250-125: vittorie di Lorenzo e Bautista a Sepang

Podio 250 a Sepang

Jorge Lorenzo

che corre con i colori del team Fortuna Aprilia ha vinto il GP di Sepang della classe 250.

Il pilota spagnolo arricchisce ancora il suo ruolino di marcia stagione con la seconda vittoria consecutiva e la settima della stagione.

Scattato bene dalla prima fila, Lorenzo è stato in lotta per oltre metà gara con il suo rivale di campionato, Andrea Dovizioso.
Da segnalare, nelle fasi iniziali, la bella gara di Roberto Locatelli del Team Toth, era tra i primi quando è stato vittima di una caduta che non gli ha permesso di lottare per il podio. Dopo la scivolata, Locatelli è riuscito a mantenere in moto la sua RSV250LE e a proseguire la gara terminando in quinta posizione.

Bella gara anche per il Sanmarinese Alex De Angelis che ha avuto un proplema prima della partenza con la rottura del contagiri e la cui mancanza gli è costato il decimo posto al primo giro. Alex non si è demoralizzato e ha iniziato a passare i suoi avversari sino ad arrivare a lottare per la vittoria.

Nella lotta tra Dovizioso e Lorenzo, Alex ha giocato l’involontario ruolo di giudice. In un attacco in staccata, De Angelis ha cambiato traiettoria andando a passare Dovizioso per arrivare alle spalle di Lorenzo.

Questa manovra ha separato i tre contendenti consentendo a Lorenzo di andare a guadagnare spazio prezioso amministrato sino alla bandiera a scacchi.

Con questa vittoria Lorenzo aumenta la leadership nel mondiale portando a 12 punti di vantaggio su Dovizioso.

Grazie alla vittoria di Jorge Lorenzo, Aprilia è sempre più leader della classifica costruttori con 271 punti, 42 di vantaggio su Honda a quota 229.

Ora per Dovizioso il recupero sembra ancora più difficile, Andrea sa che per provare a conquistare il titolo deve guardarsi dallo squadrone Aprilia, cosi come lui stesso ha dichiarato: “Me la potevo giocare ad armi pari con Lorenzo, perché ero veloce di passo. Poi, però, De Angelis mi ha rallentato, ho perso qualche metro e, a quel punto, era impossibile andare dietro a Lorenzo. Sapevo che questo poteva accadere, che qualsiasi pilota Aprilia avrebbe provato a fare questo.

De Angelis non ha fatto nulla di scorretto, ha fatto quello che doveva fare, ma di fatto lì si è decisa la corsa. Ho perso soli cinque punti, ma avrei dovuto guadagnarne: al mondiale ci credo ancora, ma per vincere le gare bisogna riuscire ad andare via all’inizio, altrimenti non ce la posso fare.

Oggi ho provato in tutti i modi a rimanere al comando, perché volevo evitare proprio quello che poi è successo, ovvero che si inserisse qualcuno tra me e Lorenzo. Ho provato anche a imporre il mio ritmo, ma quando avevo un piccolo vantaggio, ho fatto un piccolo errore e Lorenzo ha potuto riavvicinarsi”.



Bautista a Sepang


Per la classe 125, Alvaro Bautista del Master Aspar Team ha vinto il Gp della Malesia, andando a conquistare la sua sesta vittoria stagionale. Bautista è stato il vero dominatore di una gara che ha riservato molte soprese a partire dall’incidente nel giro di ricognizione tra Simone Grotzky Giorgi e Mattia Pasini (Aspar Team), che ha levato di scena il pilota del team Campetella.

Con la questa vittoria, Alvaro Bautista è sempre più leader del campionato del mondo piloti, rimandando il suo appuntamento per la conquista del titolo in Australia. Con 255 punti, il vantaggio di Bautista è di 74 punti sul primo degli inseguitori, Kallio, mentre Pasini è ormai lontano con 153 punti.

Anche la conquista del titolo costruttori è rimandato per Aprilia alla prossima gara. Con 278 punti iridati, Aprilia ha un vantaggio di 92 punti su Ktm.

via | Racing Aprilia e Team Humangest

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO