MotoGP, Marc Marquez: "Preferisco le moto alle ragazze, non si lamentano mai..."

Il Campione del Mondo della MotoGP si racconta in una nuova intervista e rivela: "Potrei correre un GP sia in MotoGP che in Moto2, perchè no?"

MotoGp of Italy - Race

Marc Marquez è sicuramente l'uomo del momento per quanto riguarda il motociclismo sportivo ed in particolare la MotoGP: imbattibile in pista e sempre sorridente lontano da essa, il giovanissimo fuoriclasse spagnolo vanta già un'esercito di ammiratori ed ammiratrici sparsi per tutto il globo, e non c'è quindi da stupirsi che tutti i media siano costantemente sulle sue tracce.

L'imbattibile campione del team Honda Repsol - che ha chiuso la prima metà di stagione con uno strepitoso filotto di 9 vittorie in altrettante gare - si è recentemente concessi ai microfoni del periodico inglese Motorcycle News andando a rivelare qualcosa di più riguardo la sua 'vita privata'. Il 21enne spagnolo ha quindi rilasciato alcune affermazioni quanto meno 'curiose', a cominciare dalla descrizione di alcuni 'limiti' che dimostrano come anche lui, in fondo, sia 'umano':


"Soffro il mare, al punto di non poter mettere piede su una barca: non appena comincia a muoversi, mi vengono le vertigini. E non sono nemmeno capace di padroneggiare la PlayStation, e quindi mi arrabbio perché mio fratello mi batte sempre. C'è un gioco sul motocross in cui anche Pedrosa riesce a rifilarmi un secondo e mezzo."
Guarda le foto del GP di Germania 2014 del Sachsenring

Sempre in riferimento al lato più 'personale' del personaggio Marc Marquez, punzecchiato da MCN sul fronte moto/fanciulle, Marquez ha scherzosamente replicato:

"Io preferisco le moto: mi piacciono tutte e non ne ho mai sentita una lamentarsi..."

In riferimento invece al suo strabiliante avvio di stagione, Marquez ha ammesso di esserne rimasto tanto stupito quanto la stragrande maggioranza di 'osservatori' ed 'appassionati':

"Il mio obiettivo era di vincere ad Austin e a Le Mans, due circuiti che mi piacciono molto, ma davvero non pensavo che avrei vinto nove gare di seguito. Il modo migliore per attaccare gli avversari è con i risultati, non in conferenza stampa. La mentalità sulla moto è molto importante: se senti di essere tu il più forte, allora tutto è più facile."

"Miglioro ogni volta che scendo in pista. L'anno scorso pensavo di aver raggiunto il mio limite, ma adesso sono ancora più forte. E mi aiuta anche il fatto che la Honda si sta gradualmente adattando al mio stile di guida."

Guarda le foto del GP di Germania 2014 del Sachsenring

E non sono naturalmente mancati i complimenti dei grandi campioni, i cui primati sembrano al momento essere l'unico obiettivo del fortissimo alfiere di HRC:


"Valentino, Doohan, Agostini, Nieto, Spencer e molti altri campioni si sono congratulati con me e l'ho apprezzato moltissimo, ma questo significa anche avere maggior pressione su di me. Ad ogni modo, se mi hanno detto quello che mi hanno detto vorrà pur dire qualcosa, e questo aspetto invece mi dà maggior fiducia".

Negli ultimi tempi, sulla stampa spagnola girano voci secondo le quali Marquez potrebbe presto provare a correre uno stesso Gran Premio in due classi differenti, Moto2 e MotoGP (con alcune testate che sarebbero addirittura arrivate ad ipotizzare una tale eventualità per il prossimo GP di Valencia, che a Novembre chiuderà il campionato). Interrogato direttamente sulla questione da MCN, Marquez ha liquidato rapidamente il discorso con una breve frase sibillina, senza negare nè smentire:

"Nulla è impossibile, perché no?"
Guarda le foto del GP di Germania 2014 del Sachsenring

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 212 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO