Honda CB650F ABS: la prova su strada

Honda CB650F ABS, la nuova naked di casa Honda fa dell'equilibrio il suo punto di forza. Ad una facilità di guida da principiante unisce look, prestazioni, consumi, finiture e usabilità da grande. Costa 7.300 Euro ma ha l'ABS di serie

Honda CB650F

Ragione o sentimento, testa o cuore, eterno dilemma che tocca anche il pianeta moto ed al quale ogni casa prova a dare la propria risposta. In un momento in cui tutto sembra puntare sulla presa del marketing e dei mega lanci virali di motociclette più o meno emozionanti, Honda punta sul concreto, mischiando stile e contenuti con esperienza, per coccolare i propri clienti e conquistarne di nuovi. Ecco dunque la ricetta CB650F; equilibrio tra look, prestazioni ed usabilità.

Tutta nuova, dentro e fuori, la "seiemmezzo" riprende il family feeling della CB1000, con finiture e cura dei dettagli da grande, anche se è una entry level. Basta guardarla dal vivo per capire che è tutto tranne che una “motina middle class”, anche se è proprio li che punta. Pensata per un pubblico giovane con o senza esperienza, la CB650F è una moto facile, smussata nell'erogazione del motore e con una ciclistica sincera e per nulla impegnativa, ha l'ABS di serie e consuma poco.

E' una moto dinamica e divertente ma non estrema. E bella da guardare e da guidare, ma non pensate che possa accontentare gli smanettoni perché rimarreste delusi. Non è la nuova Hornet e neanche vuole esserlo. Il suo forte è fare tutto e farlo bene. Facile, stabile, divertente. L'abbiamo provata in Spagna sulla strade intorno ad Alicante. Ecco la nostra prova su strada.

Estetica e design


Honda CB650F

Gialla, nera o tricolor. In Italia avremo solo queste colorazioni. I più cool quindi dovranno rinunciare alla bianca, i più sobri al classico grigio. Esteticamente la nuova CB colpisce per essere una moto muscolosa ma snella, una moto compatta con muso e coda rastremati e il quattrocilindri in mezzo a prendersi la scena.

Frontale aggressivo e dinamico, con le mezze carene che che hanno, tra l'altro, il compito di nascondere alla vista tubazioni e “brutture” tipiche delle moto entry level: sulla CB non ce n'è traccia! Il look è quindi pulito e curato anche nei dettagli. Il serbatoio ha un profilo “gibbuto” per dirla alla Honda, è in alluminio e porta 17 litri di benzina.

Anche il layout del quattro cilindri è particolarmente curato, tanto che il filtro olio è stato spostato nel sotto coppa, le tubazioni dell'acqua e tutti i cavi a vista sono spariti, lasciando al 650 il ruolo di protagonista indiscusso. Un richiamo alla mitica genealogia CB deriva dai collettori di scarico 4-2-1 che con l'andamento compatto e curvato a destra richiamano la CB400 four del 1975. Ma è solo un vezzo, un omaggio alla tradizione, rimarcato anche con la strumentazione, ispirata sempre alla quattro cilindri di metà anni '70.

Sulla nuova CB650F i due quadranti separati sono LCD con contagiri e contachilometri digitale. Completa la dotazione, con due parziali, consumo istantaneo e medio. Un ulteriore tocco hi-tech deriva da luci di posizione e stop posteriore a Led. La sella è comoda, ben rifinita e consente di condividere senza troppe sofferenze il viaggio con il passeggero che dalla sua può contare su due maniglioni sotto sella.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: