MotoGP a Brno: le dichiarazioni dei protagonisti

Honda Repsol Brno gara

Come tre settimane fa a Laguna Seca, Casey Stoner è riuscito a convertire in successo un weekend difficile, conquistando la vittoria dopo aver dominato la corsa dal terzo giro, quando Dani Pedrosa ha perso l'anteriore ed è caduto mentre era in testa. Con l’assenza di Pedrosa, principale candidato alla vittoria dopo aver dominato le prove ed il warm up, Stoner non ha avuto rivali tagliando il traguardo con un margine di oltre sei secondi e conquistanto la sua sesta vittoria stagionale.

Casey Stoner - 1° -Sapevamo di poterci giocare il podio, ma non ci aspettavamo la vittoria. All’inizio ho fatto una bella battaglia con Andrea che mi ha fatto perdere un po’ di tempo e temere che Jorge e Dani se ne potessero andare. Al secondo giro l’ho passato e mi sono reso conto di essere sufficientemente veloce per riprenderli. Ho superato prima Lorenzo, poi sfortunatamente Dani è caduto, così ho iniziato a spingere per vedere se riuscivo a crearmi un margine per gestire la gara al meglio.

Ci sono riuscito abbastanza presto e ho amministrato la corsa. Mi dispiace per Dani, oggi sarebbe stata dura batterlo! Dopo un weekend complicato è fantastico vincere in questo modo. Desidero ringraziare il team che mi supporta senza mai mollare. Non c’è tempo per riposarsi, domani torneremo in pista per una giornata di test in sella alla mille, così speriamo che sia bel tempo”.

Andrea Dovizioso - 2° -Sono contento di essere tornato sul podio, un bel risultato arrivato dopo un fine settimana difficile. Non solo, questo secondo posto è molto importante per il Campionato ed oggi abbiamo consolidato la terza posizione. Questa mattina nel warm up abbiamo fatto delle piccole modifiche che mi hanno permesso di migliorare il feeling con la moto. Ho fatto una bellissima partenza dalla settima posizione. Nei primi giri ho cercato di non essere troppo aggressivo per risparmiare le gomme. Avevo un buon passo così, quando mi sono trovato in seconda posizione, ho cercato di spingere per non far scappare Casey, ma ho commesso un errore alla curva 13 e quasi andavo fuori pista. Da quel momento Casey è stato imprendibile. Sono soddisfatto di come ho gestito la gara con Lorenzo prima e Simoncelli poi per la seconda posizione. Negli ultimi 5 giri avevo un po’ di margine e ho girato sotto 1’58 per staccare Marco perché non volevo trovarmi ad un corpo a corpo nelle ultime curve. Oggi abbiamo dimostrato ancora una volta che in gara ci siamo. Volevo veramente questo podio per voltar pagina dopo Laguna e non vedo l’ora di correre a Indianapolis fra due settimane”.

Marco Simoncelli - 3° -Sono contentissimo! Dall’inizio dell’anno sono sempre andato fortissimo ma è sempre stata dura perché ho attraversato molti momenti difficili però io ed il mio Team ci abbiamo sempre creduto e non abbiamo mai mollato la presa. Alla fine è arrivato questo risultato e voglio ringraziare il mio Team, la Honda e tutti quelli che mi hanno sostenuto. Oggi negli ultimi giri speravo solo che finisse la gara e che non succedesse niente ed è andata bene. Sono felicisssimo! Mi sono anche divertito all’inizio quando per una partenza non felice ho dovuto passare Valentino, per tre curve abbiamo lottato e sulla mia tutta ci sono anche i segni della sua ruota. E’ stato bello una battaglia vera anche se è durata poco. Alla fine ho cercato di attaccare Dovizioso ma lui spingeva forte ed a quel punto ho preferito puntare al risultato e guardarmi le spalle perché Lorenzo stava recuperando“.

Jorge Lorenzo - 4° - "Il pneumatico anteriore che abbiamo scelto non era l'opzione migliore oggi. L'abbiamo provata in qualifica e ieri mattina e mi ha dato un buon feeling e un ritmo molto costante. Oggi invece, con le diverse condizioni di temperatura non funzionava. Dalsecondo giro in poi sono andato parecchio vicino a sbattere per terra. Il campionato ora è ancora più difficile per noi, ma questo non significa che sia finito. Ci sono ancora molti punti da giocare per così tanto dobbiamo concentrarci per vincere più gare possibili. Non vedo l'ora di provare domani sia la moto 1000 dell'anno prossimo sia dei miglioramenti al motore dell'attuale 800".

Ben Spies - 5° - "E' stata una gara difficile, avrei smesso dopo il nono giro! Ho tirato più forte che potevo e non ho fatto grossi errori. Ho solo pensato a tener dietro Valentino e portare punti preziosi per il campionato. Ora però il mio braccio destro è completamente esausto per lo stress e la fatica della gara. Ancora una volta devo ringraziare il team, la moto era sicuramente da podio. Un grazie di cuore anche ai ragazzi della Clinica Mobile che mi hanno seguito ogni giorno: fisicamente è stata la gara più difficile che abbia mai fatto!".

Valentino Rossi - 6° -Siamo contenti, abbiamo fatto un passo in avanti. Con alcune piccole modifiche siamo riusciti ad ottenere un buon risultato, migliorando sia sul bagnato sia sull’asciutto così come in qualifica e in gara. Adesso in frenata e in entrata posso guidare meglio la moto e posso utilizzare meglio la gomma davanti. Eravamo partiti con l’obiettivo di lottare con il gruppetto davanti, purtroppo abbiamo fatto un errore con la procedura di partenza per scaldare le gomme e i primi due giri sono stati difficili perché non avevo abbastanza grip. Inoltre non ho fatto una gran partenza che sarebbe stata importante per stare lì, con gli altri.

E’ un sesto posto ma comunque un sesto posto molto più importante di altri risultati. Il distacco è diminuito molto. Tra l’altro ho “mollato” negli ultimi due giri perché non c’era più niente da fare altrimenti sarebbe stato sotto i dieci secondi da Stoner e molto meno dal podio. Adesso dobbiamo concentrarci e fare un altro passo in avanti. Vorrei infine fare i complimenti al “Sic” per il podio che si è meritato non solo per la gara di oggi ma anche per quello che ha dimostrato durante questa stagione”.

Dani Pedrosa -E’ stato un vero peccato, ho perso il davanti e sono caduto. Non stavo neanche spingendo troppo, ero in testa e forse ho piegato un po’ troppo la moto, forse le gomme non erano ancora andate a temperatura, non lo so ancora. Il problema è che abbiamo buttato via una gara importante a cui siamo arrivati molto preparati. Ringrazio il team perché la moto funzionava davvero bene e mi dispiace per questo errore. Avevamo lavorato bene ed eravamo pronti. Dispiace perché eravamo veloci e il passo gara oggi è stato più lento che in prova. Domani spero di poter girare almeno un paio d’ore sull’asciutto. Non vedo l’ora di provare la mille perché non ero presente ai test di Jerez. Spero di fare delle buone prove”.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: