Pagelle SBK Tailandia: Rea “cannibale” come Marquez? Bayliss, addio! Aprilia in difesa, sfortuna Ducati

Pagelle del 2° round del Mondiale Superbike che si è disputato ieri in Thailandia. Vola Rea con la Kawasaki, Bayliss ha detto addio per sempre alla SBK, tiene l'Aprilia, male Ducati

podio sbk thailandia

LE GARE: grigiume. Voto 7- Corse come il cielo di Buriram, grigie, soprattutto davanti, per la travolgente superiorità del binomio Rea-Kawasaki, con sprazzi di luce per le battaglie da podio e dintorni. Corse da (antica) Sbk cercasi.

BAYLISS: l’addio addio. Voto 10 e lode. Il 46enne pluri campione del mondo della Ducati dice definitivamente addio alle corse dopo il discusso e applauditissimo rientro nei primi due GP iridati 2015. La classe non è acqua ma il gioco è bello quando dura poco. Grazie, Troy. Anche per queste emozioni fuori programma.

REA: in fuga. Voto 10+ L’irlandese della Kawasaki (voto 10+) non perdona, centrando una mirabile doppietta, oltre la Superpole, e volando in classifica generale. Due gare capolavoro, in solitario, gestite con determinazione e gran maestria. Mazzate per tutti e al compagno di squadra Sykes non resta che nascondersi. Rea, oggi il … Marquez della Sbk: chi lo ferma ?

HASLAM: in difesa. Voto 9- Due secondi posti non sono certo da buttar via (oltre la vittoria australiana di gara due e l’altra seconda piazza in gara uno) ma non portano il sorriso all’Aprilia (voto 10), moto in grado di lottare per la vittoria. Il pilota è un solido passista ma non ha la zampata del “grimpeur”, troppo legato e… preoccupato di fare disastri. Tocca all’Aprilia “scioglierlo”, dandogli piena fiducia e la spinta del vincente.

SYKES: nelle nebbie. Voto 6- L’ex campione del mondo non perde il sorriso (solo un terzo posto in quattro round) ma non trova la quadra, smarrito e … tramortito dai colpi implacabili del suo compagno di squadra Rea. Ben per Tom che Lowes si è eliminato da solo. Ma ci ha pensato Torres … Sykes, presto la riscossa o già stella cadente?

TORRES: l’acerbo. Voto 8 Il rookie dell’Aprilia ha stoffa da vendere e al sole della primavera (forse nel caldo estivo …) maturerà dimostrando il proprio valore. Dare tempo al tempo e i frutti non mancheranno. Intanto si mette dietro uno come Sykes, e non è poco.

DAVIES: il deluso. Voto 7+ Il fin troppo generoso gallese della Ducati (7-) esce dalla Tailandia a secco di punti per le due cadute dovute ai rischi presi per sopperire alla minor potenza del suo bicilindrico. Urgono nuovi cavalli. C’è ancora pascolo a Borgo Panigale?

LOWES: il combattente. Voto 8+ Il pilota della Suzuki (voto 8-) non demorde, spremendo tutto quel che si può da se stesso e dalla moto in crescita ma non certo a livello di Kawasaki e Aprilia. Senza quegli errori (di troppo), due podi certi. Sarà per la prossima?

GUINTOLI: in recupero. Voto 8 Il campione del mondo in carica della Honda (voto 7-) fa il muso lungo, costretto anche a partire dalla corsia box in gara due. Ma è quasi un bene: gran rimonta, fino a raggiungere il suo giovane promettente compagno di marca VDM, retrocesso alla fine per scorrettezza. Capita.

BAIOCCO: in crescita. Voto 8 + Il marchigiano portacolori del Team Althea (voto 9) tiene alto l’onore della Ducati e del Belpaese con due piazzamenti di rilievo e 30 punti in saccoccia, ottavo posto assoluto. Ad Aragon, puntando al “miracolo” della top five.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: