WSBK: Sykes primo nel lunedì di test a Imola, fiato sospeso per Lascorz

Superbike 2012 - Imola

La prima giornata dei test Superbike di Imola é stata segnata dal terribile incidente occorso in mattinata allo spagnolo Joan Lascorz. Lo sfortunato pilota del team Kawasaki Racing ha perso il controllo della sua ZX-10R a circa 200 km/h, sulla salita che porta dalla curva della Tosa alla Piratella. Trasportato al centro medico del circuito, al ventisettenne é stata rilevata una probabile frattura alla colonna vertebrale, con conseguente trasporto d'urgenza in elicottero presso l'Ospedale Maggiore di Bologna.

Lascorz é ricoverato presso l'unità spinale, ed è entrato in sala operatoria alle 16. I medici si sono riservati la prognosi, ma sembra che le lesioni spinali siano talmente gravi da poter comportare la paralisi degli arti inferiori. Siamo comunque in attesa di un comunicato da parte dell' Ospedale Maggiore.

Per quanto riguarda i tempi, Sykes é stato in testa alla classifica per quasi tutta la giornata, facendo registrare anche il nuovo record assoluto della pista con il tempo di 1'46”609, ottenuto anche grazie a nuove coperture evoluzione Pirelli. Il paddock nel pomeriggio era ovviamente sconvolto dalle notizie sulla salute di Lascorz, tanto che diversi piloti hanno poi rinunciato a scendere in pista. Buone indicazioni per Honda, con il secondo tempo di Rea, e per Suzuki, con Camier che agguanta il terzo tempo. La classifica dei tempi é disponibile dopo il 'continua'.

Test Imola, 2 April 2012
Superbike - Results Monday

1. T. SYKES (GBR) Kawasaki Racing Team - ZX-10R - 1'46.609 (media 166,680 km/h)
2. J. REA (GBR) Honda World Superbike Team - CBR1000RR - 1'47.121 (+0.512)
3. L. CAMIER (GBR) Crescent Fixi Suzuki - GSX-R1000 - 1'47.238 (+0.629)
4. L. HASLAM (GBR) BMW Motorrad Motorsport - S1000 RR - 1'47.257 (+0.648)
5. M. BIAGGI (ITA) Aprilia Racing Team - RSV4 Factory - 1'47.351 (+0.742)
6. C. CHECA (ESP) Althea Racing Ducati - 1098R - 1'47.430 (+0.821) *
7. M. MELANDRI (ITA) BMW Motorrad Motorsport - S1000 RR - 1'47.779 (+1.170) *
8. E. LAVERTY (IRL) Aprilia Racing Team - RSV4 Factory - 1'47.848 (+1.239)
9. N. CANEPA (ITA) Red Devils Roma - 1098R - 1'47.989 (+1.380)
10. D. GIUGLIANO (ITA) Althea Racing Ducati - 1098R - 1'48.011 (+1.402) *
11. D. SALOM (ESP) Team Pedercini Kawasaki - ZX-10R - 1'48.066 (+1.457)
12. A. BADOVINI (ITA) BMW Italia GoldBet - S1000 RR -1'48.149 (+1.540)
13. J. LASCORZ (ESP) Kawasaki Racing Team - ZX-10R - 1'48.197 (+1.588) *
14. M. FABRIZIO (ITA) BMW Italia GoldBet - S1000 RR - 1'48.273 (+1.664)
15. H. AOYAMA (JPN) Honda World Superbike Team - CBR1000RR - 1'48.484 (+1.875)
16. M. AITCHISON (AUS) Grillini Progea Superbike - S1000 RR - 1'48.915 (+2.306)
17. L. MERCADO (ARG) Team Pedercini Kawasaki - ZX-10R - 1'49.805 (+3.196)
18. C. DAVIES (GBR) ParkinGO MTC Racing Aprilia - RSV4 Factory - 1'50.124 (+3.515) *
19. J. HOPKINS (USA) Crescent Fixi Suzuki - GSX-R1000 - 1'50.378 (+3.769) *

* tempi ottenuti nella sessione mattutina

Tom Sykes: “E' stato ovviamente una giornata molto difficile per quanto è successo a Joan, era partito molto forte stamane. In ogni caso sono molto soddisfatto, questo test ha fatto crescere un po' di rammarico perché se la gara fosse partita con temperature più calde avrei potuto girare molto più forte. Oggi ho girato solo con gomme da gara e sono riuscito a battere il record assoluto della pista, migliorando il mio tempo in Superpole e di ben nove decimi il riferimento personale della corsa. Siamo riusciti a trovare un'ottima messa a punto, ci stiamo muovendo nella giusta direzione.

Carlos Checa: I test che abbiamo fatto stamattina sono andati bene ma poi, visto la caduta di Lascorz, e la sua gravita, mi sono sentito male e non ho avuto l’entusiasmo necessario per continuare. Durante la mattina abbiamo provato qualche cosa che riguarda all’assetto e qualche nuova gomma. Avevamo ancora da provare altre gomme nel pomeriggio ma non mi sentivo mentalmente a posto e dopo quello che e’ successo il test ha perso senso per me. Noi piloti sappiamo che il rischio c’è sempre, ma quando capita ad uno che conosci, e’ molto difficile. Mi dispiace tanto...”

Davide Giugliano: “Abbiamo girato poco, perche’ dopo l’incidente abbiamo deciso di non continuare le prove del pomeriggio. Nella mattinata abbiamo lavorato per risolvere qualche piccolo problema che avevamo avuto durante il weekend di gara. Poi abbiamo provato anche una nuova copertura Pirelli ed e’ andato tutto bene. Mi dispiace molto per Lascorz e i miei pensieri sono con lui e suoi parenti ed amici.

Niccolo Canepa : “E’ stata una giornata molto positiva, durante la quale abbiamo lavorato perrisolvere i problemi che si erano evidenziati ieri in gara due e penso che ci siamo riusciti. La mia moto era già abbastanza competitiva ma oggi abbiamo fatto un ulteriore passo avanti. Mi sono
migliorato di circa mezzo secondo pur non utilizzando gomme morbide, ma solo gomme da gara. Questo inverno non abbiamo potuto girare molto e quindi ben vengano test come questi che mi consentono di stare molto tempo in moto. Mi spiace molto per quanto è successo a Lascorz. Ho proseguito i test anche nel pomeriggio perché ho ritenuto di non mancare di rispetto a Joan continuando a fare il mio lavoro e anche perché le caratteristiche del suo incidente non sono dipese dalla pista, dove d’altronde abbiamo corso nei tre giorni precedenti. Spero che Lascorz si riprenda al più presto e gli faccio i miei più sinceri in bocca al lupo
”.

Michel Fabrizio: "Abbiamo fatto diverse prove a livello di set-up, che ci hanno permesso di trovare una nuova configurazione di partenza. Ora il feeling in sella è aumentato, questo è il primo passo in vista di Assen. Sono vicino a Lascorz, spero che possa tornare presto a lottare assieme a noi in pista!"

Ayrton Badovini: "Il lavoro svolto nei test è servito, abbiamo intrapreso una nuova direzione ed i segnali sembrano positivi. Non posso negare che nel pomeriggio non è stato semplice concentrarsi al meglio, una parte dei miei pensieri era rivolta allo sfortunato Joan Lascorz".

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina: