Noriyuki Haga: "Sono molto felice per la vittoria"

Notiyuki HagaNoriyuki Haga ha regalato alla Yamaha il primo successo nella gara 2 del round europeo del Mondiale Superbike a Donington disputatosi ieri.
Ottimo weekend di gara per il Team Yamaha Motor Italia se si considera il terzo post in Gara2 per Troy Corser e secondo in gara 1 con Haga quarto.
In gara uno Corser, partito dalla seconda fila, è transitato ottavo al primo giro ma si è prodotto in una grande rimonta che lo ha portato subito al secondo posto dietro al vincitore James Toseland con un Haga cauto all'inizio ma poi scatenato che ha concluso quarto.
Gara due è stata un sogno per la Yamaha Motor Italia terminata con la vittoria per il giapponese che ci ha creduto fino alla conclusione e all'ultima curva è riuscito a superare Biaggi. Corser partito molto forte ha rimontato ed ha centrato un grande terzo posto.
Ricordiamo che Bayliss non ha preso il via in gara2 per un incidente in gara1 che gli ha provocato un grave infortunio alla mano e Toseland è uscito di scena per problema meccanico. Haga, alla 21° vittoria in carriera, festeggia le 150 manche a punti su 185 disputate. A fine giornata Haga è stato complimentato da Valentino Rossi, pilota Fiat Yamaha Team nella MotoGP, che ha seguito le gare dalla tv.
"Sono molto felice per la vittoria, e anche mio papà. - ha detto Noriyuki Haga - Mi ha portato bene fare quarto in gara 1, cioè 41: così nella seconda ho vinto. Ho dedicato la vittoria a mio papà che proprio oggi compie gli anni. In gara uno avevo le gomme fredde nella prima parte della corsa e non ho potuto spingere come dovevo. Se fosse andato tutto come previsto potevo fare il podio anche nella prima uscita."
Queste invece le parole di Troy Corser: "Sono abbastanza soddisfatto, ma ammetto che qui a Donington avrei voluto fare doppietta perchè la pista mi piace molto e c'ero già riuscito anni fa. In prova era andato tutto a meraviglia ma le gare non altrettanto. In gara 1 ho perso troppo tempo all'inizio mentre nella seconda le gomme non sono andate come mi aspettavo. All'inizio scivolavano, vedevo Nori e Max davanti e non ho potuto attaccarli: che sofferenza! Comunque il bottino di punti è stato ottimo, e anche i due podi. Sono contento che Nori abbia vinto per la squadra e la Yamaha. Ci siamo impegnati molto, ci scambiamo le informazioni. Ma adesso che ha dimostrato di potermi battere, terrò le informazioni per me! Comunque siamo in crescita e il mio obbiettivo resta il solito: vincere il Mondiale"
via | Team Yamaha Motor Italia

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: