MotoGP: i piloti dicono no al GP di Motegi, si va verso la cancellazione definitiva?


Il circuito di Twin Ring Motegi si trova in Giappone, a circa 107km dalla centrale nucleare di Fukushima, quella che ancora oggi mette paura alla nazione e al mondo dopo la fuoriuscita di radiazioni in seguito all'ultimo grande terremoto. Dopo essere stato spostato, il Gran Premio del Giappone di MotoGP si avvia verso la definitiva cancellazione. E' arrivato il no dalla maggior parte dei piloti, che non vogliono correre in una zona ad alto rischio di radiazioni.

Il parere dei piloti arriva dopo quello di Carmelo Ezpeleta, che ha dichiarato la situazione stabile e con poco pericolo per la carovana del Motomondiale: "al 90% si correrà". A capo dell'opposizione c'è Jorge Lorenzo, che commenta "sono giovane e non voglio rischiare conseguenze, non voglio correre a Motegi", una dichiarazione a cui fa eco quella di Valentino Rossi: "non ho sentito ancora nessuno che ci voglia andare, nemmeno io ci andrei, sono tutti spaventati dalle radiazioni".

Alcune squadre si stanno mobilitando e consultando specialisti del settore che possano dare risposte più esaustive sulla situazione attuale nei dintorni della centrale colpita. Se verrà definitivamente annullato l'appuntamento, la Dorna dovrà organizzare un appuntamento sostitutivo per non incorrere in penali milionarie, come previsto dai numerosi contratti con sponsor e televisioni.

via | Motocuatro

  • shares
  • +1
  • Mail
70 commenti Aggiorna
Ordina: