SBK Thailandia: le Aprilia lavorano sul passo gara

Quarto e nono posto per le Aprilia RSV 4 di Leon Haslam e Jordi Torres, nella classifica combinata delle prime due sessioni di prove sul circuito di Buriram, in Thailandia, dove la Superbike farà tappa questo week-end per il secondo round del mondiale.

Superbike 2015 - Thailandia - Aprilia FP 1-2

Esordio positivo, per le RSV4 del Team Aprilia Racing, sul circuito thailandese di Buriram, dove la Superbike correrà domenica (questi gli orari TV) per la prima volta. Medie sul giro elevate (superiori a 170 km/h) e caldo insistente non permettono ai piloti di abbassare la guardia.

Diverso il lavoro in pista dei due alfieri della casa di Noale, con il capoclassifica Leon Haslam (primo a pari merito con Johnny Rea dopo la gara di Phillip Island), che ha affrontato la prima sessione con una sola copertura al posteriore, quella dura. Il britannico ha proseguito anche nel pomeriggio utilizzando lo stesso metodo, cercando il setup ottimale in previsione della gara, senza pensare troppo alla prestazione sul giro singolo. Per lui il quarto posto nella classifica combinata delle due FP (qui la diretta live delle prove). Ecco le sue dichiarazioni:

“E' stata una buona partenza, essendo un circuito nuovo abbiamo cominciato dalle basi. Stamattina la pista non offriva molto grip, ho utilizzato una sola gomma per tutta la sessione e sono stato comunque piuttosto veloce. Lo stesso nel pomeriggio, stiamo lavorando come a Phillip Island, quindi concentrandoci sulla prestazione in gara e sul setup della RSV4. Credo ci sia ancora margine, possiamo migliorare in alcune aree come l’uscita di curva che permette poi di sfruttare al meglio i lunghi rettilinei. Anche la pista offrirà più grip quindi i tempi si abbasseranno ulteriormente”.

Arrivato al Chang International Circuit con la nomea di rookie terribile, dopo le ottime performance esibite in Australia, anche sulla pista thailandese Jordi Torres non si è risparmiato, proseguendo il suo lavoro di adattamento alla Aprilia RSV4, sia come setting che come stile di guida. Per lui nono tempo nella classifica combinata ed un acuto nella prima sessione, dove ha staccato il terzo crono assoluto. Queste le sue impressioni:

“Il circuito è molto bello, e l’ho trovato abbastanza facile da imparare. Ci sono un paio di staccate violente, una delle cose che devo migliorare con queste moto a livello di stile di guida. Era successo anche in Australia, ed è un punto importante su cui devo lavorare perché frenare tardi significa chiudere meglio la curva e uscire più veloce. Proprio per questo ci siamo concentrati sull’anteriore, perché mi offra più feeling e mi permetta di “sentire” la moto. Dobbiamo rimanere concentrati perché la competizione è alta, non ti puoi permettere di perdere il treno dei migliori”.

  • shares
  • Mail