Jerez terno al lotto bagnato . Jorge Lorenzo sugli scudi. Rossi (quinto) vola via e trascina Stoner nel fango

La corsa: sbaraccata. Voto 7-. Terno al lotto. La pioggia (e non solo) falcia i piloti come birilli, scombussola i valori in campo e rovina lo spettacolo. A meno che si scambi la corsa con il circo. Dodici piloti al traguardo con distacchi da clessidra: classe regina o classe "belina"?

La Tv: b&n (bianco e nero). Voto 6. Il cielo plumbeo toglie appeal alle immagini e a una MotoGp che vive più di immagine da fari tipo Losail che di valori in campo. Commenti Italia 1: no comment.

Lorenzo: c’è. Voto 9 +. Il maiorchino rende onore al suo number one con vittoria da gran “maestro” e conquista (provvisoria) della classifica iridata. Yamaha (voto 9) e pilota cui niente è impossibile.

Pedrosa: presente. Voto 9. Salva l’onore della Honda (voto 10) anche se sconta un evidente gap sul bagnato. Lo spagnolo intasca punti d’oro e ora ha un mese per recuperare i suoi guai fisici.

Hayden: bandierina. Voto 7- . L’americano riporta la Ducati (voto 6) sul podio anche se il gap di mezzo minuto dal vincitore segna l’abisso fra il primo e il terzo. Questo passa oggi il convento. Chi s’accontenta gode.

Rossi: sbaraccone. Voto 6-. Un quinto posto “recuperato” (gap di un minuto) non cancella la caduta (seconda del weekend e quarta nelle prime due gare) per troppa foga. Si parla del nove volte campione del mondo, non di un … esordiente. La strategia dell’arrembaggio è quella dei perdenti. Cambiare passo, se si può.

Stoner: sfigato. Voto nc. Il “canguro” viene falciato dal volo di Rossi, inconsapevolmente. Addio corsa e zero punti. Commissari vergogna! Tutti a tirar fuori Rossi dal pantano e nessuno ad aiutare l’incolpevole australiano. Così (non) va la … MotoGP.

Simoncelli: sfuriato. Voto 7-. Gran prima parte di gara con (fallito) tentativo di fuga. Un voto più di Rossi, perché il Sic non ha il palmares del pesarese. Ha tempo per … imparare.

Spies: nervosone. Voto 6- Conferma grandi qualità e i non pochi limiti gettando al vento con una caduta una prestazione di tutto rispetto. E la classifica piange. Non solo la classifica.

Dovizioso: vagoncino. Voto 5-. Fatica e fatica a reggere ritmo e bagarre dei migliori, rimanendo l’ultimo vagone del treno Honda. Subisce un gran sorpasso di Rossi. E non solo.

Abraham: galletto. Voto 6. Settimo posto a un minuti e 14, ma davanti a gente che ha vinto fior di corse e titoli mondiali. Il figlio di papà non è … Mike Hailwood, ma gli altri non sono … fenomeni.

Capirossi: compieta. Voto 4. Asciutto o bagnato, il risultato non cambia. Loris non può chiudere così una carriera di prestigio. Prendere atto della realtà e dire basta. Loris merita applausi, non fischi.

  • shares
  • Mail
123 commenti Aggiorna
Ordina: