Fenati: "Ho tenuto il mio ritmo fino alla fine. Ora vado avanti con umiltà".

Moto3 2012 Jerez Fenati

La pista Jerez de la Frontera ha incoronato oggi Romano "Fenny" Fenati, il nuovo talento del motociclismo italiano. Si è trattato di uno strepitoso successo del pilota del Team Italia FMI, ora proiettato in testa alla classifica del Motomondiale Moto3, con 10 punti di vantaggio sul diretto inseguitore Maverick Vinales. Gara dichiarata asciutta e partenza con le stick per tutti i piloti in griglia: al semaforo verde è buono lo spunto di Fenny che, dopo poche curve si mette a ridosso dei primi annullando subito il gap della posizione in griglia (partiva infatti con il decimo tempo).

Le scivolate di Rossi prima, e di Rins poi, hanno spalancano le porte del primo successo al sedicenne pilota marchigiano che con autorità ha domato la sua portentosa FTR Honda in condizioni di pista tutt'altro che semplici. Lucido e maturo nonostante la poca esperienza sull'acqua, Romano ha collezionato giri veloci a ripetizione (1'52"7 best lap della gara) macinando gli avversari. Bandiera a scacchi e primo successo in carriera davanti a Salom (+36"1) e Cortese (+36"8). Una vittoria, nella categoria più piccola del Motomondiale, che l'Italia aspettava dal 2009 (quando Iannone vinse con le 125 nel GP di Catalunya). L'ultima vittoria del Team Italia in 125gp, invece, è datata 1987: allora fu Gresini nel Gp di Misano, a salire sul gradino più alto del podio.

"Sono molto soddisfatto per la vittoria" ha dichiarato felice Romano Fenati. "Sono partito bene conquistando le prime posizioni e poi ho fatto il mio ritmo fino alla fine. Ringrazio tutta la squadra, che mi ha aiutato tanto in questo weekend in cui mi sono confrontato con la pista bagnata, e la mia famiglia. E' stata una bella gara che ci porta davanti in campionato. Vado all'Estoril con grande umiltà e curiosità di conoscere questa pista meravigliosa".

Moto3 2012 Jerez Fenati
Moto3 2012 Jerez Fenati
Moto3 2012 Jerez Fenati
Moto3 2012 Jerez Fenati

"Il Team Italia della Fmi vince in Spagna e sale sul tetto del mondo" così ha commentato Paolo Sesti, Presidente Federazione Motociclistica Italiana. "Non succedeva da tanti anni. Siamo contenti per questo risultato perché abbiamo dimostrato che il nostro progetto è serio e strutturato. Il mio ringraziamento va a tutti coloro i quali hanno lavorato nell'ombra per in questi mesi e a Romano che ci ha commosso con la sua gara. La strada è molto lunga e noi vogliamo restare umili. La storia e l'orgoglio del Team Italia ci sta guidando".

  • shares
  • Mail
27 commenti Aggiorna
Ordina: