CIV a Monza: le gare

Civ Monza

Week end intenso di gare sul circuito brianzolo di Monza dove è andato in scena il secondo round del campionato italiano velocità. Proprio a Monza si correrà la prossima settimana la prima tappa italiana del mondiale Superbike al quale parteciperanno come wild-card numerosi dei piloti visti oggi in gara.

125 GP
Romano Fenati, giovanissimo pilota di Ascoli Piceno, ha vinto la sua prima gara tricolore alla seconda apparizione nel CIV. Alfiere del Team Italia – Gabrielli, ha avuto la meglio all’ultima curva sui due avversari della domenica, il ceco Miroslav Popov e l’imolese Kevin Calia, che insieme a lui hanno caratterizzato e reso avvincente la seconda tappa della stagione 125 Gp.
I tre hanno formato il gruppetto di testa da metà gara e non si sono risparmiati con i sorpassi e con le staccate al limite. Tutto, come spesso succede a Monza, si è deciso all’ultima curva Parabolica, dove Fenati è stato il più veloce, riuscendo a presentarsi davanti al traguardo.

600 Superstock
Nella prima gara del Dellorto Round CIV, riservata alla Superstock 600, a correre da protagonisti sono stati quattro piloti: il 27enne russo Vladimir Leonov (Yamaha – Yachnich Motosport) ha caratterizzato con la sua guida aggressiva e redditizia le prime otto tornate, dando spettacolo insieme al campano Dino Lombardi (Yamaha – Martini Corse) e al corregionale Nicola Morrentino (Yamaha – Elle2 Ciatti) con sorpassi e staccate al limite soprattutto con il primo, voglioso di riscatto dopo la sfortunata prova di Misano. due giri dal termine, però, Leonov è stato sfortunato protagonista di una caduta all’ingresso della Variante Ascari che ha spianato la strada ai due rivali. Sembrava che dovesse essere un duello per la vittoria della gara e invece proprio all’ultimo giro utile e grazie ad una serie impressionante di giri veloci, ad unirsi al gruppetto di testa è stato il 19enne toscano Federico Monti, che con la sua Yamaha R6 si è rivelato l’assoluto mattatore della fase finale. Monti proprio all'ultimo giro passa entrambi transitando per primo sul traguardo davanti a Morrentino e Lombardi.

Civ Monza
Civ Monza
Civ Monza
Civ Monza

1000 Superstock
Quella corsa oggi a Monza è stata una delle più belle gare delle ultime edizioni del CIV. Otto piloti, quattro BMW, tre Kawasaki e una Ducati si sono giocati la vittoria della seconda tappa della Superstock 1000. Il gruppo formato da Zanetti, Barrier, Perotti, Magnoni, Petrucci, Staring, Bussolotti e Mercado hanno dato spettacolo nel corso dei dieci giri e hanno infiammato il numeroso pubblico presente sugli spalti. A fare sua la seconda vittoria della stagione, dopo un’ultima staccata da manuale, è stato il bresciano Lorenzo Zanetti. Wild-card qui a Monza per prepararsi al meglio in vista della tappa iridata in programma la prossima settimana, il portacolori BMW Motorrad Italia ha avuto la meglio per soli tre centesimi di secondo sul marchigiano Michele Magnoni (BMW – Team Mascheroni by Baru). A dimostrare il grande equilibrio della gara, il fatto che dal primo al settimo classificato, sotto la bandiera a scacchi, c’era un solo secondo di gap. Terzo, a due decimi dal vincitore, si è piazzata un’altra wild-card, il compagno di squadra di Zanetti, Sylvain Barrier. Il transalpino ha completato il terzetto BMW sul podio e preceduto il pilota Team Italia – Barni (Ducati), Danilo Petrucci, che aveva vinto a Misano in occasione della prima tappa e che grazie a questi punti riesce a tenere la scia in classifica di Zanetti, nuovo leader del campionato.


600 Supersport

Dopo la bella vittoria di Misano, al romano Ilario Dionisi serviva una conferma per far capire a tutti gli avversari di essere lui l’avversario numero uno per il titolo. La conferma c’è stata ed è arrivata al termine di una gara emozionante, l’ennesima vissuta a Monza dagli spettatori giunti in pista per festeggiare con le due ruote la festa del 1° maggio.
Ad offrire uno spettacolo degno della Supersport, oltre a Dionisi, sono stati anche il romagnolo Roberto Tamburini e il ternano Mirko Giansanti, che però hanno dovuto cedere il passo al laziale per poco più di due decimi di secondo. Un soffio, se si considera che i tre sono rimasti incollati per quasi tutto l’arco della gara e che solo grazie ad un’ultima curva perfetta il leader della classifica è riuscito ad avere la meglio sui suoi acerrimi avversari. Grazie a questi 25 punti, l’alfiere Honda della Scuderia Improve è a punteggio pieno in campionato mentre con il secondo posto di oggi, il campione in carica Roberto Tamburini (Yamaha – Bike Service) fa un bel balzo in quinta posizione. Anche a causa della sua assenza al primo round, per “Tambu” sarà dura recuperare trenta punti a Dionisi ma la gara di oggi ha dimostrato che i numero uno c’è ed è pronto a giocarsela fino in fondo. Stesso discorso vale per Giansanti, che dopo il terzo posto centrato a Misano replica qui a Monza e grazie alla costanza di risultati si ritrova secondo in classifica, pronto ad approfittare di una gara opaca del leader per recuperare terreno in vista delle sfide finali.
Al quarto posto ha chiuso un positivo Cristiano Erbacci (Yamaha), che si è messo alle spalle l’umbro Alessio Velini (Honda – Velmotor by xone), il suo compagno di squadra Alessio Palumbo e poi, dal settimo al decimo posto, Marconi, Cruciani (ancora in difficoltà dopo l’opaca gara di Misano), Gramigni e Bugatti.
Ilario Dionisi: “Ci tenevo a confermarmi di nuovo al vertice e questa vittoria ha dimostrato che siamo in piena corsa per il titolo. Guido bene, la moto va fortissimo e ho un gran feeling con la squadra. Non ci resta che continuare così…”

Civ Monza
Civ Monza
Civ Monza
Civ Monza

SUPERBIKE
Baiocco ha riscattato in pieno la gara di Misano, chiusa al sesto posto. Sin dal giovedì aveva dichiarato di puntare al risultato di prestigio e alla fine, cosìsfruttandoanche una brutta partenza del suo compagno e rivale per il campionato Alex Polita (autore anche della pole) Matteo Baiocco ha centrato l’obiettivo finale. Partito forte in sella alla Ducati del Team Barni, il marchigiano è riuscito a prendere subito due secondi di vantaggio sui suoi immediati inseguitori e grazie ad una gara concreta e costante l’ha gestito al meglio fino all’ultimo metro. Una vittoria importante, per “Baiox” che grazie ai 25 punti centrati oggi balza in vetta alla classifica di campionato e diventa il pretendente numero uno per il titolo della classe regina delle derivate di serie.
Al secondo posto, grazie ad una grande rimonta, si è piazzato il bresciano Luca Conforti: il portacolori del Team Althea Racing ci teneva a vincere sul circuito di casa e negli ultimi metri era arrivato ad un soffio dal leader Baiocco ma alla fine ha deciso di accontentarsi di 20 punti preziosi per la classifica. Terzo, invece, un costante Alessandro Polita. Il campione in carica della Superbike, marchigiano e compagno di squadra di Baiocco nel Team Barni, è stato autore di una partenza difficile ma poi è riuscito a centrare il secondo terzo posto consecutivo, facendo segnare anche il nuovo record della pista con 1’45”183. Dietro di loro si sono piazzati rispettivamente Federico Mandatori (Aprilia – Gabrielli Racing Team) e Federico Sandi (Ducati – Althea Racing). Il primo, nipote di Max Biaggi, è stato per tre quarti di gara in lotta per il podio ma poi ha dovuto lasciare spazio ai piloti più esperti di lui. Bravo a rimanere concentrato fino alla fine, ha portato a casa un ottimo quarto posto superando nel finale il genovese Sandi, secondo pilota Althea nei primi cinque posti e ancora al vertice dopo il secondo posto centrato a Misano.
Lorenzo Mauri (Aprilia), Flavio Gentile (Ducati), Alessio Aldrovandi (BMW), Fabrizio Lai (Honda) e il rientrante Gianluca Nannelli (BMW) completano i primi dieci posti.
Matteo Baiocco: “Sono partito forte e alla fine mi è andata bene, perché sono riuscito a gestire il vantaggio e a difendermi dal ritorno di Conforti. E’ stata una bella domenica, importante per la classifica dopo il week-end difficile di Misano”.
Luca Conforti: “Vincere sulla pista di casa sarebbe stato il massimo ma sono comunque contento della mia prestazione. Dopo una partenza così così mi sono liberato degli avversari e sono tornato sotto Baiocco ma non ce l’ho fatta di un soffio a centrare il primo posto”.
Alessandro Polita: “Dire che la mia partenza non è stata entusiasmante è dire poco… Ho lottato, rischiato di cadere e spinto al massimo perché volevo fortemente il secondo podio. Non è arrivata la vittoria ma oggi va bene così. Speriamo di rifarci alla terza gara”.
Proprio Polita sembra il meno soddisfatto tra i piloti sul podio, in quanto dopo la brutta partenza si è esibito in una rimonta portentosa con sorpassi bellissimi che lo hanno portato a segnare anche il giro più veloce in gara. Ma quattro giri per rimontare dal fondo dello schieramento fino alla terza posizione sono risultati troppi riuscire a riagganciare i primi due fuggitivi e pur velocissimi Baiocco e Conforti.

Civ Monza
Civ Monza
Civ Monza

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: