MotoGP: Josh Hayes sostituirà Colin Edwards nel GP di Valencia


Non si è parlato molto dell'infortunio di Colin Edwards, passato in secondo piano per la ben più grave sciagura di Marco Simoncelli, ma nella caduta che ormai tutti abbiamo stampata nella nella memoria, lui ha riportato la lussazione della spalla e la presenza diverse piccole fratture nella parte superiore dell'omero sinistro, l'osso che collega la spalla al gomito. Domani il texano entrerà in sala operatoria, e dovrà essere sostituito per il prossimo GP di Valencia. La scelta della squadra (e dello sponsor) è quindi ricaduta su Josh Hayes.

Il pilota del team Monster Energy AMA, ha la faccia da pusher ma il manico di un grande campione, come conferma la vittoria nel campionato americano Superbike quest'anno. Grazie alle sue performance si era meritato una giornata sulla M1 nel classico lunedì di test post-campionato di Valencia, ma è logico che la situazione anticipa il suo arrivo dandogli la possibilità di correre per tutto il weekend.

Colin Edwards nel mentre è ancora toccato dalla brutta esperienza vissuta in pista e dalla morte del Sic: "Ho seguito il funerale in tv e avrei voluto essere lì di persona, ma purtroppo le mie condizioni fisiche non me l'hanno permesso. So che Valentino ha parlato con la famiglia di Marco a mio nome e lo ringrazio per questo. È stata una cerimonia toccante alla quale hanno preso parte tutti i suoi affetti più cari. Mi piacerebbe poter partecipare al GP di Valencia della prossima settimana per dare il mio sostegno alla MotoGP, ma ciò non sarà possibile a causa dell’intervento cui sarò sottoposto. La parte superiore dell’omero sinistro ha subito piccole fratture, ma fortunatamente non ci sono danni a livello nervoso, quindi dovrei essere in grado di recuperare al 100% in circa quattro settimane”.

  • shares
  • Mail