Motomondiale: Luca Fabrizio già pronto per la riconferma in 125?

Luca Fabrizio WTR

Concluso il week end di Motegi, è tempo di tirare le somme anche per i protagonisti della 125, in questo caso per Tiziano Altabella, capotecnico del team WTR Ten – 10 Racing, da ormai un quarto di secolo nel mondo delle due ruote. "Consideriamo buono il debutto di Luca Fabrizio al motomondiale nella categoria 125." - ribadisce Altabella riferendosi al fratello del campione della Superbike. "Anche il Team WTR è soddisfatto della prestazione, considerato che Luca non aveva mai svolto alcun test in sella a una 125 gp."

Felicissimo Luca, speranzoso di poter replicare presto tale esperienza: “Un ambiente piacevole il paddock della 125, sembra un paddock di casa, un CIV!!! I big si vedono, ma poco.. le piacevoli conoscenze, Pedone, Perrello e gli altri, il mio compagno di squadra Sturla Fagerhaug simpaticissimo, mi sono trovato molto bene con lui… e l’unico riferimento Italiano (dopo il mio capotecnico), il mio amico Gigio Morciano, con il quale mi sono confrontato molto e insieme a lui il giovedì pomeriggio ho fatto 2 giri di pista a piedi… abbiamo osservato, studiato… tutto con molta attenzione!"

E ancora: "Insieme a Gigio, alcuni Giapponesi ci hanno fermato e ci hanno chiesto di fare le foto con loro e poi l’autografo, penso come segno di riconoscimento per essere andati nella loro terra. Nel box invece ho trovato calma e serenità: tutte le persone del Team WTR mi hanno aiutato e mi hanno dato consigli. Ho ascoltato tanto Tiziano che mi ha insegnato molto e mi ha aiutato a capire come si guida una 125 gp , anche attraverso la telemetria; che bello studiarla e poi andare in pista e correggere gli errori!"


"Sono contento della mia gara. Ho fatto esperienza e giro dopo giro capivo sempre di più la moto. Ho stretto veramente i denti negli ultimi 10 giri per il gran dolore alle mani, durante le prove ho avuto uno stiramento del tendine e una infiammazione alla mano sinistra. Sono riuscito a concludere la gara e al penultimo giro, a gomme finite, ho girato a 4 decimi dal mio best lap. Rimpiango tanto la partenza…. questa volta l’ho sbagliata! Poco prima di partire ho dovuto cedere la mia casella a Vinales e io ho preso il posto di Ohnishi assente. Facendo lo spostamento la mia moto si è imbrattata e così ho perso il gruppo che mi avrebbe aiutato a togliere ancora un po’!... questo è stato il mio grande errore di tutto il weekend, dovuto all’inesperienza”.

Le dichiarazioni di Tiziano Altabella rilasciate al telefono in quel di Fiumicino: “Avevo un po’ paura, sono sincero, quando ho saputo che Luca avrebbe corso la gara di Motegi. Ho pensato: come gestirò un ragazzo con esperienze totalmente diverse dal motomondiale? E invece eccomi qui a parlare di Luca con soddisfazione. Un ragazzo che ha molta voglia di fare, che mi ha motivato,.… e non lo dico così tanto per dire… ha lavorato bene, con serietà, sempre pronto ad ascoltare e a cercare i miei consigli. A fine turno, tolto il casco, di corsa a studiare la telemetria per poi tornare in sella e mettere subito in atto ciò che gli avevo detto, al suo ritorno il risultato lo leggevo sul pc."

"Un ragazzo preparato, non solo fisicamente; le prime volte, a caldo appena sceso dalla moto, lo guardavo negli occhi per vedere se era incerto o impaurito o stanco, no tutt’altro… di corsa a lavorare, tant’è vero che ho pensato: questo ragazzo c’è!... gli avevo preparato una moto “semplice” invece ho avuto molta soddisfazione nel portarlo avanti a piccoli passi. Deve imparare molte cose, più andrà avanti e più dovrà modificare lo stile di guida, però posso dire che se seguito bene ha tutte le carte per far bene e anche presto.” Tiziano conclude dicendo “era molto tempo che non mi capitava di lavorare con un ragazzo così!”

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: