WSBK: Ciabatti spiega le nuove regole della Superbike


Nella giornata di prove appena trascorsa sulla pista di Phillip Island, il General Manager della Superbike Paolo Ciabatti ha esposto alla stampa le nuove regole del mondiale, approfondendo i passaggi che sono considerati rilevanti nel nuovo regolamento e differenti rispetto allo scorso anno. Si va dalla nuova gestione della gara in caso di pioggia fino ai sorpassi e alla moto unica.

Si parte subito dalle nuove regole in caso di pioggia. Se la Superpole dovesse essere interrotta per la pioggia, indipendentemente dalla fase eliminatoria in cui ci si trova, ci sarà uno stop di 10 minuti e 20 minuti di prove per i piloti ancora in gioco senza ulteriori eliminatorie. Se in gara la pioggia cade entro tre giri dall'inizio si ricomincia da zero, diversamente se capita entro 2/3 della gara si farà una ripartenza con il numero di giri mancanti e la griglia secondo l'ultimo passaggio sul traguardo.

Eliminata la "regola dei 5 minuti" che costringeva il pilota a tornare ai box entro 5 minuti dopo una caduta o un panne in caso di bandiera rossa, pena la non ripartenza. Ora il rider e la moto potranno tornare con più calma in pit lane. In caso di taglio di una variante non ci saranno sanzioni ma soltanto la richiesta di lasciar passare il pilota che segue, così come il sorpasso in caso di bandiere gialle, che non verrà penalizzato da un ride through ma si dovrà riprendere la posizione precedente al sorpasso.

Infine la moto unica porterà una sola moto nel box di ogni singolo pilota, ma questo avrà a disposizione due telai (uno dei quali non punzonato) che potrà utilizzare in caso di caduta e di perdita del mezzo. Su questo telaio verrà montata l'intera moto e il vecchio telaio non sarà più utilizzabile. Nel caso necessiti, il terzo telaio potrà essere punzonato e utilizzato anch'esso.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: