WSBK: Le delusioni di Assen

Superbike 2011 - Assen

Fra le mille emozioni del terzo GP della stagione Superbike, ovviamente, ci sono i piloti che ad uno scarso punteggio conseguito associano un brutto voto in pagella. Senza rimescolare i voti che già abbiamo dato, ci limitiamo ad analizzare le performance deludenti di alcuni protagonisti, in un round che ha brillato per la grande impresa dei piloti di testa e ci ha fatto dimenticare gran parte dei piloti presenti in pista.

Perchè se proprio dobbiamo trovare del marcio ad Assen, dobbiamo andare a guardare i distacchi. In Gara1 abbiamo visto una bella bagarre nei due gruppetti formatisi in testa, distaccati fra loro di poco per la maggior parte della gara, mentre in Gara2, fra il primo e il quinto classificato (Haslam), sono trascorsi ben 15 secondi. In entrambi i casi le volate tipiche di questo round sono venute a mancare, e nonostante il grande spettacolo dato dalla coppia di testa negli ultimi giri, il resto del gruppone non ci ha emozionato particolarmente. Assen è diventato una laurea breve.

Team Liberty, quelli della Ducati color birra. Abbiamo assistito ad una sorta di sfortunato suicidio di coppia in Gara1. Vedere un team intero autoeliminarsi alla stessa curva durante lo stesso giro, fa sempre un certo effetto. La sfortuna ovviamente ci ha messo lo zampino, mentre Kuba, che sembrava così veloce in prova, ha deluso le aspettative rovinando anche la gara del compagno, in piena rimonta e recupero di forma dopo l'infortunio.

Superbike 2011 - Assen
Superbike 2011 - Assen
Superbike 2011 - Assen
Superbike 2011 - Assen
Superbike 2011 - Assen
Superbike 2011 - Assen
Superbike 2011 - Assen
Superbike 2011 - Assen

"Purtroppo nella foga di recuperare una posizione ho commesso un errore alla chicane vanificando il lavoro effettuato, e purtroppo ho involontariamente causato la caduta anche del mio compagno di squadra che mi seguiva da vicino nel recupero. Durante la caduta ho subito un danno al gomito, che in ogni caso non mi ha condizionato in gara 2. Ho fatto purtroppo una brutta partenza e durante il primo giro mi sono toccato con Camier, uscendo così dalla migliore linea e perdendo preziose posizioni." Rimandato alla prossima!

Qualcuno ha chiamato chi l'ha visto per denunciare la scomparsa di Tom Sykes? é partito bene in Gara1, nella top5 fino al primo terzo di gara, poi è sparito, risucchiato dal gruppo e riportato in coda alla classifica. Il risultato è stato un 14° e ultimo posto al traguardo con 50 secondi di ritardo dal primo. Il problema è stato ovviamente di gomme, con la morbida che si è sfaldata sotto l'esagerata potenza della ZX-10R. In Gara2, con le dure, leggermente meglio: 11° a 26 secondi, ma è un weekend da dimenticare sia per lui che per il compagno Lascorz, purtroppo nell'anonimato più totale in entrambe le manches.

All'appello manca solo la gara Supersport, che ci ha regalato ben 2 bandiere rosse, quindi tre partenze dalla griglia. Per carità, il lavoro dei commissari è stato corretto visti i due brutti incidenti capitati a pochi istanti dall'inizio di ogni singola partenza, ma l'allungamento dei tempi e l'ansia di vedere tre partenze distinte con somma dei tempi, fanno cadere l'entusiasmo a terra, sia per chi guarda che per chi corre.

Questo avvenimento, però, ha salvato la faccia a La7, che ha deciso di inaugurare la prima gara Superport trasmessa nel 2011 con una differita di mezzora per lasciare spazio al telegiornale. Per fortuna l'allungamento dei tempi ha fatto passare i 30 minuti di differenza e ha fatto diventare l'evento trasmesso una vera e propria diretta. Salvati in corner, ma non fatelo più per favore.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: