Moto Guzzi Eldorado e Audace

Presso la sede di Mandello del Lario e alla presenza di Roberto Colaninno sono state ufficialmente presentate ieri alla stampa le nuove Moto Guzzi Eldorado e Audace.

01_Eldorado e Audace

Viste a EICMA 2014, le due nuove Moto Guzzi erano pronte per un assaggio dinamico. Purtroppo il diluvio stile nuvoletta di Fantozzi che si è scatenato sulla zona non ci ha permesso di realizzare foto adeguate. Troverete quindi il test completo settimana prossima. Intanto ecco i dettagli salienti.

Realizzate entrambe sulla piattaforma della collaudata California 1400, la Audace e la Eldorado si differenziano per look, dotazioni e carattere. Audace è una muscle bike dal carattere dark con un piglio vagamente sportivo. Si distingue per il frontale con gruppo ottico circolare e per alcuni dettagli in carbonio, come il parafango anteriore, oltre che per la totale assenza di cromature che enfatizza la sua anima dark.

02_Audace

Altri dettagli esclusivi sono il puntale sottocoppa, che ne incattivisce la vista laterale, la griglia metallica del radiatore, i coperchi valvole verniciati neri e con dettagli fresati, i fianchetti laterali e lo scarico corto a megafono. A questo proposito, grazie all’utilizzo di un sistema d’aria secondaria e di un catalizzatore specifico, Audace, insieme a Eldorado, è la prima Moto Guzzi omologata Euro 4. Dal punto di vista dell’ergonomia, Audace adotta pedane arretrate, sella dalla conformazione sportiva (con strapuntino rimovibile per il passeggero), rifinita con cuciture rosse, e manubrio drag bar.

Miguel Galluzzi, il designer che guida il PADC (Piaggio Group Advanced Design Center) di Pasadena in California, così presenta la nuova Audace: “I primi passi del nuovo corso di Moto Guzzi hanno preso le mosse dalla celebrazione dei primi 90 anni di vita di questo grandissimo marchio, nato nel 1921 e unico al mondo per i valori motociclistici che incarna. La voglia di crescere di Moto Guzzi si sintetizza perfettamente nel carattere forte e senza compromessi della nuova Audace. Credo che questa moto, oggi, racconti meglio di qualunque parola l’anima più moderna e il futuro del marchio di Mandello. Basta guardarla e guidarla per avere ogni risposta. Sedersi su questa moto imponente, avviare il possente bicilindrico e andare, è tutto quello che serve per capire cosa Moto Guzzi rappresenta oggi. La nuova Audace interpreta alla perfezione il più autentico spirito Moto Guzzi”.

05_Audace

Eldorado si ispira invece alla GT850 del 1972, erede della V7 e commercializzata negli Stati Uniti con questo nome. Oltre quarant’anni dopo la nuova Eldorado torna sulle strade, e non solo su quelle d’Oltreoceano, ma di tutto il mondo, portando in dote il fascino della progenitrice ma con l’evoluzione tecnologica moderna.

Riconoscibile per l’originale faro polielissoidale dotato d’illuminazione diurna a LED, Eldorado propone un “effetto flashback” evidente nei dettagli: le ruote a raggi, la sella oversize, il parafango posteriore con il faro a gemma e il manubrio a corna di bue. Anche il serbatoio è ricco di richiami: la doppia verniciatura è arricchita da una goccia caratterizzata da un trattamento di cromatura lucida a specchio.

09_Eldorado

La verniciatura è impreziosita da un doppio pinstripe bianco protetto da trasparente, replicato su parafanghi e fiancatine. Il logo Moto Guzzi Eldorado riprende stilisticamente quello della 850. Inoltre la sella del passeggero, rimovibile, è fissata su un portapacchi cromato con maniglione integrato, mentre il guidatore può contare su ampie pedane floorboard.

Così la presenta Miguel Galluzzi: “Giunti a 94 anni di storia gloriosa di Moto Guzzi, una nuova ventata di passione ci ha spinto a esplorare nuovi orizzonti per questo marchio così nobile, senza dimenticarne le più importanti pietre miliari. Un grande rispetto per la tradizione, unito alla ricerca della miglior tecnologia possibile e al più puro design italiano, ci guida oggi nella creazione delle migliori Moto Guzzi mai realizzate. Alla ricerca di nuovi orizzonti, intesi non soltanto nella tecnica ma anche come nuove esperienze di guida. Tutto questo si fonde nell’anima della nuova Moto Guzzi Eldorado: una moto pensata per suscitare emozioni nella guida, piacere di possederla e osservarne ogni dettaglio, come nessun’altra moto riesce a fare".

12_Eldorado

Il motore di entrambi i modelli, derivato anch’esso dalla California è il bicilindrico trasversale a V di 90° da 1380 cc raffreddato ad aria e olio da 96 CV a 6.500 giri. Pur essendo identico per entrambi i modelli, ci sono alcune lievissime differenze a livello di coppia massima: 121 Nm a 3.000 giri per la muscolosa Audace, 120 Nm a 2.750 per la più classica Eldorado.

Le differenze ovviamente non si fermano qui. Passando alla ciclistica, si notano ancora differenze non proprio minimali. Le ruote sono multirazze da 18 e 16 pollici sulla Audace, con pneumatici 130/70 e 200/60; la Eldorado adotta invece cerchi a raggi da 16” con pneumatici a fascia bianca 130/90 e 180/65. Differenti anche le sospensioni, con la Audace che adotta ammortizzatori regolabili anche in estensione e con serbatoio separato. Sulle due moto la sella è posta a 740 mm da terra.

A livello di elettronica e dotazioni si segnalano l’ABS a due canali, il cruise control, la gestione elettronica Ride-by-wire multimappa che permette di poter scegliere fra tre mappature del motore (Turismo, Veloce e Pioggia) e il controllo di trazione MGCT settabile su tre livelli.

16_Eldorado e Audace

Entrambe hanno a disposizione una vasta gamma di accessori, composta da un catalogo di un centinaio di pezzi. A questo proposito, gli accessori del marchio Moto Guzzi per i suoi modelli in pochi anni sono raddoppiati, passando da 200 unità alle attuali 350, con una previsione entro la fine dell’anno di raggiungere quota 400.

Tra i più tecnologici la piattaforma multimediale MG-MP, sistema multimediale capace di connettere la moto allo smartphone e alla rete. Eldorado e Audace saranno in vendita con prezzi simili: 18.990 la prima, disponibile nei colori Nero Classico e Rosso Pregiato, 18.690 euro la Audace, in Nero Travolgente e Rosso Impetuoso.

Durante la conferenza stampa è intervenuto Roberto Colaninno, presidente e amministratore delegato del Gruppo Piaggio, che ha dichiarato: "Per il Gruppo Piaggio il 2015 è iniziato positivamente, nonostante numerosi mercati presentino ancora delle difficoltà. Oggi è una giornata molto importante per Moto Guzzi e per tutto il Gruppo, una giornata che arriva pochi giorni dopo la chiusura di un primo trimestre che è andato bene, malgrado il momento che stiamo attraversando, e che ci fa guardare con fiducia allo sviluppo dei prossimi mesi". "Il Gruppo Piaggio, coi suoi diversi brand" ha aggiunto Colaninno "ha dimostrato di voler primeggiare dal punto di vista sia tecnico, sia stilistico, sia di un nuovo rapporto coi nostri clienti in tutto il mondo, un cliente globale, anche attraverso lo sviluppo delle più avanzate tecnologie di relazione che si poggiano sulla connettività, su internet".

Quanto allo storico stabilimento in cui Moto Guzzi opera sin dal 1921, anno della fondazione, l’AD Piaggio ha anticipato alcune rivoluzioni: "qui a Mandello vogliamo creare qualcosa di straordinario, trasformando questo sito in un luogo da sogno. Ho visto i bozzetti del progetto, vi garantisco che questo luogo rappresenterà completamente l'idea che abbiamo di Moto Guzzi, collegando i suoi oltre novant'anni di storia con il suo grande sviluppo futuro".

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: