MotoGP, Aragon: la caduta di Nicky Hayden /video

Il GP di Aragon è stato senza dubbio uno dei peggiori della stagione per il Ducati Team: prima una leggerezza di Valentino Rossi nel tentativo di superare Jonathan Rea (Repsol Honda) ha costretto il pesarese ad un 'fuoripista' dal quale era poi rientrato in ultima posizione (pregiudicandone ovviamente in modo grave la corsa), poi il 'lungo' di Nicky Hayden, che non è riuscito a riprendere il controllo della moto prima delle barriere ritrovandosi poi catapultato al di là di queste al momento dell'impatto.

Proprio l'incidente dell'americano ha destato qualche perplessità in merito alle condizioni di sicurezza dell'Aragon Motorland, un circuito 'nuovo' dal quale ci si aspetterebbero quindi delle 'vie di fuga' e delle 'protezioni' del più alto livello, ma che sono risultate entrambe insufficienti proprio in occasione dell'incidente di Hayden: in quel particolare punto della pista infatti, il popolare Kentucky Kid non ha avuto nè lo spazio sufficiente per rallentare la corsa della sua GP12, nè ha potuto contare su delle adeguate barriere o reti di protezione che ne impedissero il pericoloso 'volo' al di là delle stesse.

In riferimento all'assenza di una barriera di protezione più sicura in quella parte del tracciato, Franco Uncini e Loris Capirossi - responsabili Dorna per la sicurezza - hanno spiegato che la via di fuga in questione si estende per 100 metri su superfici diverse (prima erba, poi ghiaia ed infine una piccola striscia di strada asfaltata) e che la configurazione delle protezioni in quel punto rispettava le esistenti norme di sicurezza per queste condizioni. L'incidente si sarebbe quindi verificato in quanto Hayden ha cercato di mantenere la moto in posizione verticale frenando sulla ghiaia, ma ad una velocità troppo elevata, quando invece avrebbe dovuto 'lasciarsi cadere'. Dopo questo incidente comunque, gli organizzatori stanno pensando di asfaltatare completamente quella via di fuga per dare ai piloti spazio sufficiente e maggior possibilità di manovra nel caso che una simile eventualità si dovesse ripetere.

MotoGP 2012 - GP Aragon
MotoGP 2012 - GP Aragon
MotoGP 2012 - GP Aragon
MotoGP 2012 - GP Aragon

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: