervista a tutto campo.

Il due volte iridato della MotoGP Casey Stoner, ritiratosi a fine 2012, è passato qualche settimana fa dall'Italia per presenziare ad alcuni impegni promozionali - in gran parte generati dalla sua imminente partecipazione alla 8 ore di Suzuka - e visitare qualche vecchio amico, e nel frattempo si è concesso per una breve intervista (nel video sopra) presso il quartier generale Alpinestars, durante la quale ha parlato della sua vita post-MotoGP, della situazione dell'attuale campionato e del ritorno agonistico in pista nella prestigiosa gara di durata nipponica.

Per quanto riguarda il 'tenersi occupato' lontano dai circuiti, Stoner ha ribadito quello di cui molti appassionati sono già al corrente:

"Continuo a divertirmi con le moto, motocross e cose del genere, e tutti sanno che mi piace molto pescare. Durante una stagione della MotoGP non c'era praticamente mai tempo per questo genere di cose, e infatti negli ultimi due anni ho dedicato più tempo alla pesca di quanto non abbia mai fatto in tutti gli anni precedenti della mia vita."

casey-stoner-1.jpg

Al tempo in cui è stata fatta l'intervista, non si erano ancora svolti i rounds di Assen e del Sachsenring, e Jorge Lorenzo era quindi appena arrivato a '-1' in classifica da Valentino Rossi. Interrogato sul momento dello spagnolo, Stoner aveva risposto:

La stagione è iniziata in modo un po' strano, ha fatto qualche errore probabilmente. Aveva avuto anche quel problema con il casco alla prima gara, con Valentino [Rossi2] che ne aveva approfittato per vincere, e poi c'erano anche le Ducati che erano sempre là davanti. Ci sono state tante cose inaspettate, incluso ovviamente il problema al braccio di Dani [Pedrosa3], un infortunio che io conosco fin troppo bene."

"A parte Pedrosa, che è appena rientrato, in questa stagione tutti hanno avuto un particolare periodo di forma, e si poteva pensare che avrebbero potuto mantenerlo. Ho visto solo Jorge che è riuscito a mantenere quel tipo di forma per... diciamo per più di una gara. Gli altri magari hanno dominato una gara e in quella successiva hanno avuto qualche problema. Direi che fin qui è stata una stagione interessante."

casey-stoner-honda.jpg

L'infortunio di inizio anno di Dani Pedrosa sembrava poter presagire ad un suo clamoroso ritorno in MotoGP per sostituire temporaneamente l'amico - a partire dal secondo round di Austin - ma poi non se ne fece nulla principalmente per la caratura del personaggio in questione, forse un po' troppo ingombrante da piazzare nel box al fianco di Marc Marquez. e infatti fu scelto Hiroshi Aoyama:

"Sì, è vero, c'era una piccola possibilità. Posso capire il punto di vista di Honda, che avrebbe voluto vedermi tornare in piena forma, competitivo e cose del genere, ma realisticamente questo non era possibile, e non era quello che volevo. Letteralemente, era solo per sostituire un mio amico, Dani Pedrosa: sapevo quello che stava passando, e io sono in ottimi rapporti con lui e con la squadra, e per me farlo sarebbe stato un privilegio."

"Si trattava di andare su una pista che non avevo mai visto, non avevo grandi aspirazioni né ero interessato a fare chissà quali risultati. Sarebbe stato solo per andare lì, correre per il team e semplicemente vedere come sarebbe andata. In un certo senso è stato deludente vedere come si sono sviluppate le cose in quel frangente, ma allo stesso tempo ho compreso la situazione."

casey-stoner-box-suzuka.jpg

Per quanto riguarda invece la sua partecipazione alla 8 Ore di Suzuka - di cui si sono svolti i primi test la scorsa settimana e che andrà in scena il prossimo 26 Luglio - Stoner ha spiegato:

"In pratica Honda mi ha chiesto di farla sin dal giorno in cui mi sono ritirato, più o meno, ma a me servivano un paio di anni di riposo, da dedicare a me stesso. E infatti questo è stato uno degli anni più belli della mia vita, nel quale ho davvero potuto godermi ogni momento. Suzuka mi ha sempre interessato, è una gara alla quale hanno partecipato tanti piloti importanti, ma sfortunatamente era difficile farla essendo impegnato nel Motomondiale. Adesso che non corro più a tempo pieno e mi è stata offerta la possibilità di farla, è una soddisfazione che mi voglio togliere."

casey-stoner-musashi-honda.jpg

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: