Twitterando: i Top 5 tweets della settimana dal mondo delle moto

Quali sono stati Tweets più strani, inusuali e divertenti sul mondo delle moto postati su Twitter nell'ultima settimana? Se ve li siete persi, ve lo diciamo noi...

01 marquez pedrosa selfie

L'avvento dei social networks ha cambiato irrevocabilmente il mondo dell'informazione, rivoluzionando il mondo in cui le notizie nascono e si diffondono per tutto il mondo: internet garantisce una diffusione rapida e capillare di qualunque genere di contenuto, e sono diversi i personaggi pubblici di qualsiasi ambito ad avvalersene come una specie di organo 'ufficiale' di comunicazione. Anche il mondo del motociclismo non fa naturalmente eccezione, e tra i vari social networks, Twitter è sicuramente uno dei maggiormente apprezzati.

Nella marea di Tweets che ogni settimana vengono rilasciati da piloti, teams, fan clubs, circuiti, sponsors etc, non sempre si ha il tempo di notare quelli particolarmente brillanti, che per un motivo o per l'altro "si distinguono dalla massa", ed è per questo che la nostra rubrica 'Twitterando' si propone di puntare i riflettori su quelli che, secondo noi, hanno quel 'qualcosa in più' che li rende davvero particolari...

Selfie con 'duckface' per Marquez e Pedrosa


Gli impegni promozionali per i protagonisti della MotoGP non mancano di certo ai protagonisti della MotoGP in questa trasferta in Oriente. Come se non bastasse il già fitto programma sportivo, con tre gare consecutive in altrettanti weekend (Motegi, Phillip Island e, questo weekend, Sepang), i piloti della Premier Class devono anche partecipare ai vari eventi promozionali promossi in concomitanza con i vari eventi. Il Campione del Mondo Marc Marquez e Dani Pedrosa, piloti ufficiali del team Honda Repsol, ne sanno qualcosa, come mostra questo selfie che sono stati obbligati a scattare dopo un'apparizione televisiva appena arrivati in Malesia. E con tanto di duckface...

Nicky Hayden testa la moto della Polizia malese


E anche Nicky Hayden non ha potuto sottrarsi agli impegni promozionali pre-Sepang, nel paese d'origine del main sponsor del suo team drive M7 Aspar. All'ex-iridato statunitense è toccato invece un insolito test-ride con una delle moto della polizia locale. Vista la nostra ignoranza in materia di legislazione della Malesia, ci limitiamo a supporre che il casco non sia strettamente obbligatorio...

Gomma sfortunata per Franco Morbidelli a Phillip Island


In contrasto con una stagione di debutto nel Mondiale Moto2 che lo ha visto raccogliere risultati decisamente positivi, Franco Morbidelli non è stato autore di una prestazione brillante nel recente GP d'Australia. Il Campione Europeo STK600 del 2013, quest'anno nella middle class del Motomondiale con il team Italtrans Racing, ha infatti chiuso la corsa di Phillip Island con un tutt'altro che entusiasmante 13° posto, ma a quanto pare - come mostra la foto sopra - anche la sfortuna ci ha messo lo zampino...

Di padre in figlio


Tra le wild-cards locali in pista in Moto3 a Phillip Island c'era anche un figlio d'arte d'eccezione, Remy Gardner, figlio di quel Wayne Gardner che conquistò l'iride della classe 500 con honda nel 1987. Il vecchio Campione ovviamente non ha esitato a condividere con l'erede la sua conoscenza dello spettacolare tracciato di Phillip Island - il cui rettilineo principale porta oggi il suo nome - con la dichiarata speranza che questa wild-card possa aprire al figlio le porte di un futuro stabile nel Motomondiale. Nel GP d'Australia della Moto3, il giovane Gardner ha chiuso 26° a quasi un minuto dal vincitore, ma ha soli 16 anni avrà sicuramente tutto il tempo necessario per crescere...

Valentino Rossi: 35 anni e non sentirli


Per quanto riguarda il mondo del motociclismo sportivo, il personaggio del weekend è stato sicuramente Valentino Rossi, che nonostante le 35 primavere alle spalle è andato a cogliere l'ennesima vittoria della carriera a Phillip Island, tracciato sul quale aveva vinto l'ultima volta nell'ormai lontano 2005. Per il fuoriclasse pesarese si è trattato della seconda vittoria stagionale, successo personale numero 82 in Premier Class e numero 108 in carriera contando tutte e le classi. Numeri da capogiro, che il 'Dottore' ha intenzione di rimpinguare anche nelle prossime due stagioni contro piloti che sono cresciuti con i suoi poster sul muro. Semplicemente eterno...



Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO