Haslam fiducioso e concentrato per il round del Miller

haslam_bmw

Il Campionato del Mondo Superbike ritorna a far tappa al di fuori dell'Europa per la 5a prova dei 13 round previsti in questo 2011, sul Miller Motorsports Park di Tooele, nello Utah, vicino a Salt Lake City. In virtù delle celebrazioni del fine settimana del Memorial Day (per la commemorazione dei militari americani caduti), le due gare si terranno di lunedì, anzichè la classica domenica. Lungo i 4,907 km del circuito, i piloti si affronteranno per 24 giri, con un rettilineo di oltre un chilometro e gli effetti dell'altitudine della pista di 1.347 metri sul livello del mare.

Con entrambi i piloti ufficiali molto determinati e fiduciosi, tutto il team BMW è concentrato sull'obiettivo di centrare la prima vittoria in Superbike con la S1000RR, sicuri che ormai sia solo una questione di tempo prima che tutto il lavoro di sviluppo finalmente ripaghi i loro sforzi, vedendo un pilota ufficiale BMW sul gradino più alto del podio. In questo momento, il team al gran completo sta infatti viaggiando verso gli Stati Uniti forte di una mentalità positiva, e degli ultimi incoraggianti test disputati a Misano.

Per Leon Haslam, la gara dello scorso anno rappresenta un mix agro-dolce, visto il combattuto secondo posto di gara 1 e la caduta della seconda manche, arrivata a causa di un'eccessiva foga di ottenere un risultato importante. Quella scivolata rappresentò l'inizio della parabola discendente del pilota inglese nella scorsa stagione, visto l'arresto nello sviluppo della sua Suzuki e l'inaspettata doppietta del rivale Max Biaggi, che proprio in quel round, scavalcò l'inglese (in precedenza sempre in testa alla classifica) per non schiodarsi più dalla vetta.

"La gara di Salt Lake City è sempre speciale - ha detto Leon - E' davvero fantastico correre negli Stati Uniti, specialmente nel 'Memorial Weekend', l'atmosfera è davvero magnifica. Il tracciato in sé è molto particolare e la conformazione offre un buon mix di tutto. E' un circuito in cui c'è da lottare ed è difficile da interpretare al meglio. Mi piace molto correre su questa pista e non vedo l'ora di farlo in sella alla S1000RR."

Ma quest'anno, per "Pocket Rocket", il round di Miller può prendere una piega differente, in primo luogo perché lo sviluppo del mezzo a disposizione (la BMW S1000RR), è stato portato avanti in modo continuo grazie al recente test di Misano. Inoltre, il podio ottenuto nella prima gara a Monza inoltre, può rappresentare un'ulteriore spinta motivazionale per Leon, vista la velocità del tracciato americano. Fortunatamente il dito del piede, fratturato nello scorso round a causa di un incidente che ha coinvolto diversi piloti ad inizio di gara 2, non sembra dare eccessive preoccupazioni al figlio d'arte.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: