WSBK: Melandri e Laverty in prima fila, Yamaha con i fiocchi al Miller Motorsport


Inquadriamo la situazione del team Yamaha Racing: sul circuito di Miller Motorsport Park non era facile fare pronostici. E' il primo anno in Superbike per entrambi i piloti e Marco Melandri non aveva mai messo piede su questo tracciato. Le condizioni avverse della montagna dello Utah hanno aumentato la difficoltà nell'imparare la pista, ma se il risultato della superpole è una grandiosa prima fila, nessuno può lamentarsi.

Gasati dalle ultime vicende in quel di Monza, i piloti hanno preso ormai confidenza con la R1, che si è dimostrata ancora una volta all'altezza di Ducati e Aprilia sul percorso americano. Qualche problema di setting per l'irlandese nella prima sessione sembra risolto (anche se sarebbe da verificare su pista asciutta) e ancora una volta il podio è a portata di mano. Marco, invece, continua con il suo debutto magico in questo campionato:

"Non mi sarei mai aspettato la prima fila, sono molto felice e ringrazio il team per il duro lavoro che stanno svolgendo nel weekend. Nelle prime qualifiche non sono andato bene come speravo e pensavo di avere difficoltà anche sotto la pioggia. Abbiamo cambiato il setup e sono migliorate molte cose. Sono molto contento per la superpole ma la gara sarà un'altra storia, spero che la fortuna sia dalla mia!"

Eugene Laverty: "Sono abbastanza contento della giornata. La sessione mattutina sul bagnato non è andata bene, non avevo il giusto feeling con la moto, ma abbiamo lavorato molto e nel pomeriggio abbiamo preso la giusta direzione. Sono fiducioso e spero di battagliare per il podio. Sono nella prima fila ed è importante partire bene che sia asciutto o bagnato, per essere primo alla prima curva. Spero di poter battagliare con Checa, ma un podio sarebbe già un ottimo risultato"

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: