Davide Brivio: "Le vittorie di Valentino arriveranno, anche Honda ci ha messo tanto tempo prima di tornare a vincere"


Davide Brivio ha rilasciato una interessante intervista al magazine spagnolo AS, una chiaccherata che ha ripreso vari aspetti del suo nuovo lavoro in Ducati e della sua nuova squadra con Valentino. Finalmente scopriamo dalle sue stesse parole qual'è il suo ruolo all'interno del team, ora che le responsabilità di quello che succede in pista sono passate all'entourage di tecnici e team manager Ducati.

E 'strano vederti senza i colori della Yamaha. "Dopo 20 anni è davvero strano. Onestamente, mi manca il lavoro di team manager che ho fatto per venti anni, prima in SBK e poi in MotoGP". Qual è il suo lavoro con Valentino? "Siamo un gruppo di tre persone che lavorano con lui, Alberto Baldi, Claudio Scianchioni e me. Ci occupiamo di tutto ciò che ruota a 360 gradi intorno a Valentino: l'aspetto fiscale, legale, commerciale... Io, in particolare, mi occupo di contratti, sponsor, licenze. Niente di tecnico, parliamo un po 'di tutto."

Come è la vita sul pianeta Valentino, lontano dal podio? "E 'una situazione difficile per coloro che lavorano con lui. Ho trascorso sette anni a lavorare come team manager con Valentino e prima, finire secondo era una grande delusione. Ora, se facciamo un podio, mettiamo su una festa! Noi sappiamo che è una nuova sfida con la Ducati. La sfida è più difficile, perché è una moto non convenzionale.

Tutte le società sportive più importanti richiedono grande programmazione e tanto tempo. Per esempio, la Honda ha trascorso diversi anni a pianificare. Ha iniziato due anni fa, poi arrivò Nakamoto. In F1 la Red Bull ha avuto un anno difficile prima di arrivare alla vittoria. Accade sempre nello sport, nel calcio il primo anno di Mourinho all'Inter non è stato vincente."

Ci aspettavamo che Valentino con Burgess e la sua squadra creasse una Ducati più dolce. Quello che ha fatto Stoner è impossibile per il suo stile di guida o è perchè ha gia 32 anni? "E 'una moto particolare. Casey è stato veloce ma il suo stile non era efficace. Ha vinto un campionato e poi ne ha perso tre, 2008, 2009 e 2010, questa è la verità della sua storia in Ducati.

Stoner, l'anno scorso, dopo quattro anni in Ducati, ha fatto il suo primo podio ad Assen, ha vinto la prima gara nel mese di settembre e terminata la Coppa del Mondo ha chiuso ad Aragon alle spalle di Valentino, che ha avuto quella brutta caduta. Voglio dire, Stoner era veloce, ma il suo modo di condurre non ha funzionato. Tutto il lavoro che sta facendo Valentino è sicuramente perché vuole ricostruire la moto e trasformarla in un mezzo veloce e maneggevole. Lo scopo è quello di migliorare, andare veloce e non cadere."

"Quale sarà la vita di Davide Brivio, quando Valentino Rossi dirà addio? Non lo so. E 'difficile da dire. Quando Valentino porrà fine a questo comincerà altre cose, potrebbe essere bello seguire il fratello, fare una squadra con lui è sempre stato il mio sogno." E con Luca? "Non lo so. Luca è bravo, ha iniziato quest'anno a correre con la Mini GP, con 80, e fece il suo debutto due pole e due vittorie"

  • shares
  • Mail
91 commenti Aggiorna
Ordina: