MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012: 195 CV per 18.800 euro

MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012

MV Agusta ha svelato oggi la nuiova F4 R Corsa Corta 2012 nasce per offrire al cliente una moto performante con prestazioni estreme. La Supersportiva della Casa varesina prende il nome dal nuovo motore “Corsa Corta” capace di performance straordinarie e già utilizzato sulla F4 RR, la supersportiva top di gamma di casa MV Agusta. La parte termodinamica 4 cilindri in linea a valvole radiali è stata completamente riprogettata, a partire dal nuovo albero motore a bassa inerzia e a corsa corta che rende possibile un rapporto alesaggio corsa estremamente superquadro.

In questo modo la MV Agusta F4 R è in grado di raggiungere regimi di rotazione degni di una autentica moto da competizione. La cilindrata di 998 cc è ora raggiunta con un alesaggio di 79 mm e con una corsa di soli 50,9 mm ottenendo così un regime di ben 13.700 giri al limitatore, abbassando però la velocità lineare del pistone (da 24,9 m/s a 23 m/s) e migliorando di conseguenza anche l’affidabilità. Per raggiungere la potenza di omologazione di 195,2 cv (contro i 201 cv della superpotente versione RR) a 13.000 giri ogni particolare è stato curato in modo maniacale. La testata sfrutta condotti completamente nuovi e valvole maggiorate sia allo scarico sia all’aspirazione.

Per la prima volta su un motore di grande serie, tutte le valvole sono realizzate in titanio e questo ha consentito di abbassare il peso delle stesse nonostante il consistente aumento di diametro (da 28,6 a 31,8 mm per l’aspirazione e da 24,6 a 26 per lo scarico). La respirazione del motore è stata ottimizzata grazie anche all’utilizzo del sistema primario dello scarico completamente nuovo con una conformazione 4-2-1-4 e collettori di diametro aumentato. Oltre ad assicurare un rendimento ottimizzato del motore, questo nuovo scarico è protagonista con un sound assolutamente unico e ancora più coinvolgente. L’alimentazione è affidata a 4 corpi farfallati da 49 mm con doppio iniettore per cilindro e sistema TSS (Torque Shift System) di aspirazione a lunghezza variabile.

MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012
MV Agusta F4 R Corsa Corta 2012

Il nuovo motore della MV Agusta F4 R è stato progettato secondo il criterio dei bassi attriti: nuovo rapporto degli ingranaggi della trasmissione primaria ha consentito di ridurre drasticamente il regime di rotazione del generatore e della pompa dell’acqua, limitando al massimo l’assorbimento di potenza. Ma non ci sono solo novità in questo straordinario motore, le conferme arrivano dal cambio estraibile caratteristica che ha sempre contraddistinto i 4 cilindri MV Agusta e dalla frizione antisaltellamento che assicura il giusto controllo anche nelle staccate più violente. Tutta l’elettronica di gestione è ulteriormente evoluta, il controllo di trazione segue nuove logiche di funzionamento così come le due mappature per il motore.

Tutto ora è regolabile comodamente per mezzo del nuovo comando alloggiato sul semimanubrio sinistro. La nuova MV Agusta F4 R resta, naturalmente, fedele alla tradizione della struttura mista a traliccio di tubi con piastre laterali in alluminio. L’inclinazione del cannotto è stata fissata in 23°5’ misura perfetta per offrire controllo, maneggevolezza e stabilità. Confermato anche l’eccezionale monobraccio posteriore, un vero gioiello d’ingegneria che pesa soli 5 kg, un record per un elemento di questo tipo.

La MV Agusta F4 R conferma l’ottimo comparto sospensioni che già contraddistingue l’edizione precedente e che ha dimostrato sul campo tutta la sua efficacia. La forcella Marzocchi upside down, con steli da 50 mm di diametro è derivata dalle unità da competizione, è regolabile nel precarico molla in continuo e nell’idraulica in estensione e compressione, il piedino forgiato ultraleggero è anch’esso realizzato espressamente per la F4 R e utilizza un sistema a sgancio rapido della ruota, richiamando quello della prima F4 della storia, la mitica Serie Oro che utilizzava la stessa soluzione tecnica.

Il monoammortizzatore Sachs è equipaggiato con serbatoio d’azoto (separato e integrato nel corpo) ed è regolabile in estensione, compressione e precarico molla. Il puntone del leveraggio consente di alzare o abbassare il retrotreno della moto in funzione dell’assetto desiderato, delle preferenze del pilota e delle altre regolazioni effettuate. L’impianto anteriore Brembo, con pinze radiali monoblocco, è senza ombra di dubbio il miglior impianto per moto attualmente sul mercato, accoppiato a una pompa con serbatoio integrato realizzata espressamente su specifiche MV.

Il doppio disco flottante d’acciaio da 320 mm di diametro utilizza una flangia ultra alleggerita e uno spessore ridotto a 5 mm per ridurre al massimo le inerzie e le masse non sospese. L’impianto frenante posteriore è realizzato esclusivamente per MV, con disco d’acciaio inox da 220 mm di diametro e pinza a quattro pistoncini. La nuova F4 R, già disponibile presso la rete vendita ufficiale, è proposta in 2 colorazioni: rosso/grigio e bianco/grigio medio al prezzo di 18.800 euro iva inclusa.

  • shares
  • Mail
59 commenti Aggiorna
Ordina: